1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. key

    key Membro Attivo

    Professionista
    RISOLUZIONE DI DIRITTO E PROCEDIMENTO DI SFRATTO


    CORTE DI CASSAZIONE CIVILE
    27 agosto 2013, n. 19602
    Pres. Finocchiaro – Est. Frasca – P.M. Basile (conf.)

    Il procedimento per convalida di sfratto per morosità, di cui all’art. 657 c.p.c. è utilizzabile dal locatore non soltanto per far valere nella forma speciale di cui a tale procedimento un’azione di risoluzione del contratto di natura costitutiva ai sensi dell’art. 1453 c.c., ma anche per far valere nella forma speciale un’azione di accertamento dell’intervenuta risoluzione di diritto del contratto locativo, in forza del verificarsi di una delle fattispecie di cui agli artt. 1454 (diffida ad adempiere), 1456 (clausola risolutiva espressa) e 1457 (termine essenziale). (C.c., art. 1453; c.c., art. 1456; c.p.c., art. 657) (1)

    La clausola risolutiva espressa non comporta automaticamente lo scioglimento del contratto a seguito del previsto inadempimento, essendo sempre necessario, per l’articolo 1218 c.c., l’accertamento dell’imputabilità dell’inadempimento al debitore almeno a titolo di colpa. Peraltro, tale accertamento deve essere condotto con riferimento al momento dell’inadempimento e non con riferimento a comportamenti delle parti successivi al suo verificarsi, potendo tali comportamenti successivi all’inadempimento tutelato da clausola risolutiva espressa, ove si verifichino prima della dichiarazione di volersene avvalere, assumere semmai solo l’eventuale significato di evidenziare per facta concludentia, ex latere della parte che può dichiarare di volersi avvalere della clausola ed ancora non l’abbia fatto, il valore di rinuncia ad esercitare il diritto di avvalersene. (C.c., art. 1218; c.c., art. 1456) (2)

    (1) Interessante pronuncia, articolata e ben motivata, in merito alla quale non constano precedenti editi.

    (2) Sulla prima parte della massima, v. Cass. civ., sez. III, 6 febbraio 2007, n. 2553; Cass. civ., sez III, 5 agosto 2002, n. 11717 e Cass. civ., sez. II, 14 luglio 2000, n. 9356, tutte in Ius&Lex n. 5/2013, Ed. La Tribuna.

    Commenti su questa sentenza?
     
    A Ollj piace questo elemento.
  2. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Non vedo novità alcuna.
    Già era stato richiamato tal indirizzo (quando si ebbe modo di discutere sulla portata di una sentenza dichiarativa e su come debba comportarsi il locatore in termini d'inadempimento/clausola risolutiva).
    Ciò nonostante, repetita juvant
     
  3. key

    key Membro Attivo

    Professionista
    Spero non ci siano altre sentenze Della cassazioni in merito,postune a questa
     
  4. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    La sentenza citata è del 2013 e parlare oggi di novità mi sembra arduo.
     
  5. key

    key Membro Attivo

    Professionista
    Grazie.
    Effettivamente.....
    Comunque per me era doveroso almeno chiederlo
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina