• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

fabiola

Nuovo Iscritto
Nella riunione di condominio, si è discussa la possibilità di spendere 40 euro l'anno ad appartamento per mantenere i vasconi del piano terra sempre verdi (ornati di piante, puliti, ecc) affidandoci ad una ditta esterna.
Tutti i condomini presenti all'assemblea hanno dato parere favorevole, tranne tre di cui uno (il nostro ex amministratore, accompagnato dal legale) ci ha tenuto a far verbalizzare non che lui sia contrario alla cosa, ma proprio che SI OPPONE a tale spesa. Ora mi chiedo: se la maggioranza dei millesimi è stata raggiunta, questa frase sul verbale (il condominio Tizio si oppone a tale spesa) può ostacolare la decisione presa? Se SI: ogni volta che un condomino si oppone, la decisione della maggioranza è praticamente nulla? e come si fa?
Se NO: perchè ci ha tenuto tanto a farla scrivere testualmente?
Grazie tante
Fabiola
 

Antonio Azzaretto

Membro dello Staff
Dal punto di vista strettamente legale, il condòmino che si oppone alla delibera ha 30 giorni di tempo a partire dalla data di approvazione per impugnarla.

Per completezza è meglio scrivere che le delibere di assemblea approvate possono essere impugnate dai condòmini assenti, o che si sono allontanati prima della votazione, o dai condòmini che hanno votato contro.
 

fabiola

Nuovo Iscritto
Grazie tante per la risposta, ma ho ancora dei dubbi; quando dice: per completezza è meglio scrivere.... si riferisce sul verbale della stessa riunione? o anche questo deve essere deliberato? non so se mi spiego:basta scrivere sul verbale della riunione di ieri sera quella frase? e comunque: se tale condòmino si è opposto, credo sia scontato che abbia votato contro e che quindi possa impugnare la delibera, giusto? e allora come si fa?
preciso che tale condòmino è l'ex amministratore di cui non ne potevamo più perchè inserito dalla ditta costruttrice e quindi di parte; ieri è venuto come rappresentante di un condòmino (quindi delegato) e accompagnato dal suo legale e ad ogni virgola aveva da ribattere. sta facendo di tutto per far cadere il nuovo amministratore e annullare tutte le assemblee.
grazie ancora
 

Antonio Azzaretto

Membro dello Staff
Ho scritto "per completezza" al fine di dare una risposta generale per i lettori del forum.

Per ciò che ti riguarda, il condòmino che ha votato contro (che sia stato anche amministratore non interessa), con questa azione si è garantito il diritto di impugnare la delibera entro 30 giorni.

E' necessario attendere gli sviluppi, poichè, se arriveranno atti di impugnazione dal tribunale, questi saranno notificati per conto del condominio presso il domicilio dell' amministratore.

A "quel" punto, il condomìnio sarà costretto a opporsi in tribunale con le modalità previste dalla legge.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Se hai una buona scusa, non usarla mai.
Se hai una buona scusa, non usarla mai.
Alto