1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. teofilatto

    teofilatto Membro Attivo

    Professionista
    Buongiorno a tutti

    mi è stata sottoposta una questione che riguarda la ripartizione della tassa sul passo carraio.
    Le cose stanno così: esiste un cortile interno, ad uso di più condomini ( i regolamenti condominiali parlano chiaro, essi hanno solo il diritto di passaggio, non la proprietà) e un unico sbocco verso la strada. A oggi la tassa è pagata da un solo condominio, e l'amministratore vuole fare un riparto spese con gli altri.
    Come si fa questo riparto? Coinvolge non solo i condomini ma anche la proprietà?
    Scusate la mia ignoranza in materia ma sono agente immobiliare e non amministratore!
     
  2. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Di chi è il cortile?
     
  3. nuoviorizzonti

    nuoviorizzonti Membro Attivo

    Professionista
    vanno considerati i vari fabbricati come se fossero condòmini di uno stabile e calcolati per numero di aventi diritto al passagio:
    es. 3 frabbricati con 10 unità cadauno = 30 unità
    tassa / 30 unità
    considerato che la tassa non dovrebbe avere un costo altissimo mi sembra una soluzione equa in quanto il transito è una servitù di passaggio e non penso che faccia differenza avere un immobile (all'interno del cortile) di 200 mq. piuttosto che 50 mq. La differenza "potrebbe essere data" dal fatto che alcuni vi possano transitare con l'auto (perchè possessori di un autorimessa interna al cortile) ed altri solo a piedi.
    in linea di principio considererei i condomini (fabbricati) come "fondi dominanti" e il passaggio come "fondo servente".... quindi il proprietario dell'area di sedime che cede il passaggio "dovrebbe" essere esente dalla spesa.
     
    A totu paladini piace questo elemento.
  4. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Risposta x teofilatto non condivido quanto detto da nuoviorizzonti, se il passaggio carrale e di propietà di un singolo comunista ed è al servizio, deve dare il passo carrale agli altri comunisti, deve mantenere detta servitù efficiente con manutenzione a proprio carico e spese, potrebbe tentare di cedere il diritto agli altri comunisti, ma la vedo dura. ciao adimecasa;)
     
  5. teofilatto

    teofilatto Membro Attivo

    Professionista
    grazie innanzi tutto per l'attenzione
    come si legge dai reg. di condominio la proprietà dei passagi è della società costruttrice (cioè, a oggi, della società erede) mentre i condomini hanno solo diritto di passaggio. La tassa però a quanto so deve essere pagata da chi usa il passaggio, non tanto dal proprietario,no?
     
    A totu paladini piace questo elemento.
  6. nuoviorizzonti

    nuoviorizzonti Membro Attivo

    Professionista
    non solo deve essere pagata da chi utilizza il passagio (dominante) ma deve essere anche mantenuta (manutenzione) a sue spese
     
  7. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Risposte a vari interlocutori. il passo carrabile deve essere mantenuto e conservato dal proprietario anche se dato in uso ad altri comunisti che hanno il diritto di passo ma non di proprietà:risata: ciao adimecasa
     
  8. nuoviorizzonti

    nuoviorizzonti Membro Attivo

    Professionista
    considero il forum luogo di confronto e discussione per migliorare le proprie conoscenze in materia;
    in merito al post precedente riporto quanto segue:
    - servitù prediali art. 1069 c.c. 843, 1064, 1067;

    - obbligo del proprietario del fondo dominante di contribuire alle spese di manutenzione del fondo servente, in misura proporzionale all'uso - sentenza corte di Cassazione 5129/1983 e 72/1976;

    ora, ogniuno può sostenere quello che meglio crede, siamo in un paese libero, ma da quello che si pensa di sapere a quello che invece effettivamente è... c'è la differenza tra il giusto e lo sbagliato;
    che si rivolge al forum presumo abbia bisogno di risposte concrete e non di boutade MAI suffragate dalla normativa ma solo per "sentito dire" :^^:
     
    A maidealista piace questo elemento.
  9. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Risposta x nuovi arizzonti esercizio della servitù 1069 2° comma cita quanto segue: Egli deve fare le opere a sue spese, salvo che sia diversamente stabilito dal titolo o dalla legge - 3° comma Se però le opere giovano anche al fondo servente, le spese sono sostenute in proporzione dei rispettivi vantaggi. ;) adimecasa

    Aggiunto dopo 4 minuti :

    Questo è il mio parere se non è condiviso rimane il mio parere, si può tenerne conto o meno senza usare euforismi gratuiti
     
    A teofilatto piace questo elemento.
  10. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Mi sembra che la posizione di nuoviorizzonti delle ore 15:23 e quella di adimecasa delle ore 16:51 coincidano: ripartizione delle spese tra fondo servente (il proprietario) ed il fondo dominante (l'utente) in proporzione all'uso. D'altronde le sentenze sono allineate con il codice civile.
     
  11. nuoviorizzonti

    nuoviorizzonti Membro Attivo

    Professionista
    il concetto è lo stesso ... ma Egli" come citato nell'articolo è il fondo dominante; il fondo dominante è colui che riceve il passagio (condominio) e il fondo servente che lo dona (proprietario passo carraio);
    è sempre chi riceve il passaggio (condominio, fondo dominante) che opera per mantenere in ordine, anche mediante opere la servitù... perchè è a suo vantaggio; detto questo, considerato che la società proprietaria del passaggio, NON GODE di alcun vantaggio proporzionato all'uso, le spese se le devono accollate e realizzate dai condomini.
    3° comma... parlando di "tassa sul passo carrabile" e non di opere di manutenzione "potrebbe" partecipare anche il proprietario (fondo servente) ma se questi per libera scelta decide di no i condomini rimarrebbero senza accesso alla via pubblica.
     
  12. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Risposta x nuoviorizzonti se rimangono senza accesso alla via pubblica diventa un fondo intercluso, ed il passaggio diventa coatto ciao adimecasa:daccordo:
     
  13. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Può decidere di no? Non è esercizio arbitrario delle proprie ragioni?
     
  14. teofilatto

    teofilatto Membro Attivo

    Professionista
    conclusione: la tassa se la pagano i condomini che ricevono un beneficio da detto passaggio, non il proprietario. OK?

    n.b grazie a tutti!
     
  15. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Era un accordo da stabilire all'inizio, oggi potrebbe essere contraddetto dalla prassi, cioè dagli usi.
     
  16. teofilatto

    teofilatto Membro Attivo

    Professionista
    l'uso di oggi è che un solo condominio paga, cosa che fa girare i maroni all'amministratore di detto condominio ed è il motivo per cui si vuol fare un riparto differente
     
  17. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Risposta x antonio61 x quanto ne so le tasse sui passi carrai sono state eliminate dai comune da tempo, chiedi verifica al tuo comune e fammi sapere ciao adimecasa;)

    Aggiunto dopo 2 minuti :

    rientro nella discussione, la mia risposta è indirizzata alla discussione dei passi carrari chiedo venia x l'errore adimecasa
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina