1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. ralf

    ralf Nuovo Iscritto

    Ho visto che ci sono su propit richieste di informazioni al riguardo. Dò il mio piccolo contributo a questo bellisimo forum.:daccordo:
     

    Files Allegati:

    A maidealista piace questo elemento.
  2. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Molto utile quanto riportato da "studentessa" :ok:

    Ad integrazione :
    Dall' Capo XIV del CC, del comodato

    Art. 1803 Nozione : Il comodato è il contratto col quale una parte consegna all'altra una cosa mobile o immobile, affinché se ne serva per un tempo o per un uso determinato, con l'obbligo di restituire la stessa cosa ricevuta. Il comodato è essenzialmente gratuito.

    Art. 1804 Obbligazioni del comodatario : Il comodatario è tenuto a custodire e a conservare la cosa con la diligenza del buon padre di famiglia (1176). Egli non può servirsene che per l'uso determinato dal contratto o dalla natura della cosa. Non può concedere a un terzo il godimento della cosa senza il consenso del comodante.Se il comodatario non adempie gli obblighi suddetti, il comodante può chiedere l'immediata restituzione della cosa, oltre al risarcimento del danno.

    Art. 1805 Perimento della cosa : Il comodatario è responsabile se la cosa perisce per un caso fortuito a cui poteva sottrarla sostituendola con la cosa propria, o se, potendo salvare una delle due cose, ha preferito la propria.Il comodatario che impiega la cosa per un uso diverso o per un tempo più lungo di quello a lui consentito, è responsabile della perdita avvenuta per causa a lui non imputabile, qualora non provi che la cosa sarebbe perita anche se non l'avesse impiegata per l'uso diverso o l'avesse restituita a tempo debito (1221).

    Art. 1806 Stima : Se la cosa è stata stimata al tempo del contratto, il suo perimento è a carico del comodatario, anche se avvenuto per causa a lui non imputabile.

    Art. 1807 Deterioramento per effetto dell'uso : Se la cosa si deteriora per solo effetto dell'uso per cui è stata consegnata e senza colpa del comodatario, questi non risponde del deterioramento.

    Art. 1808 Spese per l'uso della cosa e spese straordinarie : Il comodatario non ha diritto al rimborso delle spese sostenute per servirsi della cosa. Egli però ha diritto di essere rimborsato delle spese straordinarie sostenute per la conservazione della cosa, se queste erano necessarie e urgenti (2756).

    Art. 1809 Restituzione : Il comodatario è obbligato a restituire (1246, 2930) la cosa alla scadenza del termine convenuto o, in mancanza di termine, quando se ne è servito in conformità del contratto.Se però, durante il termine convenuto o prima che il comodatario abbia cessato di servirsi della cosa, sopravviene un urgente e impreveduto bisogno al comodante, questi può esigerne la restituzione immediata.

    Art. 1810 Comodato senza determinazione di durata : Se non è stato convenuto un termine né questo risulta dall'uso a cui la cosa doveva essere destinata, il comodatario è tenuto a restituirla non appena il comodante la richiede.Art. 1811 Morte del comodatarioIn caso di morte del comodatario, il comodante, benché sia stato convenuto un termine, può esigere dagli eredi l'immediata restituzione della cosa.

    Art. 1812 Danni al comodatario per vizi della cosa : Se la cosa comodata ha vizi tali che rechino danno a chi se ne serve, il comodante e tenuto al risarcimento (1223) qualora, conoscendo i vizi della cosa, non ne abbia avvertito il comodatario.

    Da : Articoli del Codice Civile sul comodato
     
    A piace questo elemento.
  3. martin

    martin Nuovo Iscritto

    salve a tutti gli utenti del forum,avrei intenzione di dare in comodato gratuito due stanze della mia abitazione a una persona amica,mi hanno detto che obbligatoria la registrazione e questa dura 4 anni.volevo sapere dagli esperti se devo pagare l'ICI e aggiungere nel contratto che in qualsiasi momento posso riavere a disposizione i vani
    nonostante il vincolo dei 4 anni. in piu essendo un ampliamento ci sono le utenze doppie
    posso intestare a lei i contatori relativi ai suoi consumi?grazie per le risposte
     
  4. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Solo per contratti scritti (€ 168) - se è un tuo parente stretto può essere superflua la registrazione.

    - Dipende solo dal regolamento ICI del tuo Comune.



    Puoi metterlo anche se superfluo essendo previsto dal C.C.



    Sarà il comodatario che vi provvederà se interessato ad avere le utenze.

    :daccordo:
     
  5. martin

    martin Nuovo Iscritto

    Chi ha delle stanze in comodato d'uso deve pagare il canone rai ?
     
  6. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Certamente non ne è esentato.
    Auguri :fiore:
     
  7. martin

    martin Nuovo Iscritto

    Quindi,considerando che lo pago già io, dovrà pagarlo anche la persona che occuperà le 2 stanze in comodato nonostante sia lo stesso numero civico? cioè 2 canoni nella stessa abiazione ?
    grazie per le risposte maidealista
    Auguri!
     
  8. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Non è detto, dal sito della Rai :
    Chiunque detenga uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione dei programmi televisivi deve per legge R.D.L.21/02/1938 n.246 pagare il canone di abbonamento TV. Trattandosi di un'imposta sul possesso o sulla detenzione dell'apparecchio, il canone deve essere pagato indipendentemente dall'uso del televisore o dalla scelta delle emittenti televisive.

    Nel caso dell'abbonamento per uso privato il canone è unico e copre tutti gli apparecchi posseduti o detenuti dal titolare nella propria residenza o in abitazioni secondarie, o da altri membri del nucleo familiare risultante dallo stato di familia. Non esistono più i canoni per le seconde case, L. 06/08/1990 n. 223 per le autoradio e per le imbarcazioni da diporto. L.27/12/1997 n. 449
    E' stato inoltre stabilito l'esonero dall'obbligo di pagare il canone di abbonamento alla radio per i detentori di apparecchi radiofonici collocati presso abitazioni private.L. 27/12/1997 n. 449

    RAI - Radiotelevisione italiana - Abbonamenti

    Auguri :fiore:
     
    A martin piace questo elemento.
  9. martin

    martin Nuovo Iscritto

    allora prendendo la residenza avrà un suo stato di famiglia separato dal mio e la rai tramite l'ufficio anagrafe provvederà a mandare richiesta di pagamento oppure no?
     
  10. martin

    martin Nuovo Iscritto

    art.1810:comodato senza deteminazione di durata. Significa che il comodante puo richiedere al comodatario senza motivazione di rientrare in possesso del bene in
    qualsiasi momento mentre nel art.1809 ci deve essere una motivazione per riaverlo prima della scdenza è questa la differenza o interpreto male? Grazie per le risposte
     
  11. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    Nessun canone RAI dovrà essere pagato dal comodatario se per la stessa abitazione l'hai già pagato tu.
     
    A martin piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina