1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. salvomonreale

    salvomonreale Nuovo Iscritto

    Salve a tutti, volevo porre un quesito al quale spero di trovare delle risposte:
    premetto che siamo cinque figli con papà e mamma ancora in vita, i nostri genitori hanno delle proprietà immobiliari (terreni) che, a causa del peso in termini di tasse che annualmente devono sostenere, intendono donare a tutti noi.
    Bene una volta messi daccordo su come dividere gli immobili, ognuno di noi ha proceduto a realizzare delle case a proprie cure e spese, però solo tre di noi abbiamo proceduto con il rogito con il quale nostro padre ci ha donato gli immobili che ci spettavano mentre altri due fratelli, nonostante avessero su quegli immobili già realizzato delle case, per motivi economici non hanno avuto (e ad oggi ancora) la possibilità di procedere al rogito.
    Le esperienze di vita ci hanno insegnato che anche in famiglia (anzi soprattutto) possono nascere delle liti per questioni di eredità allora, abbiamo pensato, al fine di tutelare un po tutti di procedere alla stipula di una scrittura privata da far valere sino a che gli altri due fratelli non procedano con il dovuto rogito.
    Mi chiedo è una soluzione oppure è un palliativo che eventualmente non ci potrebbe tutelare abbastanza?
    Grazie.
     
  2. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    L'accertamento dell'autenticità delle firme di una scrittura pivata può avvenire in 3 modi:

    1) con un previo accertamento dell'identità dei sottoscritti, fatto da notaio o altro pubblico ufficiale autorizzato, che autentichi la firma nel momento della sottoscrizione (art. 2703 del c.c.)

    2) con il ricoscimento di colui contro il quale si invoca la scrittura (art.
    2702 del c.c.). Il riconoscimento può essere tacito ex art. 215 del c.p.c.

    3) con l'accertamento giudiziale: c.d. procedimento di verificazione della scrittura disciplinato dall'art. 216 del c.p.c. e ss.
    (nel caso ipotetico di disconoscimento di eredi)

    Con riferimento al punto sub 1) il pubblico ufficiale che è autorizzato ad attestare l'autenticità della sottoscrizione, oltre al notaio, può essere il cancelliere, il segretario comunale o altro dipendente dell'Amministrazione Comunale incaricato dal Sindaco o di un ente di rilievo pubblico o gestore di pubblici servizi.

    Spero di essere stato chiaro.
    saluti
    jerry48
     
  3. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ancora con l'inesistente potere di autentica da parte dei funzionari comunali delle scritture private aventi contenuto negoziale? Lasciando perdere i gestori di pubblici servizi. Ci manca solo che l'Enel o la Telecom si mettano ad autenticare le sottoscrizioni delle scritture private!
    Per venire al succo del problema, tale scrittura privata, autenticata o no, certamente non potrebbe disporre riguardo ai diritti ereditari di ciascuno dei figli.
     
  4. erwan

    erwan Membro Attivo

    sinceramente non capisco che problema tu ti ponga.
    sono eventualmente i fratelli che ancora non hanno fatto l'atto che dovrebbero preoccuparsi, perché non hanno ricevuto ancora nulla.
    e quando dovesse aprirsi la successione ci rientrerebbero anche le case che hanno costruito, perché automaticamente sono diventate dello stesso proprietario del suolo....
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  5. erwan

    erwan Membro Attivo

    quoto infine Nemesis (tra l'altro la questione delle autentiche non mi pare neppure pertinente al quesito posto...)
     
  6. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Nemesis, ti ammiro per il tuo sarcasmo, che tu pensi che centri sempre il bersaglio!!!
    Non c'è solo l'ENEL o la TELECOM ma anche il giudice di pace ,
    o il cancelliere del tribunale.
    saluti
    jerry48

    e invece esiste il problema, perchè i terreni, di cui non sono stati fatti i rogiti, risultano ancora indivisi e risultano al catasto di proprietà di tutti gli eredi, anche se vi hanno costruito le loro case e tutti gli eredi fratelli sono tenuti a dichiararli nel loro 730.
    saluti jerry48
     
  7. erwan

    erwan Membro Attivo

    terreni indivisi?
    eredi? di chi?
    fratelli che dichiarano nel 730 beni dei genitori?

    :domanda: :domanda: :domanda:
     
  8. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Dei beni che hanno intenzione i genitori di donare ai loro figli e che alla morte (fra cent'anni), possono creare molti problemi nella successione,
    se tutto non è chiarito, e regolato di conseguenza secondo legge.
    E poi...tra parenti...si sà...cosa tutto può succedere.
    saluti
    jerry48
     
    A salvomonreale piace questo elemento.
  9. erwan

    erwan Membro Attivo

    continuo a non vedere alcun problema particolare: la successione potrà essere regolata secondo legge o con un testamento, e dovrà presumibilmente fare i conti con la collazione;
    in ogni caso chi rischia di perderci sono i figli che ancora non hanno ricevuto donazioni e non gli altri!

    PS
    non è possibile presentarsi per ottenere l'autentica di una scrittura privata davanti ad un giudice di pace o ad un cancelliere del tribunale...
     
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Chissà quando lo capirà?
     
  11. salvomonreale

    salvomonreale Nuovo Iscritto

    ringrazio tutti per le risposte, devo dire che adesso le cosa sono più chiare, speriamo di agire nel migliore dei modi.
    Grazie
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina