1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. giovannaangela

    giovannaangela Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Salve a tutti e grazie in anticipo per il vostro sempre valido aiuto. In settembre ho venduto un piccolo appartamento situato al terzo ed ultimo piano di una palazzina con 4 condomini in tutto e senza un amministratore. Già diversi mesi prima della mia vendita il "condominio" aveva deciso di fare ristrutturare il tetto ( nel mio appartamento c'erano evidenti infiltrazioni d'acqua dal tetto da tempo.. ma dato che l'appartamento era vuoto, messo da me in vendita e da ristrutturare completamente non avevo "messo fretta" per i lavori..) e la facciata con preventivo di una ditta conosciuta da un condomino. Al momento della mia vendita era già stato rifatto e pagato mezzo tetto ( quello situato all'interno per il quale non c'era bisogno di permessi per l'occupazione del suolo pubblico ) mentre per la metà del tetto situato sulla strada e la facciata ci si era accordati per far fare i lavori non appena avessi concluso la mia vendita,.. dando così la possibilità all'acquirente di accordarsi per l'utilizzo dell'impalcatura sulla strada e per i vari permessi sia per i lavori di metà tetto e facciata che per quelli suoi di ristrutturazione. Nel compromesso è stato scritto che il pagamento dei lavori condominiali ancora da fare ( il mezzo tetto e la facciata ) sarebbero stati pagati da me per la cifra indicata nel preventivo della ditta e iniziati entro ottobre, La data è stata rispettata , i lavori sono iniziati, ma finiti, agli inizi di gennaio ( e non ancora pagati da nessun condomino ) si è avuta subito la prova "tangibile" che sono stati fatti malissimo! La nuova proprietaria dell'appartamento, che lo ha già completamente ristrutturato e ci abita dal 10 gennaio si è già ritrovata per ben due volte con infiltrazioni dal tetto e la ditta che ha fatto il rifacimento del tetto è intervenuta subito ma pare abbia messo del silicone per "tappare le infiltrazioni"! Un architetto ( che tra l'altro è condomino in quanto proprietario di un fondo al pian terreno) ha visionato...solo pochi giorni fa... i lavori e trovato una lunga serie di "errori di esecuzione e omissioni rispetto a quanto era stato messo nel preventivo" che ha dettagliatamente descritto in una sua relazione. L'acquirente ovviamente mi chiama in causa per questa situazione davvero spiacevole. Io non vivo neppure nella città dove avevo questo appartamentino ed ora dagli altri condomini non sono stata neppure contattata ma pare che loro si vogliamo accordare con la ditta, con la quale dovrebbero avere a breve un incontro, per accettare i lavori così come sono stati eseguiti, tranne qualche piccolo intervento "tampone" in cambio di uno "sconto".
    Io non sono affatto d'accordo, ho già inviato a tutti una mail dicendo che voglio pagare quanto indicato nel preventivo ma che la ditta provveda a fare il lavoro " a regola d'arte". Nessuno di loro mi ha risposto! Mi chiama solo quella alla quale ho venduto la casa dicendo che io sono responsabile dei lavori fatti male e che le devo garantire un lavoro fatto " a regola d'arte" .
    Io penso che responsabile sia la Ditta ed eventualmente gli altri condomini se faranno con la ditta un accordo in base al quale accettano i lavori così come sono stati fatti, tranne qualche intervento "tampone" in cambio di uno sconto.
    Posso fare qualche cosa per cautelarmi? Posso inviare una raccomandata io alla Ditta contestando il lavoro e chiedendo che mi venga garantito un suo tempestivo intervento in caso di ulteriori infiltrazioni, per i prossimi due anni ( mi pare sia il tempo di garanzia per tale tipo di lavoro ) e il pagamento di eventuali danni che si dovessero verificare nel mio ex-appartamento o la raccomandata deve essere inviata dal "Condominio" essendo il Condominio il committente?
    Posso inviare anche una raccomandata a tutti gli altri condomini ritenendoli responsabili di quanto avverrà nei prossimi due anni a causa di molto probabili ulteriori infiltrazioni dal tetto , nell'eventualità che si accordino per uno "sconto" in cambio di "rattoppi" o comunque non pretendano che la ditta rilasci una dichiarazione nella quale afferma che ha fatto i lavori " a regola d'arte" ?
    Mi scuso per la lunghezza di questa mail..ma sono molto preoccupata per la situazione e non vorrei ritrovarmi a dover aver a che fare con avvocati o pagare eventuali danni per responsabilità che non penso siano mie! Grazie per chi avrà la pazienza di leggere e di rispondermi!
     
  2. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Il responsabile non sei solo tu ma tutto il condominio per aver scelto quella ditta, però dovrai mandare mandare raccomandata con ricevuta di ritorno alla ditta e per conoscenza anche agli altri condomini per la contestazione dei lavori alla stessa e diffidando gli altri dal prendere accordi con la stessa visto tutto era iniziato quando tu eri proprietaria. Allega se possibile una perizia giurata di un tecnico per i danni. Se nessuno ti risponde entro tot inoltra la pratica ad un legale.
     
  3. giovannaangela

    giovannaangela Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie per la risposta. Pensavo di attendere prima di mandare raccomandate, per essere messa a conoscenza sia di cosa decide di fare la ditta sia che cosa decideranno gli altri condomini che non mi hanno mai comunicato nulla! E' solo la nuova proprietaria che mi informa di tutto ...e che possano prendere accordi. .è l'idea che si sta facendo lei..ma ancora di preciso non si sa nulla. Alla mia mail non hanno risposto né sono stata contattata da loro per partecipare ad una riunione che hanno avuto pochi giorni fa! In quel "minicondominio" tutto si è sempre deciso in modo assolutamente informale, con un giro di mail o di telefonate!
     
  4. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Le mail vanno bene SOLO se certificate, ma deve essere certificata per mittente e destinatario diversamente non ha valore legale quindi lascerei perdere. Visto che alle richieste scritte precedenti per mail non hanno risposto e visto che si sono già riuniti pochi giorni fa (senza informarti) ti ho consigliato un bella raccomandata A.R agli esecutori ed agli altri condomini. Non solo, nella stessa, minacci di inoltrare tutto ad un legale visto che a tua volta hai delle contestazioni da parte del nuovo condomino che ha comprato il tuo immobile. Prova con questo sistema, vediamo quanto ti ignorano ancora.

    Però come prima cosa fatti scrivere da chi ha comprato il tuo alloggio mettendoti nero su bianco le problematiche che ha riscontrato a seguito dei lavori, e dopo parti all'attacco con la raccomandata descritta sopra.
     
  5. giovannaangela

    giovannaangela Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie mille! Sinceramente mi dispiace per la ragazza che ha comprato e che è contentissima del suo appartamentino, che ristrutturato è diventato davvero carino..detto da lei..però non mi voglio davvero trovare a pagare eventuali danni per responsabilità non mie..almeno dirette! Mi sono sempre fidata degli altri condomini..anche per altri lavori..hanno sempre fatto loro..essendo "in loco"..nessuno abita in quella piccola palazzina ..ma nella città sì..io ho sempre pagato quello che mi dicevano che spettava a me pagare! Vorrei proprio evitare di ricorrere a legali..fino ad ora non ne ho mai avuto bisogno..anche se c'è sempre una prima volta!
     
  6. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Neanche a me piace il sistema e preferisco discutere prima, perchè se trovi la persona giusta riesci a sistemarla. Certo che se invece eviti la discussione, o le mail o t'incontri e prendi accordi e fai lo gnorri con me, allora parto al contrattacco senza sconti. Buoni e disponibili si, ma fessi no. Il confine tra buono e fesso è molto molto labile. Stai attenta.
     
  7. giovannaangela

    giovannaangela Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ancora grazie! Già provato che ad essere troppo buoni o disponibili si passa per fessi..ma purtroppo ci ricasco ancora nonostante la mia non più verde età! Comunque proprio 5 minuti fa ho chiamato il titolare della ditta, un uomo che ho visto solo una volta in occasione del mio pagamento della prima metà del tetto e che mi aveva fatto una ottima impressione ( purtroppo di professione ho fatto la psicologa e mi è sembrato serio, responsabile e professionale ),e mi ha rassicurato su tante cose e spiegate altre ... ma la cosa fondamentale, secondo me , è che mi ha detto che lascerà a tutti i condomini con i quali si incontrerà a breve---. una sua dichiarazione assicurando che i lavori sono stati fatti " a regola d'arte". Quindi aspetto.. per ora... sperando di non dovermene pentire in un prossimo futuro! Grazie ancora...e se a breve non avrò questa dichiarazione..allora raccomandate a tutti come mi hai detto di fare!
     
  8. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    a Giovannagela. Guarda che la garanzia è di 10 anni non di due. Si parla di infiltrazioni dalla copertura, non di piccoli difetti di costruzione.
     
  9. giovannaangela

    giovannaangela Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Da un amministratore di condomini mi è stato detto che i 10 anni di garanzia si hanno solo in caso di tetto nuovo, sono due anni quando si tratta di interventi di rifacimento del tetto,
     
  10. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Stai confondendo la postuma decennale che non copre ne infiltrazioni da tettoie balconi e simili ma solo gravi problemi strutturali, cedimenti su solai, pilastri o murature.
     
  11. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    A giovannangela e daniele78. Non confondo nulla, l'art.1669 del c.c. copre anche le infiltrazioni della copertura. leggete la sentenza della Suprema Corte di Cassazione -sez.II civile-n.3582/2007 del 7.2.13.
     
  12. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    credo proprio che vista la sua evidente confusione non sia in grado di gestire da sola la situazione per cui suo malgrado da quanto scrive dovrà rivolgersi portando la documentazione e facendo esaminare il caso ad un collega professionista felsineo....;)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina