1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. KID1412

    KID1412 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Salve a tutti, sono il comproprietario al 50% di un immobile che avevo concesso in comodato d'uso gratuito ad un parente, a tempo indeterminato e risoluzione in ogni momento previo raccomandata a/r con preavviso di 30 giorni.
    Quattro mesi fa è venuto a mancare il comodatario e quindi mi sono accordato verbalmente con la moglie, che ha quindi lasciato l'immobile trasferendosi in un altro da circa un mese, anche se presumo abbia ancora da cambiare la residenza.
    Visto che ora i rapporti si sono incrinati mi domando, non avendo all'epoca risolto il contratto mediante raccomandata, può lei in qualsiasi momento rivendicare tale comodato d'uso? Non conta nulla che ci eravamo messi d'accordo a parole? Perché da quanto ho capito leggendo in giro lei potrebbe uscirsene dicendo che non si era mai trasferita e quindi il contratto sarebbe ancora valido... Come posso tutelarmi? Oltretutto non conosco il suo nuovo indirizzo, senza contare che al 99% ha ancora la residenza sul mio immobile...
    Specifico inoltre che pur essendo comproprietario il comodante risulto solo io sul contratto quindi volendo potrei avvalermi dell'altro proprietario per rendere nullo il comodato? Grazie in anticipo per l'aiuto!
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Art. 1811 c.c.:
    In caso di morte del comodatario, il comodante, benché sia stato convenuto un termine, può esigere dagli eredi l'immediata restituzione della cosa.

    Questo principio trova eccezione nel caso di una espressa e contraria pattuizione tra le parti.
     
  3. KID1412

    KID1412 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Ciao, anzitutto grazie per la risposta.
    Il mio problema è che mi sono basato sul rapporto di fiducia che avevo con l'erede, ossia la moglie del comodatario (mia zia), quando questa ha lasciato casa.
    Mi ritrovo però ora, si con la casa vuota (che sto nel frattempo sistemando) ma anche con un nulla dal punto di vista cartaceo o comunque tracciabile, che dimostri che in data x mia zia ha lasciato l'appartamento consensualmente a quanto deciso insieme: si potrebbe dire che verbalmente ho dato un preavviso ben più lungo di 30 giorni.
    Ora mi chiedo, come posso tutelarmi da eventuali rivendicazioni?
     
  4. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Spedisci una lettera raccomandata A.R. chiedendo l'immediata restituzione.
     
  5. KID1412

    KID1412 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Ma scusami, con immediata restituzione non ho ben capito cosa intendi: trattandosi di erede valgono le stesse condizioni che vi erano con il comodatario originale? Ossia tempo indeterminato con richiesta di restituzione da inviarsi a mezzo raccomandata a.r. e soprattutto 30 giorni di preavviso? Oppure posso posso mandare una raccomandata a.r. senza il preavviso?
    Perché nel primo il caso il paradosso è che mia zia potrebbe esigere di tornare nell'appartamento legittimamente per 30 giorni... e poi hai voglia a mandarla via per vie legali!
    In ogni caso comunque sorge un problema: mia zia avrà sicuramente ancora residenza nell'appartamento che era in comodato ed è comunque l'unico indirizzo che ho: dovendo spedire una raccomandata a.r. dovrei spedirla per forza li, arriverebbe il postino e troverebbe me che ovviamente non ritirerei e quindi il tutto starebbe in giacenza alle poste per poi tornare indietro a me. Va bene lo stesso? Oltretutto così sarebbe come ammettere implicitamente che mia zia, al giorno in cui spedisco la raccomandata abita ancora lì... non rischio di tirarmi la zappa sui piedi?
     
  6. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Rileggi la norma che avevo riportato.
     
  7. KID1412

    KID1412 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Quella norma ormai si potrebbe dire che l'ho imparata a memoria!
    Il dubbio che ho è sull'interpretazione, conscio dell'arzigogolato sistema legislativo italiano: con immediata restitutizione si bypassano anche eventuali termini di preavviso?

    Perchè hai anche scritto
    "Questo principio trova eccezione nel caso di una espressa e contraria pattuizione tra le parti."
    quindi non capisco se intendi che, avendo specificato io un preavviso di giorni 30 con raccomandata nel contratto originario questo si estende anche agli eredi come parti... oppure con pattuizione intendi una cosa successiva che avrei dovuto fare (e che non ho) con l'erede?

    Scusami la pignoleria e le precisazioni ma molto spesso ste cose si capiscono al contrario e poi via di fraintendimenti...!
     
  8. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Incomincia con il cambiare la serratura dell'appartamento.
     
  9. KID1412

    KID1412 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Sicuramente è una cosa che farò a breve, probabilmente subito dopo aver mandato la raccomandata... che se non ritira mi tocca comunque aspettare 30 giorni per avvenuta giacenza.. pazzesco!
     
  10. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il Contratto è terminato con la morte del locatario; con la moglie, erede, non hai preso alcun altro impegno, che tra l'altro ha abbandonato spontaneamente l'abitazione; tu hai a disposizione l'appartamento e hai cominciato i lavori di ristrutturazione, a questo punto mi chiedo, che documento ti serve per farti stare tranquillo ? Che venga dissotterrato, in presenza dei carabinieri, il cadavere del vecchio locatario per verificare se è morto veramente ? Perdonami per l'ironia, ma quando ce vò, ce vò.
     
  11. KID1412

    KID1412 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Capisco il tuo punto di vista, in effetti da fuori immagino che l'intera situazione appaia vissuta con angoscia da parte mia...
    Tuttavia, provate a mettervi nella mia situazione mentale un attimo: la moglie in quanto erede se ne è si andata ma senza firmarmi nulla e ha ancora le chiavi... se una mattina me la ritrovo dentro casa hai voglia a dimostrare i fatti che sono realmente accaduti di fronte alla legge! Sicuramente alla fine mi verrebbe data ragione e riotterei l'immobile ma chissà dopo quanto tempo! Mica potrei buttarla fuori a forza...
    Sono stato ciuco io, lo ammetto, a non fare all'epoca un pezzo di carta che farò ora e se non me lo firma via di raccomandata... e pace!
     
  12. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Scusa cambia la serratura non a breve ma subito poi vai dai vigli e dici Egr. mia zia è andata via e correttamente vi ho messo a conoscenza perché la TASI e le altre tasse le devo pagare io per intero, poi lei non ha più la residenza qui di fatto ma non conosco l'attuale visto che dal gg. x x x non si è fatta più sentire.
    Almeno hai un inizio
     
  13. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    cosa c'entrano i vigili?
     
  14. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non sono i vigili che devono controllare la presenza e pertanto la residenza effettiva dell persone:)
     
  15. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Proprio così e non sarebbe la sola contestazione che le potrebbe essere mossa ove lei cambiasse, nel mentre, la serratura di casa.
    A mio giudizio, lei non deve inviare una raccomandata per dare il preavviso all'erede, (non dovuto come già sottolineato da Nemesis); semplicemente lei deve costituire, a proprio favore, una "prova" che dimostri:
    - lo spontaneo rilascio dell'immobile da parte di chi non aveva titolo alcuno per rimanervi
    - come l'immobile, a rilascio avvenuto in data xxxx, sia stato trovato totalmente sgombro e privo di effetto personale alcuno.
    Sempre a mio avviso il tenore della raccomandata sarà anche d'intimazione all'erede:
    - a riconsegnare le chiavi dell'immobile ancora illegittimamente detenute;
    - per avvisare che, ove ciò non avvenisse, per motivi di sicurezza, si dovranno cambiare le serrature dell'ingresso (imputandone tutte le relative spese a chi di competenza)
     
  16. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    P.S. Quando le verrà riconsegnata la raccomandata a/r per avvenuta giacenza, non apra il plico.
     
  17. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    si è vero; i vigili controllano la effettiva residenza del richiedente la medesima; solo un piccolo particolare si muovo per l'input dei servizi demografici del Comune in cui è stata presentata la richiesta di residenza non su sollecitazione di un cittadino qualunque.
     
  18. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Beh! tanto qualunque non proprio visto che il titolare è quello che rimane ed è quello che correttamente deve pagare le tasse ma visto che i soldi hanno lo stesso profumo pertanto chi li paga paga al comune non importa....ma un cittadino non può essere ligio e autodenunciarsi dicendo oh! le tasse le devo pagare tutte io perché abito solo io qui! l'altra è andata via.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina