1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. lucia

    lucia Membro Attivo

    Salve a tutti, mi sto separando consensualmente e mi chiedevo se a seguito dell'omologa io e mio marito dovremmo riconciliarci tornando a vivere insieme, per far cessare gli effetti della separazione dovremmo fare un nuovo ricorso al Giudice oppure cessano automaticamente con la ripresa della convivenza?
    Grazie a chiunque sia in grado di darmi una risposta.
     
  2. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    Ciao,
    la separazione dura 3 anni a partire dall'omologa del Tribunale. Non è detto che debba concludersi forzatamente con il divorzio, può durare anche in eterno oppure può avvenire la riconciliazione tra i coniugi.
    Secondo l'art. 69 lettera F Ord. Civ. prevede che la riconciliazione sia annotata a margine dell'atto di matrimonio.
    Per far cessare gli effetti della separazione, non basta solo che uno dei coniugi frequenti la casa e/o l'altro coniuge, ma deve esserci l'intenzione di ristabilire la famiglia, quindi la convicenza matrimoniale.
    Spero di esserti stata utile e ti auguro un grosso in bocca al lupo.
     
    A maidealista piace questo elemento.
  3. lucia

    lucia Membro Attivo

    Quindi per poter annotare a margine dell'atto di matrimonio l'avvenuta riconciliazione è necessario rivolgersi al giudice che accerti la sussistenza della volontà di ricostituire la famiglia e con provvedimento disponga la predetta annotazione, ho capito bene?
     
  4. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    Si esatto.
    Comunque, è l'avvocato stesso che prima di formalizzare le pratiche per fissare l'udienza dal Giudice, sia in caso di separazione, che in caso di divorzio, a chiedere ai rispettivi coniugi se c'è una speranza di potersi riunire, perchè in tal caso, ovviamente, blocca la pratica di separazione se non è stata ancora omologata e la comunica al Giudice.
     
  5. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    La sentenza che pronuncia la separazione forma cosa giudicata ma è soggetta alla clausola "rebus sic stantibus" e pertanto ciascun coniuge potrà chiederne la modifica al mutare delle situazioni di fatto.

    Come per la separazione consensuale, se i coniugi si riconciliano, col solo fatto del ritorno alla coabitazione, fanno cessare gli effetti della sentenza senza necessità di intervento della autorità giudiziaria
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina