1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. lucia

    lucia Membro Attivo

    In data 18/4/2012 ho sottoscritto un preliminare di affitto con riscatto con un'impresa edile relativamente a un immobile ancora da costruire versando a titolo di anticipo € 20.000,00. Preciso che il preliminare non è stato registrato.La consegna era prevista per il 31/12/2013.Nulla ad oggi è stato fatto poichè l'impresa ha avuto dei problemi.Ho dichiarato all'impresa che voglio recedere dal contratto e rivoglio indietro l'anticipo.Mi ha proposto di fare una scrittura privata in cui le parti danno atto di risolvere consensual mente il preliminare e dove l'impresa si impegna alla restituzione dell'importo da me versato versandomi €1.000,00 al mese.Mi serve un consiglio sul da farsi.Mi conviene firmare la scrittura oppure no?Come è meglio che proceda?Grazie in anticipo a chiunque sia in grado di consigliarmi.
    Lucia
     
  2. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Tu gli hai dato 1000 euro/ mese? Poiché sono inadempienti ti dovrebbero restituire il doppio della caparra. Vedi tu.....
     
  3. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se il versamento è stato fatto a titolo di acconto deve essere restituito integralmente. Mentre se lo è stato come caparra confirmatoria, in caso di inadempimento deve essere restituito duplicato.
    La proposta di restituire l'importo in rate da 1.000 € mi fa pensare che l'impresario abbia qualche problema di liquidità, preludio o per lo meno sintomo di un prossimo fallimento. Tastagli il polso e decidi di conseguenza.
     
  4. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    E' evidente che l'impresa dovrebbe rendere tutto e subito , ma credo che il problema sia questo: " ma se in fatto non possono rendermi i soldi subito che faccio ? "
    Bel problema; ammesso che l'impresa versi in difficoltà finanziarie ( e qui è ragione di credo o non credo, dubbio che puo' persistere anche dopo aver eseguito ispezioni camerali o C/o conservatoria che abbiano dato risultato negativo ) che fare?
    a. Agire in maniera forte (avvocato, intimazione etc.) reclamando tutto e subito, rischiando di far precipitare una situazione finanziaria già precaria ?
    b. Acconsentire alla loro proposta ; e se poi " in itinere" l'impresa "salta" ?

    Via d'uscita tutta da verificare con controparte : "accetto la dilazione a condizione che
    i pagamenti rateali siano garantiti (alternativamente ed in ordine decrescente di preferenza ) da :
    1-Fideiussione bancaria rilasciata dalla banca del socio (escludendo la banca dell'impresa per ovvie ragioni)
    2-Cambiali garantite personalmente dai soci o terzi patrimonialmente solvibili
    3-Garanzia chirografaria di tutti i soci della impresa ( due righe in cui sta scritto : se non paga l'impresa mi impegno solidalmente e/o individualmente a pagare quanto andato insoluto )
     
  5. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
  6. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    Condivido le soluzioni proposte in via generale da verificare ovviamente nel particolare.
    Vista la situazione riferita appare necessario il supporto di un professionista della compravendita immobiliare per evitare altre complicazioni per l'acquirente già in difficoltà.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina