1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Matteo Ven

    Matteo Ven Nuovo Iscritto

    Che valore ha, ai fini di una vendita, la scrittura privata ?
     
  2. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Secondo il mio parere la scrittura privata, sino a che non avviene il rogito vale come un preliminare, ovvero una promessa di compravendita tra i due firmatari.
     
    A meri56 piace questo elemento.
  3. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ai fini di quale vendita e che cosa si pattuisce con quella scrittura?
     
  4. Bonats

    Bonats Nuovo Iscritto

    Bisogna sapere forma, modo e oggetto della compravendita
     
  5. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Siamo nella Sezione del Forum - PROPRIETARI DI IMMOBILI - Compravendita Immobiliare, di che mai si potrebbe parlare?
     
  6. Gugli

    Gugli Membro Attivo

    la legge prevede che in caso di obbligazione a titolo oneroso sia garantita la traslazione della proprietà con atto noatarile o atto con autenticazione delle firme
    teoricamente che mastica un pò di diritto e ha un immobile con le carte in regola, conformitò urb-ed e catastale potrebbe presentarsi dal notaio (o in conservatoria un' ipotesi residuale) per l'autenticazione delle firme nonchè adempiere a tutte le imposte e registrazioni
    se fai una scrittura privata e finisce lì la proprietà non viene traslata
     
  7. Fausto1940

    Fausto1940 Membro Attivo

    Leggi attentamente gli artt. 2702 e 2704 del Codice civile.
     
  8. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La vendita di un immobile con scrittura privata è assolutamente valida ed efficace se le firme sono state autenticate (è sufficiente farle autenticare in Comune, senza spendere i soldi del notaio. L'autentica può essere fatta da un qualsiasi pubblico ufficiale).
    L'autentica delle firme è condizione necessaria per procedere alla trascrizione della vendita presso l'ufficio del Registro Immobiliare.

    Art. 1350 c.c.
    «Atti che devono farsi per iscritto.
    Devono farsi per atto pubblico o per scrittura privata, sotto pena di nullità:
    1) i contratti che trasferiscono la proprietà di beni immobili;
    2) i contratti che costituiscono, modificano o trasferiscono il diritto di usufrutto su beni immobili, il diritto di superficie , il diritto del concedente e dell'enfiteuta;
    3) i contratti che costituiscono la comunione di diritti indicati dai numeri precedenti;
    4) i contratti che costituiscono o modificano le servitù prediali, il diritto di uso su beni immobili e il diritto di abitazione;
    5) gli atti di rinunzia ai diritti indicati dai numeri precedenti;
    6) i contratti di affrancazione del fondo enfiteutico;
    7) i contratti di anticresi;
    8) i contratti di locazione di beni immobili per una durata superiore a nove anni;
    9) i contratti di società o di associazione con i quali si conferisce il godimento di beni immobili o di altri diritti reali immobiliari per un tempo eccedente i nove anni o per un tempo indeterminato;
    10) gli atti che costituiscono rendite perpetue o vitalizie salve le disposizioni relative alle rendite dello Stato ;
    11) gli atti di divisione di beni immobili e di altri diritti reali immobiliari;
    12) le transazioni che hanno per oggetto controversie relative ai rapporti giuridici menzionati nei numeri precedenti;
    13) gli altri atti specialmente indicati dalla legge
    »

    Art. 2703 c.c.
    «Sottoscrizione autenticata.
    Si ha per riconosciuta la sottoscrizione autenticata dal notaio o da altro pubblico ufficiale a ciò autorizzato.
    L'autenticazione consiste nell'attestazione da parte del pubblico ufficiale che la sottoscrizione è stata apposta in sua presenza. Il pubblico ufficiale deve previamente accertare l'identità della persona che sottoscrive.
    »

    In realtà il ricorso al notaio si fa per avere garanzie sull'effettuazione di tutti i controlli opportuni che devono prudenzialmente precedere la vendita (esistenza di ipoteche o altri vincoli quali pignoramenti, sequestri, servitu', etc.; nonché la verifica del rispetto delle norme edilizie e della conformità dell'atto di vendita con gli atti precedenti). Inoltre, data la complessità dell'atto, è preferibile rivolgersi ad un professionista, soprattutto per evitare errori od omissioni che potrebbero avere risvolti negativi.

    L'atto deve contenere:
    - dati anagrafici dei contraenti;
    - dati riguardanti l'immobile e delle eventuali pertinenze (descrizione, situazione catastale, titolo di possesso del venditore e sue eventuali limitazioni);
    - indicazione dei confini con altri immobili;
    - indicazione del prezzo e dei tempi e modalita' di pagamento;
    - accordi circa la consegna dell'immobile e sul subentro dell'acquirente negli oneri attivi e passivi (quando questi non siano contestuali al rogito).

    Infine si deve procedere alla registrazione (all'AdE) e trascrizione (in conservatoria) dell'atto di vendita.
    Entro 48 ore dalla consegna dell'immobile, il venditore ne deve fare denuncia alla Questura o, in assenza, in Comune.
     
  9. erwan

    erwan Membro Attivo

    di scritture private autenticate dal notaio infatti se ne fanno molte;
    l'ipotesi della conservatoria invece non l'ho mai sentita... come dovrebbe funzionare?
     
  10. Gugli

    Gugli Membro Attivo

    per erwan,
    la questione è stata sollevata dall'unione nazionale dei consumatori per far risparmiare la 'gabella' notarile a chi si sente in grado di poterlo fare

    guarda qui:

    Ma a che serve il notaio?
     
  11. erwan

    erwan Membro Attivo

    al di là di questo articolo suggestivo quanto fantasioso, qualcuno ha materialmente mai visto concludere una scrittura privata di vendita autenticata in conservatoria o in comune?
    perché a me sa tanto che la competenza dei soggetti diversi dal Notaio non possa mai essere generale, ma sia sempre limitata all'ambito della loro attività... (proprio secondo il DPR 445 citato...)
     
  12. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    L'autenticazione può essere fatta da un P.U. autorizzato. E il funzionario comunale non è autorizzato!
     
  13. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Sbagliato. L'autentica fatta in Circoscrizione/Comune ha identico valore di quella notarile.
     
  14. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Il funzionario comunale NON ha alcuna competenza per l'autenticazione delle sottoscrizioni di atti dispositivi di diritto privato. Con l'eccezione ex art. 7 del D.L. n. 223/2006 per gli atti di alienazione di beni mobili registrati e rimorchi o la costituzione di diritti di garanzia sui medesimi.
    E il segretario comunale puo' rogare solamente i contratti nei quali l'ente locale è parte e autenticare scritture private e atti unilaterali nell'interesse dell'ente.
     
  15. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Mi sembri un po' fuori strada...

    Il D.L. n. 223/2006 disciplina esclusivamente l'autenticazione della sottoscrizione degli atti di alienazione di beni mobili registrati (qui invece si parla di cessione di immobili). In base all'art. 7 da te richiamato, l’autenticazione della sottoscrizione degli atti relativi all’alienazione di beni mobili registrati o la costituzione di diritti reali di garanzia sui medesimi, può essere richiesta, oltre che da un Notaio, al Pubblico Registro Automobilistico (PRA), all’Ufficio della Motorizzazione Civile(UMC), alle Agenzie di Pratiche Auto titolari di Sportello Telematico dell’Automobilista e negli uffici anagrafici del Comune.

    Quanto al topic qui in discussione, leggi meglio l'art. 2703 c.c.

    Inoltre, in base al D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445:
    - l'autentica di firma è l’attestazione da parte del pubblico ufficiale autorizzato che la sottoscrizione (firma) è stata apposta in sua presenza dall’interessato, previa sua identificazione.
    - Può essere fatta da:
    • Notaio;
    • Cancelliere;
    • Segretario Comunale;
    • Dipendente addetto a ricevere la documentazione o altro dipendente incaricato dal Sindaco.

    La firma può essere autenticata in qualsiasi Comune, non necessariamente in quello di residenza.
     
  16. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
  17. erwan

    erwan Membro Attivo

    Sbagliato
     
  18. effemme8

    effemme8 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Almeno specifica!

    Se io sottoscrivo le stesse cose che sono stampate sul mio documenti....e autentico questo scritto davanti ad un funzionario comunale (con timbri e bolli)....ha li stesso valore che farlo davanti ad un notaio

    Inviato dal mio B63M usando Tapatalk
     
  19. erwan

    erwan Membro Attivo

    la specifica l'aveva già fornita Nemesis prima di me...
    se non ci credi puoi accertartene recandoti in Comune con una scrittura privata di compravendita d'immobile e chiedendo l'autenticazione.

    se sei di Roma puoi anche risparmiare di perdere tempo e leggere semplicemente quello che dice il sito web del Comune.
    riporto testualmente:
    da qui:
    Comune di Roma | Sito Istituzionale
     
  20. AlbertoF

    AlbertoF Ospite

    Per Matteo Ven: una scrittura privata come da te prospettata non ha nessun valore.
    Ciao
     
    A condobip piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina