1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. akillea

    akillea Ospite

    ho letto che se un'immobile è disabitato (chiuso) in un condominio con riscaldamento centralizzato si può chiedere che la spesa sia ridotta al 30% del consumo,è vero e se sì che cosa si deve fare per ottenerla? grazie
     
  2. Andrea Sini

    Andrea Sini Membro dello Staff

    Professionista
    Se ci sono le condizioni bisogna farne richiesta al condominio e far piombare i radiatori per impedirne l'uso.
    A questo punto viene applicata la riduzione della spesa.
     
  3. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    La norma non è una regola, solo dopo aver visionato il regolamento condominiale si potrà rispondere con precisione, ammesso che il regolamento lo preveda, chiudendo e/o staccando i radiatori, puoi ridurri al 30% il costo del riscaldamento per varie dispersione, se il regolamento non lo prevede,:daccordo: solo un'assemblea qualificata ti può autorizzare o non autorizzare allo stacco ciao adimecasa
     
  4. federobe

    federobe Nuovo Iscritto

    Quando il guru dice se ci sono le condizioni...intende se è previsto dal regolamento di condominio ( in questo caso è anche stabilita la percentuale di riduzione che può essere anche inferiore o maggiore del 30%).In molti regolamenti è prevista che l'assenza di occupanti e relativa chiusura/piombatura dei radiatori sia uguale o superiore a mesi (tre/quattro...). Ciao:daccordo:
     
    A Andrea Sini piace questo elemento.
  5. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    il 30% è stabilito dalle normative,:daccordo: vedi tabelle pubblicate in quasi tutti i libri del settore ciao adimecasa
     
  6. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    Necessita sempre un'autorizzazione dell'assemblea che stabilisca la riduzione della percentuale da pagare.
     
  7. federobe

    federobe Nuovo Iscritto

    Ho amministrato molti condomini in cui le tabelle riportavano l'80% a consumo ed il 20% fisso , altri che riportavano il 60% e il 40% fisso ( è pur vero che la maggioranza dava rispettivamente un 70% e un 30%) . Come per altro, molti non prevedevano alcuna riduzione in caso di chiusura prolungata del riscaldamento:disappunto:Forse Akillea ci potrà chiarire cosa dice il Suo regolamento. Ciao federobe
     
  8. akillea

    akillea Ospite

    dovrei chiedere all'amministratore,io non ci abito è un'eredità funesta purtroppo come ho postato in altra parte del forum,comunque mi pare che chiudere i termosifoni non si possa altrimenti agli altri condomini si interrompe il circuito,con quell'amministratore mi sono incavolata,manda le spese una volta a me un'altra all'altro proprietario coerede col quale non ho contatti e così regolare mi arriva il decreto,può farlo ok ! la storia infinita,c'è nessuno qui dentro che gli dono la mia quota?
     
  9. Andrea Sini

    Andrea Sini Membro dello Staff

    Professionista
    Se non avete dato comunicazione specifica ufficiale, che uno di voi due eredi mantiene i rapporti dovrebbe inviare le comunicazioni ad entrambi, mandagli una A.R. spiegando la situazione.
    Per ricevere donazioni siamo tutti disponibili, credo, :shock: scherzo! ;)
     
  10. akillea

    akillea Ospite

    a quello gli ho telefonato,perchè in principio mandava le ripartizioni per quota poi ha detto che lo faceva per cortesia ma che non è tenuto,l'ultima ha mandato il totale a me delle straordinarie e all'altro delle ordinarie e così ci mette nei casini!!!!
    per la donazione se qualcuno è interessato,è un terzo di un'appartamento sito in MARGHERA-VENEZIA, BASTA CHE IL RICEVENTE PARTECIPI ALLA SPESA ATTO NOTARILE.FIFTY-FIFTY
     
  11. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Risposta x akillea, prima cosa comunicate all'amministratore l'incaricato a ricevere e a chi deve rivolgersi per indirizzare la corrispondenza ed eventuali comunicazioni, (richiesta sottoscritta dagli eredi) così l'amministratore non potrà:daccordo: campare lo so o non lo so, per quanto riguarda la tua offerta, non cè di meglio che un lascito a qualche ente di beneficienza, saranno loro poi a sbrigare le faccende per quanto riguarda la tua quota, altro non mi dilungo e ti saluto ciao adimecasa Bergamo
     
  12. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    I termosifoni sono tutti in parallelo (determinano quindi 'spillamenti' di calore), non in serie, quindi stai tranquilla che agli altri condòmini non mancherà il calore! E' come per l'acqua o l'elettricità o il gas: chiudendo i rubinetti o gli interruttori o le valvole di casa tua non impedisci agli altri condòmini di avere l'acqua o l'elettricità o il gas!
     
  13. akillea

    akillea Ospite

    GIA' interpellati enti parrocchie caritas,sembra facile a parole,ma non accettano è solo una quota,uno,poi non intendono scucire soldi,un'atto costa dai 1500 euro in su ehh grazie,dono e anche devo accollarmi sta spesa?.....
     
  14. Andrea Sini

    Andrea Sini Membro dello Staff

    Professionista
    Domanda stupida, ma agli altri coproprietari non interessa acquistare la tua quota?
     
  15. akillea

    akillea Ospite

    all'altro non interessa per mancanza di disponibilità economica,magari l'avesse acquisita,ho solo spese , avevamo messo in vendita ma non è facile piazzarlo comunque avevo proposto di abbassare molto il prezzo ma l'altro non vuole,non capisce una m......e così ci stiamo mangiando soldi e salute,pensavo alla vendita forzata ma ha un costo e tempo lungo sicchè non si risolve nulla
     
  16. Andrea Sini

    Andrea Sini Membro dello Staff

    Professionista
    Fallo metter ein vendita al prezzo che vogliono gli altri, poi passato un po di tempo (3 mesi) chiedete un incontro con l'agenzia o chi avete incaricato per la vendita e gli chiedete un parere.
    La domanda che farai sarà: perche secondo voi non si vende?
    La risposta sarà: perchè il prezzo è troppo alto!!!
    Fosre in questo modo si può sbloccare lo stallo che vi blocca.
     
  17. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    L'unica cosa da fare in caso di controversia è la vendita giudiziale, e/o regalarla all'altro coedere. ciao adimecasa:daccordo:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina