1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Luigip

    Luigip Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Salve a tutti.
    Vorrei cortesemente sapere come comportarsi in questa situazione :
    il 24 settembre 2011 è deceduta una cugina di mia madre.
    I 5 eredi ( compreso mia madre ) di quarto grado , sono stati contattati solo nell'estate 2012.
    Ad oggi siamo nella situazione che :
    1) gli immobili sono stati lasciati ad una persona tramite testamento , la quale ha già sistemato tutto.
    2) sono rimasti da dividersi tra i 5 eredi legittimi 4000 euro in contanti ( derivanti da un portafoglio titoli ) ed il contenuto ( di cui nessuno sa ) di una cassetta di sicurezza.
    La mia domanda è :
    A ) quali sono le imposte ( se considerassimo che nella cassetta non c'è nulla di valore e quindi ) solo sui 4000 Euro ?
    B ) essendo stato molto nebuloso ( e ritardatario ) il geometra che ci ha seguito sino ad ora , scopriamo che il 24 settembre 2013 è il termine ultimo per il "ravvedimento" e per la comunicazione della successione.Dopo tale data a cosa vanno incontro gli eredi a livello di sanzioni , imposte ecc se volessero accettare la successione ?
    C ) gli eredi stanno valutando di rinunciare all'eredità ( considerato che alla fine tolte tutte le imposte dei 4000 euro rimarrà ben poco e dovrà essere suddiviso per 5 ) per non avere brutte sorprese in futuro nel caso ci sia qualche debito non evidenziato.In questo caso è ancora possibile farlo senza nessun pagamento di imposte e o sanzioni ( a parte il costo del notaio per l'atto di rinuncia ) ? ed è consigliabile farlo prima del 24 settembre oppure non c'è problema a "sforare" tale data per la presentazione della rinuncia ??

    Confido in una rapida risposta essendo i tempi ristretti.
    Grazie molte.
    Luigi.
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Come ha fatto a sistemare "tutto"? Chi ha presentato la dichiarazione di successione e, soprattutto, in dichiarazione sono stati indicati tutti i beni caduti in successione (compresi quindi i titoli e i valori contenuti nella cassetta di sicurezza)?
     
  3. Luigip

    Luigip Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Nel testamento , scritto quando la cugina di mia madre era ancora in vita , si parla solo di immobili , il resto non è menzionato.
    La dichiarazione di successione l'ha presentata con l'aiuto di un ingeniere che era poi la persona che seguiva ( dal punto di vista finanziario , dichiarazioni ecc ) la defunta.
    Non penso che in dichiarazione siano stati inserito tutti i beni.
    Anche se il beneficiario del testamento so aver preso ( non so se a questo punto indicato in dichiarazione ) il 50% del portafoglio titoli ( cointestato ) , che sono altri 4000€.
    Della cassetta nessuno sa nulla ma il beneficiario del testamento ne ha consegnato la chiave ( una delle due necessarie all'apertura ) a questo ingeniere che ora le consegnerà agli eredi.
    Il beneficiario avendo avuto anche la delega sul conto ha pensato bene ( quando ancora in vita la persona ) di ripulirlo, tant'è che ora il conto e' in rosso a seguito di un F24 pagato proprio a settembre 2011.

    Grazie per eventuali chiarimenti e suggerimenti.
    Luigi
     
  4. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Per quel poco che hai scritto.......vi stanno ripulendoooo :fiore:
     
  5. Luigip

    Luigip Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Direi che se la persona in questione ha "ripulito" il conto quando la cugina di mia madre era ancora in vita , penso ( in mala fede ) fosse nelle sue facoltà , avendo la delega sul conto ... no ?
    Ma il quesito per gli eredi era un altro ... la rinuncia all'eredità , proprio per come ci è stata presentata ( con ritardo , con praticamente più nulla da ereditare , in modo nebuloso e quindi senza sapere se ci sono debiti o meno ) , presenta qualche problema se viene presentata ( bisticcio di parole ) dopo il 24 settembre ??

    Grazie per gli aiuti.
     
  6. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    I termini per la presentazione della rinuncia all'eredità sono:
    • se si è in possesso di beni ereditari: tre mesi dal decesso (art. 485 c.c.);
    • se non si è in possesso dei beni ereditari: fino alla prescrizione del diritto (10 anni).
     
  7. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La cugina di tua madre è morta da due anni. Non potete più fare il ravvedimento operoso, lo faranno direttamente quelli del'ade. Ma si calcola sul patrimonio quindi sarà davvero bassa la sanzione. Potete fare la successione da soli all'agenzia delle entrate subendo le spese normali. o potete farle anche ricorrendo ad un caaf. Credo che vi convenga lo stesso, anche perchè questa è una pratica che va chiusa, a meno che aspettate ancora altri tre anni e va in prescrizione. Non so la banca come la prende, ha una cassetta ferma.
     
  8. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    NO ti hai risposto tu stesso se si indice una causa la signora dovrà dimostrare da dove provengono i SUOI soldi e non perchè il conto era cointeastato poteva prendersi quello che poteva.
    Se presentate la successione dopo il termine ci sono delle multe tranne se si presenta dopo cinque anni li sono solo sanzioni di poco costo.
    Ma la successione si presenta per gli immobili per il resto non so e poi a scanso di fregature accettatela con il beneficio dell'inventario.
    OOHHOO nemesis tu sei più brava digli di più, ops o sei un maschietto? :fiore:
     
  9. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    c'é qualcosa di poco chiaro nel raccontare i fatti: come può una persona accettare in eredità degli immobili e rinunciare al resto? Il testamento cosa dice? E' completo di tutti i beni del de cuius (della defunta)? L'ingegnere (parola ortograficamente corretta) non credo che sia un professionista autorizzato ad aprire la successione.
     
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non ci vuole nessun professionista autorizzato "ad aprire" una successione. La successione si apre infatti al momento della morte, nel luogo dell'ultimo domicilio del defunto. Senza che nessun (altro) debba "aprirla".
     
  11. Luigip

    Luigip Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie intanto per le risposte.
    Per Luigi Criscuolo : la "defunta" aveva fatto testamento ( reso pubblico dal notaio che quindi immagino corrisponda all'apertura della successione ) dove venivano elencati solo gli immobili ... del resto ( in buona sostanza il conto e la cassetta ) non vi era menzione (Tra l'altro abbiamo scoperto che vi è l'auto della defunta che è ferma dalla data della morte , con assicurazione disdettata e tassa di proprietà - bollo - immagino non più pagato..a chi toccherà pagare ciò ??? bolli per due anni compreso sanzioni , more ecc ).
    Solo l'anno scorso ( luglio 2012 ) è arrivata qualche telefonata ad uno degli eredi in cui gli si comunicava che ( forse ) vi era qualche cosa da ereditare..ma la telefonata arrivava dalla persona che aveva avuto in eredità gli immobili ..
    Domanda che a questo punto mi sorge : come dice CHIACCIA , non trattandosi di immobili , la successione in questo caso è da farsi ?
     
  12. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    allora in sostanza la defunta aveva degli immobili, un C/C cointenstato, dei certificati di deposito ed una cassetta di sicurezza in banca, più un'automobile. Questo era il suo patrimonio al momento della dipartita. Sul C/C cointestato, se poi a firma disgiunta, gli eredi ci possono mettere una pietra sopra perché l'altro cointestatario può anche fare degli assegni antedatati rispetto alla morte e farli incassare da terzi compiacenti. Ma tutto il resto deve seguire le disposizioni del testante e se queste ledono i diritti di legittima degli eredi bisogna far ricorso al tribunale. Mi sembra strano che il notaio, anche se si limita alla pubblicazione e non entra nel merito delle volontà del de cuius, non abbia chiesto al beneficiario, che sembra non avesse stretti legami di parentela né di coniugio, se ci fossero eredi legittimi della defunta e se ibeni citati nel testamento fossero tutti i beni del decuius.
    Nemesis mi corregga, ma mi sembra gli eredi legittimi siano i parenti sino al sesto grado. Hai scritto che tua madre è parente di quarto grado: tuttavia mi sembra che in questo caso (assenza di figli, di coniuge supestite e di ascendenti) il testante potesse disporre del 100% dei sui beni.
    A questo punto sorge il problema i beni che non sono stati elencati nel testamento seguono le regole della successione senza testamento?
    Mi sembra che tutti i parenti appartenenti entro il IV grado possano accettare l'eredità con beneficio di inventario: prima si vede cosa c'é e poi si decide.
    Dovete fare l'accettazione della eredità perché la cassetta di sicurezza la banca non ve la fa aprire se non siete eredi anche per la riscossione dei certificati di deposito potrebbero esserci dei problemi (e pure per la macchina).
     
  13. Luigip

    Luigip Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    E come si va a vedere cosa c'è ? chi ce lo deve dire ? Noi siamo venuti a conoscenza delle cose che ho elencato sino ad ora.
    Considerato che quello che c'è alla fine sono questi 4000€ di titoli/certificati di deposito , in quanto nella cassetta non si spera di trovare molto poiche è il beneficiario può aver fatto come con il conto : ripulita.Ci conviene accettare ? possiamo lasciare andare le cose cosi ( non penso ) senza fa nulla ? o comunque gli eredi devono in ogni caso decidere si ( ereditare ) o no ( rinunciare con atto notarile e versamenteo di 168 euro a testa più bolli e parcella notaio ) ?

    Grazie ancora.
     
  14. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ma che significa ha sistemato tutto.....il notaio ha letto il testamento in vs. presenza? avete chiesto una copia dello stesso? vi siete sincerati come è stato scritto in forma olografa, avvero su un pezzo di carta con tanto di firma e data ( che può fare chiunque) che poi è stato consegnato al notaio o è stato dettato al notaio stesso? o ragazzi sveglia qui si tratta di soldi e voi siete i leggittimi eredi no una persona qualunque che un pezzo di carta dice di avergli lasciato tutto.:disappunto: :fiore:
     
  15. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Chiacchia ha ragione, ma se dovesse essere tutto a posto, i restanti beni non entrati nel testamento vanno in successione. Non possono chiedere una legittima in quanto non sono eredi legittimi, i legittimari entrano in successione in mancanza di testamento. Erano tenuti a sapere che entravano in successione data la relazione che li legava alla de cuius. Credo che convenga concludere tutta la faccenda. Anche perchè le sanzioni sono esigue data l'entità della somma e inoltre potete vedere quando è stata aperta la cassetta, se è stata aperta, non è detto che si aveva una delega anche per questa, e non si poteva aprire dopo la morte. C'è la tracciabilità per ogni volta che si apre. e si deve mettere a posto la macchina perchè gli eredi siete tutti voi
     
  16. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Eh?
     
  17. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Francamente non sono addentro al diritto ereditario: Nemesis mi ha già ripreso più di una volta per il mio linguaggio improprio. Il buon senso mi dice che vi dovete rivolgere ad un Notaio né più e né meno di come si farebbe in caso di rinuncia alla eredità, anche perché in caso di rinuncia il Notaio c'é già. Il Notaio con l'atto di morte e con la ricostruzione del grado di parentela dei parenti di IV grado, al fine di ricostruire il patrimonio del de cuius, dietro vostro incarico, fisserà un appuntamento con un dirigente della Banca presso la quale c'é la cassetta di sicurezza ed assistito da un perito (che dovrete pagare) si presente con la chiave ed alla presenza del dirigente bancario stila l'elenco del contenuto ed il suo valore complessivo. Dopo di che lascia tutto nella cassetta e vi riferisce. A questo punto spetta a voi se è il caso di accettare o meno. Se accettate, accettate tutto: titoli/certificati di deposito, contenuto della cassetta di sicurezza e macchina e poi dovrete dividerveli in parti che siano di valore uguale per tutti. Francamente non so se il gioco vale la candela.
     
  18. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    ho sbagliato termine. di nuovo. I legittimari hanno la quota di diritto inviolabile, la cosiddetta quota legittima, genitori e figli, mentre gli eredi legittimi sono tutti, fino al sesto grado, sbaglio Nemesis?

     
  19. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Art. 457 c.c.:
    "L'eredità si devolve per legge o per testamento.
    Non si fa luogo alla successione legittima se non quando manca, in tutto o in parte, quella testamentaria.
    Le disposizioni testamentarie non possono pregiudicare i diritti che la legge riserva ai legittimari".
    Ex art. 536 c.c., non sono solo genitori e figli. Ma il coniuge, i figli e gli ascendenti legittimi.

    A favore dei discendenti dei figli, i quali vengono alla successione in luogo di questi, la legge riserva gli stessi diritti che sono riservati ai figli.
    La quota riservata dalla legge è detta "legittima" o "di riserva"; la quota della quale il soggetto può disporre è detta "disponibile". Proprio la circostanza che la quota vincolata dalla legge sia detta "legittima" è la fonte, probabile, degli equivoci sul punto.
    Nella successione senza testamento,
    o con testamento che dispone solo parzialmente dei beni ereditari, sono i soggetti elencati all'art. 565 c.c.:
    il coniuge (che non è un "parente"), i discendenti, gli ascendenti, i collaterali, gli altri parenti (ma non oltre al sesto grado di parentela, ex art. 572, comma 2 c.c.) e, in mancanza di altri successibili, lo Stato.
    Quindi:
    L'erede legittimo (nella successione senza testamento, o con testamento che dispone solo parzialmente dei beni ereditari) ha diritto a una quota (senza specificazione) dell'eredità; l'erede legittimario (nella successione testamentaria), invece, è il soggetto che ha sempre diritto alla propria quota legittima.
     
  20. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ha scritto Nemesis: (col tablet non mi quota) "La quota riservata dalla legge è detta "legittima" o "di riserva"; la quota della quale il soggetto può disporre è detta "disponibile". Proprio la circostanza che la quota vincolata dalla legge sia detta "legittima" è la fonte, probabile, degli equivoci sul punto."
    Nemesis mi ha graziata! Che si stia indebolendo?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina