1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. key

    key Membro Attivo

    Professionista
    Leggo su due vecchi rogiti:

    il pagamento avverrà mediante assegni circolari nr..etc.

    la parte venditrice rilascia alla parte acquirente quietanza di saldo con rinuncia all'ipoteca legale....

    E' obbligatorio per il venditore accettare tale clausola?

    Inoltre vedo rogiti con allegato al rogito la planimetria catastale firmata dalle parti e dal notaio
    E' utile?

    A questo punto è possibile allegare al rogito la fotocopia degli assegni circolari relativi,fotocopia firmata dalle parti e dal notaio?

    Grazie
     
    A Adriano Giacomelli piace questo elemento.
  2. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Tutto giusto, ma il presupposto è che gli assegni circolari siano veri, cosa che di questi tempi non è poi così scontato. Tutto dipende con chi si fanno compravendite.
    Allegare la planimetria, che dovrebbe essere analizzata e capita profondamente dalle parti, cosa che non tutti sono in grado di fare, è una regola d'oro. Una planimetria rileva difformità dalla situazione reale, identifica se corretta, l'unità immobiliare, (e non sono poi così difficili i casi che in compravendite di unità di case a schiera o condomini, si facciano atti allegando la planimetria di un'altro piano o blocco).

    Allegare gli assegni circolari, arriviamo a tecnicismi da chiedere ad un Notaio, in quanto se falsi, non risolve il problema, ma mi risulta che la registrazione dell'atto "a buon fine dell'incasso" sia possibile e che dia il tempo utile per verificare la solvibilità degli assegni, che comunque, vanno riportati in atto con i vari numeri e descrizione.
     
  3. key

    key Membro Attivo

    Professionista
    Mille grazie Adriano.

    Non tutti sanno cos'e'il benemissione degli assegni circolari.
    Poi non si puo'fare se Il rogito avviene Il pomeriggio.
    Quindi mi dici di imporre al Notaio,dopo la descrizione con I numeri degli assegni circolari la frase 'con buon fine dell'incasso'.

    Oppure"Il presents atto verra'registrato avverta'a seguito del buon fine dell'incasso degli assegni circolari suscritti'

    Grazie
     
  4. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Tutto ha una logica, se fai l'atto il Lunedì, tu avrai tempo di fare l'incasso nella giornata di martedì e se ci sono problemi chiami il notaio e blocchi la registrazione.
    Se fai l'atto Venerdi pomeriggio, solo il Lunedì potrai fare la verifica, ma anche il Notaio deve aspettare il Lunedì per registrare. Quindi sei coperto, salvo che il Notaio sia di parte avversa, sia un poco di buono e sia in combutta con la controparte.
    Come dicevamo dipende con che persone si fanno le compravendite.
     
  5. key

    key Membro Attivo

    Professionista
    Grazie Adriano

    Ma il Notaio lo paga l'acquirente,quindi fa gli interessi dell'acquirente.

    Quindi il notaio non è che lo chiami e blocca la registrazione per cortesia.....

    Nella tecnica bancaria italiana nella pratica commerciale in genere, la clausola di salvo buon fine (spesso indicata in sigla come "s.b.f." o "sbf") è una condizione della ricezione di un pagamento effettuato mediante la girata di un titolo, pagamento del quale si dà quietanza provvisoria; quando il titolo verrà portato all'incasso, in assenza di contestazioni sulla validità e/o sulla copertura del titolo, e quindi a titolo onorato[1], il pagamento si considererà perfezionato e con esso sarà assolta l'obbligazione di chi deve effettuare il pagamento, e non in tempo reale come in altri paesi[senza fonte].

    Ossia:
    la parte venditrice rilascia alla parte acquirente quietanza PROVVISORIA ,salvo il buon fine dell'incasso, di saldo con rinuncia all'ipoteca legale....

    Una clausola così,non credo il notaio l'accetti.

    Credo sia meglio NON rogitare senza il benemissione degli assegni circolari.

    Quando la banca emette l'assegno circolare,fai la foto con il cellulare e la invii via whats'app.
    Tu la giri al direttore della tua banca che chiama il direttore della banca emittente,il quale da conferma scritta(via mail) al direttore della tua banca,del benemissione degli assegni circolari.
    Si fa tutto in un ora.

    Ma molta gente NON lo sa fare o si rifiuta di farlo.

    Si può incaricare il notaio di farlo,prima di registrare l'atto?
     
  6. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Cominciamo con il dire che il Notaio ha una professionalità e non è semplicemente al soldo della parte acquirente. Quindi una qualunque situazione di incertezza e timore, gli va esternata e lui, pur essendo pagato dalla controparte, ha l'interesse a tutelare le parti, essendo un super partes. Fare la foto dell'assegno è buona cosa, ma se è Venerdì pomeriggio, forse anche il tuo amico Direttore di banca non lavora. La registrazione deve dare un tempo tecnico di recupero della situazione, magari con opportune clausole, scritture, ecc..ecc.
    Difficile che il Notaio faccia il whats'app, ma può tramettere fotocopia degli assegni alla Banca di tua fiducia, sempre che l'atto ricada negli orari di Banca.

    Di certo ogni accorgimento è utile a evitare brutte sorprese.
     
  7. key

    key Membro Attivo

    Professionista
    Grazie Adriano

    Si sposta la firma dell'atto quando si è certi del benemissione degli assegni circolari.
    S'informa per correttezza il notaio che senza questo elemento NON si firma.

    Arzigogolarsi in clausole,con i mezzi telematici di oggi,è superfluo.

    Ti chiedo una cortesia:
    l'acquirente sta accampando scuse che la planimetria catastale è difforme dalla realtà,per lo spostamento di tramezzi NON portanti interni.
    Si tratta di un negozio,locato.
    Ma io sapevo che modifiche interne NON strutturali sono libere,NON va richiesto alcun permesso,nè comunicare al proprietario e chiedere autorizzazione scritta.

    Ne inficiano un preliminare dove l'acquirente acquista nello stato di fatto e di diritto,a corpo,l'immobile stesso.

    Grazie
     
  8. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Argomento molto delicato, una difformità dell'immobile porta anche all'annullo dell'atto. quindi studia bene la situazione, spero che nel forum ci possa dare un contributo persone di maggior conoscenza della materia. Se, per assurdo, tu facessi demolire i tramezzi al fine di ottenere la situazione della planimetria? E se così fosse, convochi l'acquirente e gli dici che provvedi a fare ciò, salvo che lui ti esoneri esplicitamente in quanto quei trasmessi gli stanno comodi.
     
  9. key

    key Membro Attivo

    Professionista
    Grazie.
    Ma Io non ho fatto ne autorizzato alcun cambiamento nella disposizione degli spazi interni dell'immobile.
    Poi sono proprietario dal 2010.
    Ne Il conduttore ha fatto lavori.
    La planinetria catastale e'presentata nel 1985.
    Il bene e'ricevuto in eredita'.
    Quindi Una eventuale difformita'ante 2010,eresponsabilita'dell'attuale proprietario.
    Ma rioeto difformita'non strutturale ma sono nella distribuzione degli spazi interni.
    Grazie
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina