1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. frank3

    frank3 Membro Attivo

    Mia sorella (senza eredi legittimi) vorrebbe intestare un'appartamento a mia figlia , il notaio ci consiglia una finta compravendita che consentirebbe la piena disponibilita' del bene imm. con indicazione sull'atto di un ass. bancario che non verrebbe mai incassato dalla beneficiaria, quali rischi potrebbe correre con l'agenzia delle entrate mia figlia in seguito a tale operazione, grazie a tutti per la collaborazione
     
  2. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    Bel consiglio ... ma si faccia dire anche le controindicazioni visto che tira in ballo un notaio....
     
  3. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Io farei emettere un assegno dalla banca e dopo averlo registrato all'atto lo tornerei a incassare, se l'asasegno lo emette la zia, risulterà un regalo in valuta della zia, nulla di male.
     
  4. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    Scusate la domanda, ma visto che la zia non ha eredi legittimi, non può fare un semplice atto di donazione, o lasciare quell'appartamento alla nipote in eredità?
     
  5. ferrari domus

    ferrari domus Nuovo Iscritto

    Cambi Notaio!
     
  6. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    La cosa giusta è quello di venderlo, regalandole la cifra, sotto forma di giroconto, ovvero dal suo c/c preleva un circolare alla nipote, con il quale pagherà l'appartamento e sarà sua senza vizi di donazioni, e se il fisco un domani accerterà, risulterà chiaramente un regalo della zia.
     
  7. ferrari domus

    ferrari domus Nuovo Iscritto

    Bravo Giacomelli cosi oltre all'appartamento le avrà regalato anche i soldi per comprarlo.
     
  8. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Temo di non essermi spiegato, la zia emette un assegno circolare che all'atto notarile torna a incassare, quindi ha regalato l'appartamento, NON i soldi, e ha operato nei termini di Legge, nessuna evasione, nessuna donazione immobiliare con conseguenze derivanti, la nipote intestataria, a tutti gli effetti dell'immobile e un agente immobiliare che avrebbe dovuto comprendere.
     
  9. Bonats

    Bonats Nuovo Iscritto

    Se no ha eredi diretti non vedo il problema se dona il suo immobile a chi le pare.

    Fate una donazione ed evitate giri strani di denaro (seppur fittizi).

    P.s. Notaio molto professionale :)
     
  10. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    ma rientra nei diritti di tutti donare, il percorso suggerito è dettato da due ordini di motivi, avere un immobile con una donazione nell'atto di provenienza, il che renderebbe invendibile il bene, e avere un circolare da citare in atto per cui domani, in una verifica fiscale risulti chiaramente chi e come ha donato sotto forma di soldi la provvidenza di soldi. Risulterà chiaro che la nipote non avrebbe potuto disporre di tale cifra, immaginiamo perchè non benestante, mentre la zia ha solo fatto un giroconto, non ha evaso, perchè l'immobile lo possiede da più di 5 anni e quindi non deve nulla ulla vendita.
    Quindi massima correttezza, massima trasparenza, massima salvaguardia del bene, ricordo che la domanda era come la zia potesse intestare l'appartamento alla nipote, ovvero donarglielo, senza incorrere in nessun disagio, illegalità.
     
  11. Bonats

    Bonats Nuovo Iscritto

    Ci certamente... In questo caso non si corre rischio alcuno è vero...

    Però non penso sia invendibile se l'atto di provenienza sia una donazione da un donante cui sia appurato che non abbia eredi diretti.... o mi sbaglio?
     
  12. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    e' sempre un indizio di invendibilità, poi dimostrare che non vi sono altri eredi, magari un compagno in età senile, o mille altre forme, rende il bene non gradito al mercato.
     
  13. Bonats

    Bonats Nuovo Iscritto

    Sicuramente ha dei risvolti negativi sul mercato in quanto è risaputo di enormi danni provocati da transazioni di immobili donati poco chiare. Ma dal punto di vista legislativo si è apposto. Un compagno in età senile anche se sposato post atto non ha alcun diritto sul bene.
     
  14. romrub

    romrub Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Io parlo da uomo della strada .... ignaro di tutto, secondo me la zia, fa un bonifico alla nipote dell'importo del valore minimo legale dell'appartamento, motivandolo come regalia, la nipote con quei soldi paga l'immobile alla zia. Il tutto già detto in altra maniera da Giacomelli, il punto è se la zia ha una liquidità che le permetta di innescare questo circuito virtuio. Ciao.
     
  15. ferrari domus

    ferrari domus Nuovo Iscritto

    Giacomelli per cui tu dici...la zia fai emettere dalla banca un assegno circolare alla nipote..la quale lo versa sul suo conto e dopo fa un assegno alla zia di pari importo , a fronte di una compravendita. Ti sembra tutto regolare? Le banche coinvolte nelle operazioni devono assolutamente segnalare i movimenti, che non è un giroconto come dici, ma potrebbero nascondere tante altre frodi all'interno dell'operazione.
     
  16. Bonats

    Bonats Nuovo Iscritto

    Non esiste un valore minimo legale.. Altrimenti non sarebbe libero mercato!!

    Posso vendere un immobile ad uno sconosciuto anche per 3 Euro. L'unico problema è giustificare tale pazzia agli organi preposti al controllo fiscale...
     
  17. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    La malavita di N.Y. potrebbe richiedere alla zia della nostra amica di riciclare una cifra legata al commercio di una partita di stupefacenti proveniente dalla compravendita di armi per la causa del terrorismo internazionale, questo è vero, ma poi tutto fu chiarito, la zia chiese alla banca, il giorno prima dell'atto notarile di emettere un assegno circolare a nome di sua nipote, che meno di 12 ore dopo avrebbe riportato "girato in banca per versarlo sul conto. Il Direttore, avvisato per tempo, pur non disponendo, quella liquidità, aveva acconsentito a far fare questo giro di valuta in meno di 12 ore, riservando un costo esiguo alla banca.
     
  18. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La soluzione di Adriano Giacomelli è interessante, tuttavia, a mio avviso, c'è un rischio di vedere impugnata la vera natura dell'atto: donazione e non compravendita.

    In proposito suggerisco la lettura del seguente articolo: I movimenti della giurisprudenza intorno all'abuso del diritto FiscoOggi.it
    La Cassazione afferma che «il contribuente non può trarre indebiti vantaggi fiscali dall'utilizzo distorto, pur se non contrastante con alcuna specifica disposizione, di strumenti giuridici idonei ad ottenere un risparmio fiscale, in difetto di ragioni economicamente apprezzabili che giustifichino l'operazione, diverse dalla mera aspettativa di quel risparmio fiscale»

    Dunque, se l'AdE o la GdF, nel corso di una potenziale verifica sulla transazione, ravvisassero l'intenzione di ottenere un risparmio fiscale (vedi agevolazioni sulle imposte per l'acquisto della prima casa, inferiori aliquote IMU, ecc., tanto per citare le più evidenti) attraverso il finanziamento dell'acquisto con «regalo» della provvista, e tale evenienza risultasse concreta, credo che potrebbero contestare la vendita fittizia.
     
  19. ferrari domus

    ferrari domus Nuovo Iscritto

    L'unica cosa giusta è che trattasi di finta vendita e se è finta...è finta per tutti!
     
  20. romrub

    romrub Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Sono d'accordo che si può vendere anche a 3 euro, anzi si può anche regalare, "il minimo legale" si deve intendere, la cifra che eviti eventuali controlli della Finanza e/o dell'AdE.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina