1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    Qualora in sede di stipula del contratto definitivo nonostante la garanzia prestata dal promittente venditore risulti che alcune parti dell'immobile non abbiano l'abitabilità come può agire il promissario acquirente che ha intenzione comunque di concludere la compravendita ?
    E' una circostanza che accade non di rado ed è opportuno fare chiarezza sull'azione giudiziale che può essere attivata dal legale incaricato di tutelare l'aspirante acquirente qualora le parti non raggiungano un accordo per ridurre il prezzo pattuito.

    Di recente è stata pubblicata la sentenza della III sezione civile della Cassazione, n. 6521 del 7 marzo - 26 aprile 2012, con la quale i giudici hanno precisato che qualora si configuri una abitabilità parziale dell'immobile è giustificata la riduzione del prezzo ex art. 1492 del codice civile già pattuito con il preliminare se tali difetti sono riferiti a norme urbanistiche ed impiantistiche e siano stati prontamente segnalati al venditore dall'aspirante acquirente.
    Nel caso in questione si trattava di locali siti nel piano seminterrato dell'immobile, definiti taverna con cucinotto, e l'alienante aveva prestato la garanzia ex art. 1490 del codice civile (attestando che la cosa venduta è immune da vizi che la rendano inidonea all'uso cui è destinata o ne diminuiscano il valore in modo apprezzabile) nel contratto preliminare di vendita in ordine al rispetto delle norme urbanistiche ed alla abitabilità in ogni parte dell'immobile compresi gli accessori.

    Ricordo ai lettori che il primo comma dell'art. 1492, la seconda opzione è la cosiddetta actio quanti minoris, prevede che "nei casi indicati dall'art. 1490 (garanzia per i vizi della cosa venduta) il compratore può domandare a sua scelta la risoluzione del contratto ovvero la riduzione del prezzo, salvo che, per determinati vizi, gli usi escludano la risoluzione."

    Consiglio sempre di accertarsi delle qualità del bene che si vuole acquistare pretendendo prima di sottoscrivere proposte di acquisto e preliminari la consegna di ogni documento utile al di là delle dichiarazioni verbali del venditore e/o del mediatore.;)

    Avv. Luigi De Valeri
     
  2. ferrari domus

    ferrari domus Nuovo Iscritto

    e degli avvocati
     
  3. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    Se chi vende è un avvocato:risata: giusta osservazione dell'anonimo agente immobiliare:fico:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina