• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

N

nonnopaolo

Ospite
Salve,
in un contratto 4+2, se per motivi straordinari il locatario ha la necessità di rientrare in possesso dell'immobile per adibirlo a sua abitazione, può disdire il contratto prima della scadenza dei 4 anni?
Se è possibile, mi direste per favore a quale norma o art. del codice civile si deve fare riferimento?
Grazie mille
Paolo
 
O

Ollj

Ospite
quale norma o art. del codice civile si deve fare riferimento?
Legge 431/98 art. 3, alla prima scadenza, il locatore può negare il rinnovo del contratto, dandone comunicazione al conduttore con preavviso di almeno sei mesi; tra i motivi previsti vi è:
il locatore intenda destinare l'immobile ad uso abitativo, commerciale, artigianale o professionale proprio, del coniuge, dei genitori, dei figli o dei parenti entro il secondo grado.
Quindi lei, solo al compimento dei 4 anni potrà riottenere l'immobile.
 
N

nonnopaolo

Ospite
Ok, grazie per le delucidazioni.
Solo una cosa: la possibilità di rientrarne in possesso al termine dei 4 anni, è regolata soltanto dall'art. 3 della L, 431/98 o nel contratto va inserita una qualche clausola specifica?
Grazie
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Ok, grazie per le delucidazioni.
Solo una cosa: la possibilità di rientrarne in possesso al termine dei 4 anni, è regolata soltanto dall'art. 3 della L, 431/98 o nel contratto va inserita una qualche clausola specifica?
È prevista dalla legge e quindi non è oggetto di pattuizione tra le parti.
 
O

Ollj

Ospite
Quindi, come dettole, è un suo diritto esercitabile anche in assenza di clausola a contratto: essenziale, per l'esercizio, che ricorrano tutte le condizioni di legge.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
in un contratto 4+2,
Non cambia la conclusione cui sono giunti Nemesis e Ollj: per curiosità chiederei anche a quale normativa faccia riferimento questo insolito contratto 4+2: non certo al comma 1 art. 2 della 431; forse al comma 5 (contratto concordato)?
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
a quale normativa faccia riferimento questo insolito contratto 4+2: non certo al comma 1 art. 2 della 431; forse al comma 5 (contratto concordato)?
Art. 2, comma 3 (il quale, ex comma 5 dello stesso articolo, non può avere durata inferiore ai tre anni).
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Art. 2, comma 3 (il quale, ex comma 5 dello stesso articolo, non può avere durata inferiore ai tre anni).
Grazie, questo lo davo per implicito....; ma è nonnopaolo che dovrebbe dare la risposta.

Se avesse immaginato o scritto di fare un contratto ex 431 art. 2 c. 1, o c. 3/5 non applicando gli accordi territoriali, si troverebbe automaticamente , in assenza di disdetta alle precise norme di legge, a ritrovarsi una proroga di 4 anni, essendo nulla una pattuizione contraria.
 
O

Ollj

Ospite
Comma 3 art.2
"In alternativa a quanto previsto dal comma 1, le parti possono stipulare contratti di locazione, definendo il valore del canone, la durata del contratto, anche in relazione a quanto previsto dall'articolo 5, comma 1, nel rispetto comunque di quanto previsto dal comma 5 del presente articolo, ed altre condizioni contrattuali sulla base di quanto stabilito in appositi accordi definiti in sede locale fra le organizzazioni della proprietà edilizia e le organizzazioni dei conduttori maggiormente rappresentative"
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
La proroga è biennale
Che debba precisarti la legge proprio io mi sembra assurdo: la proroga è biennale,
se e solo se il contratto rientra nella casistica dei concordati (comma 3/5 vedi tu).

peccato @nonnopaolo non abbia specificato nulla al riguardo.

Indiscutibilmente potrebbe essere la sola ipotesi ragionevole, se no il contratto conterrebbe anche un errore di sbaglio.

O no?
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Se avesse immaginato o scritto di fare un contratto ex 431 art. 2 c. 1, o c. 3/5 non applicando gli accordi territoriali
Un contratto che prescindesse (in toto, dato che la norma, in quanto alla sua durata ne prevede solamente quella minima) da quanto stabilito in appositi accordi definiti in sede locale fra le organizzazioni della proprietà edilizia e le organizzazioni dei conduttori maggiormente rappresentative, non sarebbe con tutta evidenza un contratto ex art. 2 comma 3.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Ma stiamo ragionando proprio su tal ipotesi. Lei ha chiesto se esistente norma che possa legittimare un 4+ 2 e risposta le abbiam dato; teorica, certo, come teorico era il quesito:
Credo di aver successivamente chiarito quale fosse la vera domanda: noto infatti che la prima frase poteva dare adito ad una equivoca lettura. (Cui persone intelligenti come voi non avrebbero dovuto sguazzare)

Nelle mie repliche era chiaro che chiedevo a @nonnopaolo una risposta precisa: ha stipulato un contratto concordato o un contratto pseudo-libero?

Poichè stiamo citando legge, articoli e commi, darei per scontato, fino a prova contraria che ne conosciamo tutti noi il contenuto.... :maligno:

Che le durate siano "le minime" è fuori discussione: il 3 del concordato, il 4 dell'ordinario, possono essere stabiliti anche di durata superiore.

Ribadisco la domanda a @nonnopaolo : per quale motivo nel contratto la proroga è stata fissata a 2 anni? Poi ne riparliamo, se necessario.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
per quale motivo nel contratto la proroga è stata fissata a 2 anni?
Perché così prescrive la norma relativa ai contratti di tipo concordato: alla prima scadenza del contratto, ove le parti non concordino sul rinnovo del medesimo, il contratto è prorogato di diritto per due anni.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

angelamura ha scritto sul profilo di elisabetta giachini.
sono proprietaria al 50% di un appartamento di una casa bifamiliare. L'altro 50% e di proprietà del mio ex marito,L'altro appartamento che si trova al piano di sotto e' di proprieta' al 50% sempre del mio ex marito e 50% di mia figlia. Ora ci sono delle spese da sostenere per il tetto della casa. Per quanto io devo partecipare ? grazie
Alto