1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. aristideloris

    aristideloris Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Salve, ho una divergenza di vedute con l'amministratore del condominio sull'argomento in oggetto. Questi sostiene infatti che se NON voglio che il portiere ritiri la mia posta Raccomandata glielo devo dire espressamente, mentre io ho sempre creduto il contrario, e cioè che dovevo rilasciare una delega esplicita affinchè fosse autorizzato a ritirare la suddetta corrispondenza.
    Esiste una normativa di riferimento?
    Grazie
     
  2. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Il Portiere svolge un ruolo di servizio verso i condomini. Per me un portiere che ritira una raccomandata mi fa una estrema cortesia, evitandomi una lunga coda in posta, se non lo avesse fatto. Quindi, essendo persona pagata dai condomini, è implicito che faccia attività a supporto di questi.
    Ora se tu, per tuoi e particolari motivi, non gradisci questo servizio, avrai cura di declinare espressamente tale delega, a mio avviso implicita.
     
  3. aristideloris

    aristideloris Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie per il tuo parere, tuttavia ho reperito in alcuni siti del web considerazioni opposte, vale a dire che in assenza di esplicita delega il postino non lascia la Raccomandata al portiere ma solo la cartolina da far mettere nella casella del condomino/inquilino con l'avviso di recarsi all'Ufficio Postale per il ritiro. Tutto ciò in quanto trattandosi di Posta "riservata e sensibile" il portiere non è autorizzato ad entrarne in possesso, salvo appunto delega espressa.
    Cosa ne pensi?
     
  4. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il tuo portiere ò mica Nembo Kid ? Riesce a leggere e vedere anche dentro alle buste chiuse ed attraverso i muri ?
     
  5. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    In un paese dove se non ti fermi ad un posto di blocco, passi dalla parte della ragione, figurati ad un postino che non osserva esattamente il regolamento. Credo che cerchino di metterci del buon senso e valutino, l'unica è dare disposizioni ben chiare, salvo che se cambiano il postino è tutto da rifare. Quindi fai due righe al portiere e imposta le cose come meglio credi.
     
  6. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    il contratto di portierato prevede altre hai compiti di sorveglianza anche il ritiro della corrispondenza, solo in caso di diniego di tale servizio con una manleva dell'interessato respinge la corrispondenza
     
  7. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Hai ragione tu, per default il portinaio non ritira la tua corrispondenza: ossia non la può ritirare senza la tua autorizzazione.
     
  8. key

    key Membro Attivo

    Professionista
    No e'prassi che ritiri la corrispondenza salvo precise direttive del condomino.
    Perche'?
    Nei grossi condomini con il portiere e'prassi che il postino lasci il paccone di corrispondenza al portiere.
    Cosi risparmia un sacco di tempo....
    In Jtalia la prassi diventa consuetudine....
    Comunque mai consentire al portiere di ritirare le raccomandate.
    E'nulla la notifica per avvenuta giacenza.
    Pero se la Posta ti lascia il secondo avviso nei modi e nei termini di legge la notifica e'valida.
    Alcuni legali consigliano di ritirare le raccomandate almeno sai come difenderti...
    Pero c'e'conflitto d interesse.
    Comunque se si e'pratici nel fare ricorsi,meglio ritirare le raccomandate.
    Tanto prima o poi dovrai difenderti....
     
    A Adriano Giacomelli piace questo elemento.
  9. aristideloris

    aristideloris Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ringrazio tutti per il contributo, peraltro dopo aver ulteriormente approfondito la questione, e pensando di fare cosa utile, vi inviterei a prendere visione dell'art 21 del CCNL che si applica ai portieri (http://www.bloglav.it/wp-content/uploads/2013/05/2013_Portieri_CCNL.pdf) in quanto differenzia tra posta "ordinaria" e "straordinaria" e per quest'ultima richiede il rilascio della delega da parte dell'interessato.

    p.s. non sono riuscito a collegare l'allegato in quanto il sistema mi dice cheè troppo "pesante"
     
  10. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Non esiste la prassi, esiste la norma. E le norme debbono essere chiare, non fumose.
     
  11. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Se il contratto con il portiere prevede l'indennità per ritiro posta tu lo stai pagando per un servizio che non vuoi. Quindi ti conviene utilizzare il servizio beninteso rilasciando apposita delega. L'amministratrore sbaglia quando dice che tocca te togliere l'incarico al portiere però è un peccato veniale perchè lui da per scontato che l'assemblea ha approvato con la clausola nel contratto e quindi anche tu devi aderire. In principio se tu non vuoi il servizio lo devi dire o se accetti devi dare la delega.
    Ti trascrivo il capitolo che tratta la questione sul CCNL
    m) il ritiro e la distribuzione della corrispondenza straordinaria (si intende per tale quella per il cui ritiro è necessaria la firma del ricevente), previa delega rilasciata allo stesso dal condòmino o dall’inquilino.

    • La proprietà sarà tenuta a fornire al lavoratore apposito registro dove annotare arrivi e consegne ai destinatari, previa sottoscrizione per ricevuta.
      Per tale servizio è stabilita un’indennità economica, nella misura prevista nelle tabelle da A ad A-quaterdell’art. 117, per la quantificazione della quale si è tenuto conto anche delle prestazioni effettuate a favore di terzi residenti presso il condòmino o l’inquilino, nonché a favore di terzi domiciliati presso il condòmino o l’inquilino per un massimo di 4 per ogni condòmino o inquilino. L'indennità sarà dovuta, indipendentemente dal volume della corrispondenza da ritirare e dall’esistenza o meno della delega individuale, per ogni unità immobiliare compresa nell’edificio (o nel complesso di edifici) al quale il servizio di portineria si riferisce, con esclusione delle cantine, delle autorimesse, dei depositi (e dei locali similari), nonché con esclusione dei negozi, dei laboratori e dei magazzini, a meno che anche ad essi si riferisca il servizio di portineria; tale indennità differisce a seconda che la maggioranza delle unità immobiliari come sopra considerate sia utilizzata come abitazione oppure sia utilizzata come studio/ufficio o comunque ad uso non abitativo. Per quanto riguarda la determinazione delle indennità relative a corrispondenza straordinaria indirizzata a terzi domiciliati presso condòmini o inquilini, qualora la quantità di tale corrispondenza superi il numero come sopra stabilito, si rinvia alla contrattazione territoriale o, in mancanza, a quella tra datore di lavoro e lavoratore. I domiciliatari possono comunque rifiutare la delega, restando liberi dai relativi oneri. In caso di consegna di posta straordinaria in contrassegno, il lavoratore non è tenuto ad anticipare alcuna somma per conto del destinatario e non ritira quindi la corrispondenza in questione.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina