• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

carlo84

Nuovo Iscritto
Mio figlio ha acquistato nel 2009 nel comune di residenza una abitazione con agevolazioni prima casa che ha dato in uso gratuito alla nonna che vi risiede. Nel 2009 sono stati effettuati nel condominio lavori di manutenzione straordinaria. Non avendo mio figlio alcun reddito ed essendo interamente a mio carico, posso io detrarre il 36%? Lo posso, eventualmente, anche per i lavori eseguiti negli anni precedenti e corrisposti dal venditore? Grazie
 
L

Loretta Grazia

Ospite
Il 36% può essere detratto soltanto dalla nonna che vi abita, o da tuo figlio (che però non ha reddito). Purtroppo il 36% non rientra tra le spese che si possono detrarre se sostenute da persone fiscalmente a carico, e nel tuo caso c'è l'"aggravante" che tu non abiti nell'appartamento oggetto di ristrutturazione. Infatti la Circolare 10.06.2004 n. 24 conferma che la detrazione compete anche ai familiari conviventi del possessore o detentore dell'immobile, a condizione però che "i lavori siano effettuati su un immobile in cui di fatto si esplica la convivenza" e risultino intestatari delle fatture e dei bonifici. Ciao, buona serata
 
  • Mi Piace
Reazioni:

carlo84

Nuovo Iscritto
Chiedo scusa.Se ho ben capito, la detrazione compete al proprietario o al familiare che risiede nell'appartamento. Poichè per quest'anno sono stati preventivati grossi lavori di ristrutturazione al palazzo, continuando mio figlio, studente, a non avere redditi, nel 2011 la nonna potrà portare in detrazione il 36% dei lavori che verranno effettuati quest'anno? Nel caso, quale la prassi? I ratei condominiali dovranno risultare essere strati pagati a suo nome? Inoltre, se nel decennio cambiasse residenza, potrebbe mio figlio, qualora con reddito e me lo auguro, attribuire a sè le detrazioni? Grazie e buon fine settimana. Carla
 
L

Loretta Grazia

Ospite
Nel tuo caso la soluzione è registrare un contratto di comodato con cui tuo figlio concede l'appartamento in uso gratuito alla nonna, precisando che lei dovrà sostenere le spese condominiali. In questo modo la nonna potrà detrarre tutte le spese condominiali successive alla registrazione del comodato, ma dovrà completare la rateazione (in 10,5 o 3 anni a seconda della sua età) senza poterla trasferire in futuro a tuo figlio. Ciao, buon fine settimana
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Principia ha scritto sul profilo di Gianco.
Giaco ho letto che sei professionista che lavoro fai? Potrei contattarti telefonicamente se sei in tecnico?
Buongiorno,

Chiedo a questo forum una delucidazione per un contratto di affitto casa.

Sto per affittare una casa dal 21 ottobre di quest' anno, ho optato per la cedolare secca, quando e come dovrei versare la tassa del 21% ? E poi come funzioneranno i vari versamenti per l'anno prossimo?

Vi ringrazio per la risposta
Alto