• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

bea311

Membro Attivo
#1
Buongiorno forum . Un condomino ha ristrutturato un suo appartamento creando due bagni ove non esistevano collegando gli scarichi ai tubi di nostra proprietà installati nella nostra ristrutturazione fatta da oltre un decennio . Ora il tubo nuovo del condomino ( piano 2 ) confluisce nella nostra tubazione che parte dal piano 3 . L'amministratore asserisce che è tutto regolare mai nessuna delibera è stata fatta e nemmeno nessuna richiesta .asserisce che il fatto che esiste la tubazione da noi installata pagata e portata fino al collegamento con le fognature stradali dà diritto anche ad altri di usare questo tubo che non ci appartiene ma è del condominio . Speo di essere riuscita a spiegarmi . Grazie
 

Dimaraz

Membro Storico
#2
Non si capisce se la tua proprietà sia al piano 3 o se sia al piano 1, e nell'ultima ipotesi perché avreste prolungato gli scarichi fino all'ultimo.
Non hai nemmeno spiegato se quando avete rifatto gli scarichi li avete pagati solo voi e/o se fosse sostituzione di tubi preesistenti.

In poche parole se risultassero essere tubi condominiali allora hanno tutto il diritto di allacciarsi.
 

bea311

Membro Attivo
#3
Non si capisce se la tua proprietà sia al piano 3 o se sia al piano 1, e nell'ultima ipotesi perché avreste prolungato gli scarichi fino all'ultimo.
Non hai nemmeno spiegato se quando avete rifatto gli scarichi li avete pagati solo voi e/o se fosse sostituzione di tubi preesistenti.

In poche parole se risultassero essere tubi condominiali allora hanno tutto il diritto di allacciarsi.
 

basty

Membro Storico
#4
Non si capisce se la tua proprietà sia al piano 3 o se sia al piano 1, e nell'ultima ipotesi perché avreste prolungato gli scarichi fino all'ultimo.
Non hai nemmeno spiegato se quando avete rifatto gli scarichi li avete pagati solo voi e/o se fosse sostituzione di tubi preesistenti.

In poche parole se risultassero essere tubi condominiali allora hanno tutto il diritto di allacciarsi.
Forse non hai letto attentamente.....
 

bea311

Membro Attivo
#5
Mi spiego meglio : noi siamo al terzo piano 14 anni fa abbiamo ristrutturato creando 2 bagni e conseguentemente a nostre spese abbiamo messo questo tubo dal terzo che scendeva in strada fino alle fognature stradali . Ora un condomino usufruendo della nostra tubazioni si è allacciato dai suoi bagni del secondo piano creati ex novo e per l'amministratore va bene . Non ci è stato chiesto nessuna delibera approvata,. Il tubo esiste ed è diventa del condominio dice l'amministratore non importa chi l ha fatto e pagato .
 

Dimaraz

Membro Storico
#6
Avevo letto bene...solo che era fraintendibile la questione del tubo al 3° piano

L'amministratore parla "a sproposito"...ma comunque dovrebbe tacere perchè materia che non lo riguarda.

E' il tuo sottostante vicino ad aver commesso "illecito" quindi resta una questione privata (fra voi 2).
Ora hai 2 scelte: o gli intimi di provvedere ad un suo nuovo scarico indiendente...o partecipa al costo che tu hai sostenuto (salvo vi siano problemi di adeguata dimensione).
Se non capisce con le buone devi procedere per vie legali.
 

basty

Membro Storico
#7
Capisco la logica, ma quello del 3• piano ha usufruito di spazi comuni per far passare il suo scarico. Non è detto che rimangano altre possibilità.
Mi sembrerebbe più logico che in questi casi uno sia tenuto a realizzare una opera che diventi condominiale. Discorso diverso la partecipazione alla spesa. Un po' come la installazione ascensore
 

Dimaraz

Membro Storico
#8
Mi sembrerebbe più logico che in questi casi uno sia tenuto a realizzare una opera che diventi condominiale.
Dipende quale "logica" si voglia usare.

La "logica giuridica" precisa che il condòmino può far libero utilizzo delle parti comuni purchè non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso.

Visto che ha precisato essere "nuovo impianto di scarico" pagato personalmente non esistono motivi per considerarlo condominiale.

Nulla impedisce che lo diventi...ma chi si allaccia paga.
 
#9
Dimaraz scrive :
"Nulla impedisce che lo diventi...ma chi si allaccia paga."
Corretto ma chiedo l'importo da pagare e' quantificato in qualche modo o il proprietario della tubatura puo' chiedere quello che vuole?
 

Dimaraz

Membro Storico
#10
Ovviamente mica si può pretendere un prezzo "a caso".
Teoria vorrebbe che si divida la spesa proporzionalmente all'altezza, nulla impedisce un 50/50...o una via di mezzo fra le 2.
 
#11
Mi trovo in un caso analogo in cui un locale commerciale extra condominio per rottura della propria fogna vorrebbe collegarsi a quella condominiale evitando cosi di dover rompere all'interno del negozio e sospendere l'attivita' perche il collegamento a quella condominiale puo' essere fatto facilmente dal retro del negozio.
Il condominio ha "recentemente" ovvero da 10 anni fatto una nuova fogna e ci sarebbe capacita' per tale allaccio.
I quesiti :
- il condominio puo' rifiutare questo allaccio? (una condomina si rifiuta).
- Il costo da sostenere va determinato proporzionalmente al tratto di tubature utilizzato dal locale o possono imporre spese maggiori ?(essendo condomino ed anche proprietario di questo esercizio sono in possesso dei costi sostenuti per la nuova fognatura).
- la decisione del condominio puo' essere a maggioranza o serve l'unanimita' ?
Grazie
 

Dimaraz

Membro Storico
#12
un locale commerciale extra condominio...
- il condominio puo' rifiutare questo allaccio? (una condomina si rifiuta).
Se non è un condòmino nulla può "pretendere". Quando alla decisione assembleare la questione diventa "spinosa":
-il Condominio può "locare/affittare" anche parte dei suoi impianti ma deve apuunto essere locazione e per periodo inferiore ai 9 anni ...altrimenti serve unanimità (1000/1000) come per la vendita/cessione.
-il "prezzo" rimane liberamente contrattabile. Il fatto che il proprietario sia anche condòmino (per altra unità) nulla cambia: è il Condominio ad avere proprietà e libertà di chiedere quanto vuole.
 
#13
In realta' la nuova fogna e' stata realizzata nel terreno del condomino proprietario anche dell'esercizio commerciale che non si e' opposto ma nulla e' stato scritto formalmente circa questa "servitu" che limita il godimento del terreno. E' vero che sono passati dieci anni ma non potrei ora pretendere un risarcimento per questa servitu' ?
 
#15
Sostituisce una precedente cui e' stato cambiato il percorso attraversando la mia proprieta' ed inserendovi il pozzetto principale di ispezione e4d altri due di derivazione.
 
#18
Era una vecchia fognatura degli anni 40 che passava sotto un edifici commerciale che naturalmente si e' rifiutato di fare fare i lavori per non interrompere la attivita' ed allora la hanno fatta passare nel mio giardino in modo che non ci fossero edifici sopra. Naturalmente il giardino e' scomparso ed e' stato piastrellato. Non mi sono opposto ne ho chiesto indennizzi per quieto vivere ed ora che mi occorre fare l'allaccio per il negozio di mia proprieta' una inquilina si oppone e sta trascinando gli altri . Il condominio e' di 5 condomini me compreso.
 

basty

Membro Storico
#19
Non è, almeno a me , chiarissimo cosa sia condominiale e cosa privato: mi parrebbe di capire che si sta parlando di un condominio circondato da giardini : ad uso esclusivo o di proprietà esclusiva? Potresti postare uno schizzo della situazione?
 
#20
Te lo spiego in poche parole :
- Tutto il terreno su cui sorge il fabbricato condominiale e' di proprieta' al 50 % di due condomini (io ed un altro), l'accesso al fabbricato e' una servitu' di passaggio su questo terreno . Il fabbricato e' degli anni 30 ed all'epoca la fognatura non esisteva. -Successivamente sulla parte di terreno di mia proprieta', lasciando un giardino di fronte al fabbricato ho edificato una bottega la quale all'epoca non so come scaricasse.
-La fogna del condominio e' stata costruita successivamente negli anni 40 ed attraversava il terreno del confinante allora libero da costruzioni e piu' favorevole per collegare la fognatura al pozzetto stradale.
-Successivamente anche l'altro proprietario ha edificato una bottega posizionandola sopra il percorso della fognatura e probabilmente si e' collegato alla fognatura preesistente.
-Dieci anni fa a seguito rottura della fognatura nel tratto sotto la bottega del vicino, non potendola ripristinare senza interrompere il lavoro della bottega e risarcendo l'esercente si e' deciso di farne una nuova posizionandola nel corridoio di servitu' di accesso al fabbricato condominiale.
- Poiche' pero' lo scavo per la fognatura rendeva impossibile l'accesso al fabbricato hanno deciso in una assemblea in cui non ero presente (non risiedo li) di spostare il percorso nel mio giardino .
- In tale occasione siccome i condomini ritenevano che anche la mia bottega fosse collegata alla fognatura condominiale mi hanno chiesto di partecipare alle spese ma poiche' non c'era nessun riscontro di questo collegamento (le prove colorimetriche non lo hanno dimostrato) ho scritto loro che se successivamente ne avessi avuto bisogno avrei rimborsato le spese (di questa mia intenzione c'e' solo uno scambio di email). Controlli piu' approfonditi non si sono potuti fare perche il mio locale era affittato e l'esercente gia' danneggiato dai lavori fognari in corso ha anche lui minacciato un indennizzo per la sospensione dell'attivita'.
- Ora passati 10 anni dalla costruzione della nuova fognatura quella del mio negozio ha dei problemi ed anche ora l'affittuario non vuole interrompere l'attivita' per indagare all'interno della bottega risultando piu' conveniente allacciare la fognatura esternamente alla bottega alla fogna condominiale sempre nel mio terreno.
- Poiche' all'epoca della costruzione mi sono rifiutato di partecipare alle spese (ma non avendo problemi di fognatura e non risultando collegato non vedo perche' dovessi essere obbligato a farlo) non vuole concedere l'accesso, credo per richiedere chissa' quale cifra e sta trascinando anche gli altri condomini.
- Da tenere presente che in occasione dei lavori un tombino cui affluiscono le acque piovane della bottega era gia' stato predisposto per questo eventuale futuro collegamento e solamente chiuso per lo scarico verso il pozzetto condominiale
- Ora l'assemblea dei condomini ha incaricato un professionista per verificare se tutta la fognatura sia stata realizzata in regola e se possa permettere questo allaccio e hanno verbalizzato che tale perizia sara' a mie spese.
- Da tenere presente che la bottega e' di 50 mq non e' aperta al pubblico (fa pizzeria da asporto) ed ha un wc, un lavandino,un lavello a due vasche, ed un lavamani il tutto corrispondente a 40 unita' di scarico.
- La fognatura e' stata realizzata per servire anche il fabbricato posteriore e quello vicino perche' non si sapeva dove scaricavano e la chiusura della vecchia fognatura poteva inibirne lo scarico
A giorni verra' convocata la assemblea con il tecnico che esporra' la relazione.
Spero di non avervi annoiato con un caso personale
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve,dal 20 settembre 2017 sono venuto ad abitare con una famiglia a cui ho prestato la mia opera di badante per un loro cugino gravemente ammalato, che è deceduto dopo un mese,la famiglia di sua spontanea volontà mi fece la proposta di rimanere a vivere con loro fin quando non avrei trovato un'altra lavoro ma non mi avrebbero pagato per dare una mano in casa,mi dovevo accontentare di vitto e alloggio
moralista ha scritto sul profilo di luciano155.
ma non c'è neanche il profilo di luciano155
tanti auguri a tutti buone feste e tante belle cose lella
anche x marinarita grazie della comprensione ...comunque c'e' legge nuova x tutelare proprietari case ….noi alla fine da 1 giugno 2013 a 7 luglio 2017 mai pagato affitto 4 anni piu' spese tribunale avvocati tasse ...ecc. se pagava onestamente l'affitto tutti i mesi non sarebbe in questa situazione le lasciano meta' stipendio….tanti anni ...non so se ne valeva la pena non pagare l'affitto ….giustizia e' fatta
x uva ---finalmente finita con sentenza tribunale milano dato che la nostra inquilina aveva fatto 2 finanziarie …???? il 29 novmbre tribunale milano ci ha messo primi creditori sul quinto dello stipendio ...tutto specificato debiti avvocato 4 anni affitto mai pagato ….la tipa si e' presentata urlando ...la giudice ci ha inserito primi creditori prenderemo tutto da subito con quinto dello stipendo .finita bene kiss
Alto