1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. La ste

    La ste Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buonasera! Sono proprietaria del 90% di un appartamento. Il restante 10%e di proprietà di mia madre. Io voglio vendere lei dice di volerlo fare ma in realtà non e così. Abbiamo fatto una mediazione in tribunale che pero non e servita. Ora vorrei chiedere lo scioglimento della comunione ma vorrei capire non tanto i tempi ma le spese che dovro affrontare escluse quelle legali. Apertura pratica, perizie, marche da bollo etc etc etc. L appartamento vale circa 115 mila euro. Grazie!
     
  2. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    devi presentare istanza di scioglimento ma lo devi fare tramite avvocato. L'istanza presentata in cancelleria verrà affidata ad un giudice il quale deciderà le date dell'udienza ed affiderà un incarico ad un suo consulente CTU: questo verificata la impossibilità di suddividere l'immobile secondo le quote di proprietà suggerirà di mettere in vendita l'immobile ad un certo prezzo. In questa fase sia tu che tua madre sarebbe opportuno che vi faceste assistere da un vostro consulente di parte (CTP).
    Di solito gli scioglimenti giudiziali delle comunioni si risolvono con dei bagni di sangue per i comunisti. Assieme dovrete pagare il CTU la cui parcella è in funzione della complicazione del caso e dell'importo trattato comunque non sarà mai inferiore ai 1200 € più cassa pensionistica ed IVA. Ognuno dovrà pagare il proprio CTP ed il proprio avvocato i cui compensi saranno calcolati con lo stesso criterio usato per il CTU (tempo dedicato al caso ed importo del caso trattato).
     
    A La ste e rita dedè piace questo messaggio.
  3. moralista

    moralista Membro Senior

    Professionista
    Stai parlando di tua madre, proprio oggi il giorno delle donne, AUGURI A TUTTE LE FORUMISTE:torta::fiore::fiore::fiore:
     
  4. La ste

    La ste Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Sto parlando di mia madre è quindi? Lei sta parlando di un rapporto madre figlia che non conosce .Forse le conviene non farlo! Auguri
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  5. moralista

    moralista Membro Senior

    Professionista
    Riprendo il quesito della divisione e dei costi, per i costi sono stati già evidenziati Luigi anche se è stato molto abbondante? per la vendita giudiziale dell'immobile se tua madre avanza del diritto di abitazione fai un buco nell'acqua, dopo esservi dissanguati, sedetevi ad un tavolo che un professionista e cercate di raggiungere un accordo, anche se non condiviso al 100% ma è sempre un buon accordo:)
     
  6. La ste

    La ste Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Se chiedo nello specifico i costi per scuogliere la comunione e perché ogni altro tentativo è già andato a vuoto altrimenti avrei risolto con una soluzione meno invasiva per tutti!
     
  7. La ste

    La ste Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie Luigi!
     
  8. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Come lo avete avuto?
    Acquisto?
    Eredità?
    Donazione?
    Altro?
     
    A basty piace questo elemento.
  9. La ste

    La ste Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Acquisto ma se come è stato pagato mio padre lui ha voluto che una percentuale andasse a ma madre! Ma io voglio solo sapere da quando dirò al legale "ok facciamo lo scioglimento" quanti soldi dovrò tratta fuori escluse le spese legali! Tutto qui!
     
  10. rita dedè

    rita dedè Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Così su due piedi, senza conoscere dettagliatamente, i fattori facenti parte del gioco , io calcolerei a manica larga, un 10 Mila euro, cioè meglio pensare ad una cifra più alta e poi dopo risulterà una cifra più bassa!
    I fattori determinanti il costo di una causa di questo tipo, sono davvero tanti!
    Molto importante é la capacità dei professionisti che dovranno assisterti!
     
    A La ste piace questo elemento.
  11. La ste

    La ste Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie!
     
  12. rita dedè

    rita dedè Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Informati il più che puoi su come funziona una causa come questa, prima di decidere, se iniziarla o no!
     
  13. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    riporto un estratto di una risposta del 2011 che diede @massimo binotto su un argomento analogo:
    "Inizialmente, per aprire la causa l'attore (in questo caso tu) dovrà versare i contributi unificati che vanno in percentuale in base al valore che si dichiara...
    Non dichiarando nessun valore si paga un minimo che sono circa 300/400 euro...
    Poi sicuramente ci sarà la CTU che normalmente il giudice pone le spese anticipate sempre a carico dell'attore.
    Al termine della perizia però la spesa del consulente va divisa fra attore e convenuti (cioè fra i tre fratelli).
    Oltre a questo c'è la spesa dei propri legali.
    " e consulenti. Poi se la vendita viene curata da un agente immobiliare questo vorrà avere le sue provvigioni sul venduto.
    Ma chiedere al proprio avvocato i costi no???
     
  14. La ste

    La ste Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Certo che chiederò al legale mi sembra scontato, ma una cosa non esclude l altra...
     
  15. albertodellorso

    albertodellorso Membro Attivo

    attenzione perchè ora prima di arrivare al Tribunale, occorre aver seguito la via della " Media Cionciliazione ", la quale avrà anche essa dei costi, indipendentemente dai risultati. Per le spese del CTU, normalmente il Giudice decreta il pagamento in SOLIDALE (quindi tutti gli intervenuti nella causa).
     
    A La ste piace questo elemento.
  16. moralista

    moralista Membro Senior

    Professionista
    Non credo che questa rientri nella mediazione di conciliazione, vedo di acclarare e vi faro sapere
     
  17. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    La Corte Costituzionale aveva dichiarato l'illegittimità costituzionale del DLGS del 4 marzo 2010 n. 28 nella parte in cui prevedeva il carattere obbligatorio della mediazione.
    La mediazione è ritornata obbligatoria nel 2013 con il D.L. 21/6/2013 n. 69 nelle materie di cui all'art. 5 che riportiamo di seguito.

    - Condominio
    - Diritti reali: proprietà, usufrutto, servitù…
    - Divisione: comproprietà, comunione tra coniugi…
    - Successioni ereditarie
    - Patti di famiglia
    - Contratti assicurativi, contratti bancari, contratti finanziari
    - Locazioni
    - Comodato (prestito di beni a titolo gratuito)
    - Affitto di azienda
    - Risarcimento danni da responsabilità medica e sanitaria
    - Risarcimento danni da diffamazione a mezzo stampa o altro mezzo
    - Contratti assicurativi, bancari e finanziari
     
  18. moralista

    moralista Membro Senior

    Professionista
    OK, evito la ricerca grazie
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina

  1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies.
    Chiudi