1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Salve, un quesito sulla ripartizione delle spese di riscaldamento condominiale. In un condominio nel quale ci sono abitazioni e negozi, fino a poco tempo fa il riscaldamento centralizzato era fatto pagare solo alle abitazioni. Ora da qualche tempo due condòmini hanno chiesto e ottenuto il distacco e tuttavia continuano a pagare alcune quote fisse. Quindi ad oggi u.i. diverse come categoria catastale (abitazioni da una parte, negozi dall'altra) sono trattate in modo diverso pur essendo le une e le altre prive del riscaldamento centralizzato.
    Mi chiedo: è giusto questo?
     
  2. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Salvo non sia statoprevisto da una convenzione, no.
    Potrebbe infatti essere che i negozi siano stati esclusi, per convenzione, da qualsivoglia spesa di riscaldamento e ciò sull'assunto che non beneficiassero del servizio; ciò tuttavia non consentirà l'estensione di tal disciplina anche agli appartamenti distaccatisi dal centralizzato; tal fine necessaria ulteriore convenzione derogatoria art. 1123 Cc (o delibera unanime)
     
  3. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Inpreciso.
    Posto che i negozi saranno al pianterreno e mai hanno avuto elementi riscaldanti...è più che ovvia la differenza con quell unità (appartamenti) che seppur successivamente distaccate sono ancora proprietari di quota dell'impianto centralizzato (caldaia), delle dispersioni dello stesso e godono sia dell'eventuale riscaldamento delle aree comuni (non a servizio dei negozi) come del benefico indiretto del calore delle altre unità.
     
    A meri56 piace questo elemento.
  4. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Insomma i negozi si costruiscono in modo da non beneficiare delle dispersioni termiche dei tubi dell'acqua proveniente dalla caldaia.
     
  5. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Questo dipenderà a seconda del caso...forse si forse no...comunque irrilevante.
    Se in negozi fin dal loro acquisto non risultano proprietari dell'impianto centralizzato non sarà certo il subire una eventuale servitù di passaggio (dei tubi nei loro locali) ad costituire motivo per addebito di quote di riscaldamento.

    Devi comprendere l'origine delle cose e non la loro apparenza.
     
    A Luigi Criscuolo piace questo elemento.
  6. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Non esiste una regola generale se non quella dell'art.1123 Cc e sua derogabilità solo per convenzione.

    Non è detto Dimaraz, se vi è l'impianto potenziale, anche in assenza di elementi radianti, fin dalla nascita del Condominio, il costo fisso a carico dei negozi pur sempre ci sarà. Per escluderli totalmente devono risultare privi di quota parte millesimale sul bene caldaia che quindi bene non comune sarà.
    Solo una convenzione potrà stabilire ciò
     
  7. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    E' quanto intendevo e specificato nel post successivo.
    Ovviametne non sarà arbitrio dei titolari del negozio ...ma se non decisione assembleare certamente un più vincolante RdC stabilito dal costruttore.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina