• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

basilico

Membro Attivo
ciao, vi chiedo aiuto
In assemble approvato rifacimento di un tetto e relative rate. Diversi condomini si sono lamentati di aver subito dei danni personali durante l'allestimento dei ponteggi. La ditta che ha eseguito i lavori ha aperto il sinistro dicendo che non ha nessuna colpa e l'assicurazione di quest'ultima continua sempre a far venire periti e a rimandare il piu' possibile con conseguenza che i condomini "danneggiati" non pagano la loro retta . Ora come ci si comporta in questo caso?
i condomini danneggiati possono citare il condominio?
 
Ultima modifica di un moderatore:

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
I condomini danneggiati non hanno alcun diritto di non pagare (che se sono riferibili al lavoro dovevano già essere pagate prima di appaltare).
Possono citare in causa sia il Condominio (in quanto committente è responsabile) che la ditta.
L'assicurazione della Ditta che tergiversa non è un problema dei danneggiati ne del Condominio.

Amministratore latitante?
 

basilico

Membro Attivo
Nel caso di citazione del condominio io posso chiedere l'estromissione dalla causa?

la domanda è se l'assicurazione non paga è il condominio che deve risarcire , come bisogna comportarsi
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Se tu non sei fra i danneggiati puoi solo palesare il tuo dissenso alla causa (voto contrario in assemblea e notifica all'amministratore).
Questo ti darà diritto di esclusione (rivalsa) per tutti i maggiori costi che deriveranno dalla eventuale soccombenza.
In ogni caso non sarai escluso da quelli per il ristoro del danno
(il cui riparto includerà anche danneggiati).
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
L'assicurazione risarcisce i danni che sono richiamati nel contratto assicurativo, se la causa non è tra le partite assicurate è l'impresa che dovrà pagare il danno di tasca sua perché l'assicurazione non pagherà. Se l'impresa non paga i singoli danneggiati dovranno fare causa al condominio che è il committente dei lavori, il quale dovrebbe avere anche lui una assicurazione; bisogna vedere se questo è assicurato "Responsabilità civile verso terzi" e quali sono le garanzie prestate in questa partita. In caso in cui non ci fosse copertura assicurativa si apre uno scenario cafkiano: il condominio, formato da danneggiati e non danneggiati, dovrà risarcire uno alla volta il singolo danneggiato. Per cui anche i danneggiati pagheranno la loro parte al danneggiato di turno uno alla volta fino a quando non tocca a loro ad essere risarciti.
 
Ultima modifica:

moralista

Membro Senior
Professionista
Sara necessario capire cosa e perché temporeggia l'assicurazione dell'impresa, e se non è il caso di far intervenire la compagnia del condominio
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Mi sembra strano che l'assicurazione dell'Impresa non ti abbia chiesto info della copertura assicurativa del condominio
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
è possibile richiedere tramite l'amministratore di poter vedere cosa comprende la polizza assicurativa della ditta?
direi grosso modo di si anche se era una richiesta che andava fatta prima di affidare i lavori. L'amministratore deve mandare una lettera con la quale intima all'impresa il pagamento dei danni entro un certo termine. Sarà l'amministratore che, una volta avuto gli estremi della assicurazione, contatterà la medesima per accelerare i tempi del risarcimento. In ogni caso l'azione legale va fatta nei confronti della impresa. E il Direttore dei Lavori che dovreste aver nominato dove è?
 

basilico

Membro Attivo
direi grosso modo di si anche se era una richiesta che andava fatta prima di affidare i lavori. L'amministratore deve mandare una lettera con la quale intima all'impresa il pagamento dei danni entro un certo termine. Sarà l'amministratore che, una volta avuto gli estremi della assicurazione, contatterà la medesima per accelerare i tempi del risarcimento. In ogni caso l'azione legale va fatta nei confronti della impresa. E il Direttore dei Lavori che dovreste aver nominato dove è?
Non ho specificato bene che la ditta che ha preso i lavori si è servita per montare i ponteggi di una seconda ditta che è quella che avrebbe causato i danni quindi l'amministratore a chi dovrebbe far riferimento visto che noi abbiamo siglato il contratto con la ditta che ha preso i lavori
Molto spesso però le assicurazioni parlano solo col diretto interessato e cioè la ditta che ha eseguito i soli ponteggi. Il direttore lavori c'è ma di queste cose non si interessa si è solo interessato del buon andamento dei lavori del tetto.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
la ditta che ha preso i lavori si è servita per montare i ponteggi di una seconda ditta
è tutto regolare perché il ponteggio è considerato una opera provvisionale ed il suo montaggio deve essere fatto da una impresa specializzata. "Nei cantieri in cui vengono usati ponteggi deve essere tenuta ed esibita, a richiesta degli organi di vigilanza, copia della documentazione di cui al comma 6 dell’articolo 131 del D.Lgs. 81/2008 - il comma 6 indica che chiunque intende impiegare ponteggi deve farsi rilasciare dal fabbricante copia della autorizzazione di cui al comma 2 e delle istruzioni e schemi elencati al comma 1, lettere d), e), f) e g) dell’articolo 132 - e copia del Piano di montaggio, uso e smontaggio (Pi.M.U.S.), in caso di lavori in quota."
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Sul cartello del ponteggio ci deve essere scritto il responsabile del cantiere e della messa in sicurezza dello stesso
 

basilico

Membro Attivo
Se tu non sei fra i danneggiati puoi solo palesare il tuo dissenso alla causa (voto contrario in assemblea e notifica all'amministratore).
Questo ti darà diritto di esclusione (rivalsa) per tutti i maggiori costi che deriveranno dalla eventuale soccombenza.
In ogni caso non sarai escluso da quelli per il ristoro del danno
(il cui riparto includerà anche danneggiati).
ti riferisci al 1132 del codice civile?
 

basilico

Membro Attivo
direi grosso modo di si anche se era una richiesta che andava fatta prima di affidare i lavori. L'amministratore deve mandare una lettera con la quale intima all'impresa il pagamento dei danni entro un certo termine. Sarà l'amministratore che, una volta avuto gli estremi della assicurazione, contatterà la medesima per accelerare i tempi del risarcimento. In ogni caso l'azione legale va fatta nei confronti della impresa. E il Direttore dei Lavori che dovreste aver nominato dove è?
Si ma l'amministratore come fa a mandare una lettera all'impresa se lo stesso si occupa solo delle parti comuni e non delle parti private?
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
come fa a mandare una lettera all'impresa se lo stesso si occupa solo delle parti comuni e non delle parti private?
non è un grosso problema basta che i danneggiati si uniscano tra loro e nominino un loro rappresentate legale. Quest'ultimo agirà nei confronti dell'impresa alla quale è stato commissionato il lavoro. Certo se il condominio è fatto da "solisti" ognuno dovrà provvedere per proprio conto a difendere i propri interessi,
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Tempo fa ho creato un arco senza togliere il muro sotto non portante. Quindi non ho variato la metratura della stanza. Ora dovrei vendere l appartamento. Devo ripristinare parte mancante o non avendo modificato planimetria non serve. Grazie
angelamura ha scritto sul profilo di elisabetta giachini.
sono proprietaria al 50% di una villetta con il mio ex marito Nell'accordo di separazione , e' stato concordato un assegno di mantenimento di euro 500 che pero' non mi viene erogato sino a quando io continuero ad abitare nella casa in attesa della vendita, come pagamento della mia quota di affitto.
Volevo sapere se, sia come comproprietaria, sia come affittuaria, posso subaffittare una stanza della casa?
Alto