1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Fifo84

    Fifo84 Membro Attivo

    Vediamo chi riesce a farmi capire qualcosa. Provo a spiegarvi tutto nel dettaglio.
    Marito e Moglie, proprietari INTESTATARI ( oltre il discorso comunione di beni) di un IMMOBILE. Hanno il 50% INTESTATO LEI e il 50% INTESTATO LUI. Lui muore ( figlio unico, genitori morti,) e sia la moglie, sia i due figli ( maggiorenni) rinunciano all'eredità di LUI ( aveva più debiti che crediti, di fronte a notaio e avvocato, tutto regolare). Dalla sua morte son passati 12 anni. Un giorno, muore anche LEI, e quel suo 50% passa ai due figli con la successione.
    Ora, i due figli, F e G, sono proprietari del 25% a testa dell'immobile.
    La domanda è : l'altro 50% che fine ha fatto? di chi è tecnicamente?
    Il comune del paese, neanche sapeva di questa cosa, tanto che in prima istanza, mandò l'ICI da pagare sul totale dell'immobile, inseguito, grazie al documento NOTARILE che attestava la rinuncia all'eredità del padre, hanno ricalcolato l'IMU solo sul 50% dell'immobile stesso.
    Premetto che, questa rinuncia dell'eredità è stata fatta appunto 12 anni fa e in questo lasso di tempo, tutto è rimasto cosi.
    Nessuno si è fatto vivo.
    Ora, una casa a META' NON è vendibile giusto? Non è affittabile suppongo.
    E cosa ci posson fare due fratelli con una quota a testa del 25% di un immobile che NON usano e che è sito in una altra regione rispetto a dove abitano?
    Possibile che son destinati a pagare un IMU di un immobile in DECADENZA e che NON usano?
    Cosa si potrebbe fare? Da chi andare?
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se non esistono gli altri soggetti elencati nell'art. 565 c.c. (parenti, ma non oltre il sesto grado, ex art. 572, comma 2 c.c.) si applica l'art. 586 c.c.:
    "In mancanza di altri successibili, l'eredità è devoluta allo Stato. L'acquisto si opera di diritto senza bisogno di accettazione e non può farsi luogo a rinunzia. Lo Stato non risponde dei debiti ereditari e dei legati oltre il valore dei beni acquistati".
     
  3. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Chi decide di rinunciare all'eredità deve fare una dichiarazione espressa e formale. Ci sono due alternative. La rinuncia all’eredità si può fare con un atto notarile oppure con una dichiarazione nella cancelleria del tribunale del luogo ove il defunto aveva domicilio.
    In mancanza di altri possibili successori l’eredità viene attribuita allo Stato, che in ogni caso pagherà i debiti solo entro il valore del patrimonio ereditario.
    Ora per poter pagare meno IMU: non deve risultare utilizzato di fatto,
    far accertare l'inagibilità o l'inabitabilità dall'ufficio tecnico comunale con perizia a carico vostro. In alternativa, il contribuente ha facoltà di presentare una dichiarazione sostitutiva (Dpr 28/12/2000 n. 445) che dichiara l'esistenza dei presupposti per l'agevolazione tributaria.
    Conseguentemente, beninteso, il Comune ha facoltà di disciplinare le caratteristiche di fatiscienza.
    In definitiva: da parte vostra da pagare il tributo del 50% di un immobile, riduzione del 50% per fatiscenza, a ciascuno di voi fratelli spetterà di pagare il 12,5%.
     
    A possessore piace questo elemento.
  4. Fifo84

    Fifo84 Membro Attivo

    e questo va bene..ma noi, in che modo potremmo sbolognarcela?
     
  5. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Che cosa intendi precisamente con "sbolognarcela"?
     
  6. Fifo84

    Fifo84 Membro Attivo

    Scusate eh..risulta come SECONDA CASA, nessuno ci abita, non ci serve, sta buttali, e dovremmo pagarci L'IMU, che siano anche 100 euro l'anno, che senso ha? Come facciamo a dar via questo 50% per noi inutile? Se è andata allo Stato, che si fa?
     
    A possessore piace questo elemento.
  7. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Regalatela come opera di beneficienza alla Parrocchia.
    Provate, potrebbero riunirsi i due 50%.
     
  8. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Vendete o donate le vostre quote :)
    Tuttavia, se:
    - non avete accettato espressamente l'eredità;
    - non avete compiuto un atto che presuppone necessariamente la vostra volontà di accettare l'eredità e che non avreste avuto il diritto di fare se non nella qualità di eredi;
    - non siete stati e non siete nel possesso dei beni ereditari
    non siete diventati eredi.

    Resta quindi possibile rinunciare all'eredità, ma entro dieci anni dall'apertura della successione.
     
  9. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Beneficenza. :)

    Ah sì? E come?
     
  10. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Sì una i in più :confuso:


    Il Tesoro ha dato il via alla vendita del patrimonio dello Stato!
    Potrebbe essere interessato all'acquisto il Clero, di qualsiasi bene, di questo o quell'altro paese, di questa o di quell'altra parrocchia.
    Quanti beni sono di proprietà di una qualsiasi parrocchia, derivanti da lasciti, donazioni, testamenti!!!
     
  11. Fifo84

    Fifo84 Membro Attivo

    E chi acquisterebbe una casa totalmente da ristrutturare solo al 50% e l'altra metà allo Stato o chi per lui?
    Chi si prende il rischio di sistemarsi tutto eppoi rischiare che lo Stato la metta che ne so all'asta, oppure che qualcuno ne rivendichi l'altra metà?

     
  12. Fifo84

    Fifo84 Membro Attivo

    Mah, considerando che è un piccolo paesino in provincia di pistoia, considerando che è TOLTAMENTE DA RISTRUTTARE, considerando che è nostra solo per metà , considerando che si trova ISOLATA su di una collinetta a circa 2 km dal centro del paese, dite che il clero è disposto ad accollarsi tale onere? E' vero, io la regalo, guarda, pago pure io il notaio se serve, ma basta questo?
     
  13. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Tentar non nuoce.
     
  14. erwan

    erwan Membro Attivo

    sempre e solo se non esistevano altri successibili!
    sei certo che tutti i parenti abbiano lasciato correre il termine di prescrizione?
     
  15. Fifo84

    Fifo84 Membro Attivo

    Ovviamente NON sono certo..so solo che in 12 anni che è morto, NESSUNO si è mai fatto vivo con noi.
    Il catasto ovviamente NON è aggiornato e risulta che LUI è ancora uno dei proprietari. Dove vediamo se ci sono altri eredi? Mi sembra strano che qualcuno paghi l'IMU ad una casa senza farsi avanti.
    Tra l'altro, ora è in disuso e a pezzi, ma al catasto, ha ancora la vecchia rendita abbastanza alta come A7! Se qualcuno pensava che stava ancora come allora, si era già fatto avanti penso

     
  16. Fifo84

    Fifo84 Membro Attivo

    Che poi scusate una domanda. Ora, è vero che 12 anni fa, tutta la famiglia, mamma 2 fratelli, rinunciarono all'eredità di questo padre, ma è anche vero, che la moglie e i figli, hanno vissuto da allora, sempre dentro questa casa con tanto di residenza certificata! La mamma ha vissuto li dentro fino al 2008, uno dei fratelli ( cioè io fino al 2007) e l'altro fratello risulta ancora con la residenza la dentro ( 2013). Questo non conta nulla? Nel senso, avevo letto che la rinuncia effettiva di un qualcosa avviene se uno non ne utilizza.
    Vi ricordo che c'è già UN ATTO NOTARILE che attesta la rinuncia all'eredità e che son passati 12 anni e che, siccome potrebbero esserci creditore in giro ( tanti), non abbiamo nessuna intenzione di riprendere l'eredità...vogliamo solo capire, come poterci regolare con questa casa nostra a metà, che ci costa tra due fratelli 500 euro di IMU all'anno e che di certo non possiamo tenere abbandonata non vivendo li.
     
  17. Valty

    Valty Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ciao Fifo,
    il possesso prevale sulla proprietà, visto che i creditori di tuo padre non si sono rivalsi sul 50% della casa, penso che sia possibile per voi fratelli vendere il 100% con gli opportuni aggiustamenti al catasto, basta un geometra. Una casa isolata a 2 Km dal paese ha sempre un minimo di valore.
     
  18. Fifo84

    Fifo84 Membro Attivo

    perfetto, grazie, Ma il possesso vale anche se l'altrà metà è dello stato e non dei creditori?

     
  19. Valty

    Valty Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Fai fare la variazione catastale dal geometra, ti può costare 800 euro, e poi la metti in vendita
     
  20. erwan

    erwan Membro Attivo

    la fai un po' facile...
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina