• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

gaghi

Membro Junior
Proprietario Casa
Salve a tutti,
Mi è arrivato una richiesta di pagamento per un saldo iniziale condominiale di circa 84,00€. Sono andata a chiedere spiegazioni e mi hanno detto che era il consuntivo e che sono spese in piu riguardanti luce, pulizia e altro. Non convinta sono andata via senza pagare perche' volevo capirci di più. Cerco di essere più chiara: è un casa che ho affittato; Queste spese in più non dovrebbero spettare all'inquilino e non a me? Insomma, aiutatemi a capire. Che cos'è questo conguaglio o consuntivo?
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Le spese sono sempre del proprietario che poi eventualmente le richiede al conduttore/inquilino.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Queste spese in più non dovrebbero spettare all'inquilino e non a me? Insomma, aiutatemi a capire.
appartieni a quella categoria di persone che interpretano malamente la norma degli affitti: è vero che le spese condominiali (per la verità non tutte) sono a carico dell'inquilino ma questo non significa che il proprietario di casa sia esonerato dal pagarle. Cerco di spiegarmi: nella cifra concordata tra proprietario ed inquilino deve essere inclusa la parte di spesa riguardante le spese condominiali, con conguaglio finale, perché il pagamento di tali spese rimane un onere a carico del proprietario che si è fatto finanziare dall'inquilino. Invece moltissimi proprietari, pensando di pagare più tasse, redigono contratti indicando solo la cifra annuale relativa all'affitto e se la cavano aggiungendo+ spese condominiali, lasciando questo onere all'inquilino. anzi si disinteressano di queste, e poi scrivono su Propit, con sommo stupore, che l'amministratore gli ha scritto che risulta moroso di tutta la gestione corrente e si trovano a dover pagare un botto di euro per non essere portati in tribunale.
Come ha scritto@Dimaraz le spese condominiali (tutte nel loro complesso) sono un onere a carico del proprietario, l'amministratore non dovrebbe avere contatti con l'inquilino, se non per la gestione del riscaldamento, non è tenuto a segnalare al proprietario di casa che l'inquilino non paga le spese condominiali; è il proprietario che deve chiamare l'amministratore e chiedere se l'inquilino è in regola con i pagamenti.
Tutto questo non ci sarebbe se l'inquilino pagasse un affitto comprensivo di spese condominiali ed il proprietario pagasse con parte della pigione le spese condominiali.
Questo sistema evidenzierebbe sin da subito, in caso di morosità, che l'inquilino non solo non paga l'affitto ma anche le spese condominiali.
Che cos'è questo conguaglio o consuntivo?
per pagare le spese di gestione condominiale l'amministratore prima dell'inizio dell'anno di gestione presenta e si fa approvare un bilancio preventivo che viene calcolato sulla base delle spese effettive fatte negli anni precedenti. I condomini pagano le spese sulla base di questo bilancio preventivo. Alla fine dell'anno di gestione l'amministratore fa i conti: tanto è stato speso e tanto è stato incassato. Se si è speso di più di quanto incassato la differenza (si chiama conguaglio) non ce la mette l'amministratore ma la chiede ai condomini e questi, a secondo di che tipo di spesa si tratti, la girano all'inquilino.
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Dipende da quando sono state effettuate queste spese, e da quanto sei locatario, per quanto riguarda i saldi arrivano al locatore che dovrà spiegarti come sono state fatte e a chi spettano, salvo sempre previo vs. accordi precedenti
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Meglio ancora, se le spese sono state deliberate nel consuntivo, dovrebbe essere al corrente a cosa si riferiscono, e solo così si saprà regolare a chi spettano, poi se è già stato dall'amministratore e dopo le spiegazioni e chiarimenti (almeno spero) ed è ancora non convinta, come può pretendere da un forum altri chiarimenti, si tratta di 80,00 €.
(l'importante è sapere il periodo di riferimento e a cosa sono computate)
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
mi hanno detto che era il consuntivo e che sono spese in piu riguardanti luce, pulizia e altro
Le spese riguardanti luce e pulizie sono a carico del conduttore.
La voce "altro" deve essere specificata.

Tu, in quanto condòmina/locatrice, devi pagarle al Condominio; poi te le fai rimborsare dal tuo inquilino per la parte di sua competenza.
Rimane da chiarire se l'attuale inquilino era già tale nel periodo a cui si riferiscono quelle spese.
Perché se sono relative al consuntivo dell'anno precedente, le spese rimangono a carico della persona che occupava l'unità immobiliare in quel periodo.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
nella cifra concordata tra proprietario ed inquilino deve essere inclusa la parte di spesa riguardante le spese condominiali, con conguaglio finale, perché il pagamento di tali spese rimane un onere a carico del proprietario che si è fatto finanziare dall'inquilino. Invece moltissimi proprietari, pensando di pagare più tasse, redigono contratti indicando solo la cifra annuale relativa all'affitto e se la cavano aggiungendo+ spese condominiali,
Quello che scrivi è corretto, ma detto ad uno che non conosce il significato di conguaglio, può essere fonte di equivoci.
Il contratto può benissimo limitarsi ad indicare solo la quota di canone. L’importante che si specifichi anche incluse le spese condominiali: meglio se analiticamente specificate, specie per quelle voci non incluse convenzionalmente ( es. amministrazione ecc).
Importante anche sapere che verso il condominio ne risponde in primis il proprietario; poi in molte parti d’Italia è normale che l’amministratore gestisca gli incassi sia dal proprietario che dallinquilino.
Ma è bene che tra amministratore e proprietario venga mantenuto un contatto in modo da essere sempre avvisati di eventuali ritardi dell’inquilino
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
ma detto ad uno che non conosce il significato di conguaglio,
l'ho spiegato in seguito
. Alla fine dell'anno di gestione l'amministratore fa i conti: tanto è stato speso e tanto è stato incassato. Se si è speso di più di quanto incassato la differenza (si chiama conguaglio)
Il contratto può benissimo limitarsi ad indicare solo la quota di canone. L’importante che si specifichi anche incluse le spese condominiali:
se indichi solo il canone devi specificare che in quel prezzo sono escluse le spese condominiali che saranno a suo carico,
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
se indichi solo il canone devi specificare che in quel prezzo sono escluse le spese condominiali che saranno a suo carico,
Nei contratti di locazione il canone e gli oneri accessori sono specificati in clausole diverse.

In una clausola si scrive che il canone annuo è convenuto in euro……. che il locatore si obbliga a corrispondere in n. ...rate….(ecc,).

In un'altra clausola si specificano gli oneri accessori, che comprendono appunto le spese condominiali.
a) Se si tratta di un contratto concordato, la legge impone che ci si riferisca all'allegato D del D.M. 16/01/2017;
b) Se invece si tratta di un contratto "libero" 4 + 4, le parti possono liberamente concordare che tali spese vengano pagate in rate mensili forfetarie.
Questo perché l'art. 79 l. 392/1978 è stato abrogato, limitatamente alle locazioni abitative, dalla successiva l. 431/1998, art. 14 c. 4.

In conclusione:
1) Tutte le spese condominiali devono essere pagate dal proprietario/locatore al Condominio;
2) Il locatore addebiterà al suo conduttore la parte di spese di sua competenza in base a quanto stabilito nel contratto di locazione.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
il linguaggio possa essere equivocato.
Siccome tu avevi scritto
Il contratto può benissimo limitarsi ad indicare solo la quota di canone. L’importante che si specifichi anche incluse le spese condominiali:
io avevo capito intendessi dire che il canone (poniamo 500 euro mensili) fosse comprensivo delle spese condominiali a carico del conduttore.
E mi sembrava strano, perché se così fosse il locatore dovrebbe pagare le imposte su tutto l'importo se non riesce a dimostrare al fisco che una parte dei 500 euro riguarda gli oneri accessori.
Meglio sarebbe indicare nel contratto un canone mensile di 400 euro + una rata mensile per spese di 100 euro (forfetaria o salvo conguaglio a seconda del tipo di contratto stipulato e degli accordi intercorsi).

Ma forse avevo capito male il tuo post n. #8.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Ma forse avevo capito male il tuo post n. #8.
.... avevo scritto male il post #8 ... ;)
Solo rileggendolo mi sono accorto che avevo sottinteso "oltre al canone.....(da pagare) ... ci sono" incluse le spese condominiali.
 
Ultima modifica:

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
OT:
E' piuttosto curioso questo inciampo: ero intervenuto perchè leggendo l'intervento di @Luigi Criscuolo si aveva quasi l'impressione che fosse sostanzialmente necessario indicare sul contratto anche l'ammontare presunto e forfettario delle spese condominiali.

A mia volta ho poi scritto una frase che poteva essere equivocata.

Un conto è la comunicazione verbale, con intonazione, pause ecc
Altra ciò che risulta asetticamente nello scritto

Anche se sono note e scontate le differenze, non se ne ha però sul momento la reale percezione: ed è facile cascarci scrivendo su un forum, dove mentalmente sembra di conversare con qualcuno.
Solo rileggendo ci si accorge della imprecisione logica.
Fine OT
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Basty, sta querelle si sta prolungando assai, di solito questi contratti vengono redatti con il costo del canone e il costo delle spese condominiali, salvo conguaglio in +/- di fine gestione annuale
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno, ho una questione da porvi per chi mi può aiutare : nel condominio, l'impianto citofonico è stato sostituito da un cellulare. Tutte le comunicazioni dei portieri arrivano o tramite WhatsApp o per chiamata vocale. A questo punto, bisogna comunque versare indennità per conduzione di citofono o no? Grazie anticipatamente
perchè non ricevo più propit.it la mattina da almeno 10 giorni? , cosa è successo al mio collegamento? non so a chi rivolgermi , ho provato a reiscrivermi ma , poichè già lo sono , mi hanno risposto che non è possibile, chiedo al gestore del gruppo di ripristinarmi nei collegamenti che avevo prima con propit.it.
Alto