• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Marco Antoniolli

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Buongiorno, abito in un terreno intercluso con servitù di passaggio su strada sterrata a mezzacosta. Durante l'eccezionale evento atmosferico di fine ottobre in Trentino circa 20 metri di parte della strada è collassata a valle impedendo l'accesso alla mia abitazione se non a piedi, il punto della frana è sul terreno del fondo servente ed il proprietario ha denunciato l'evento al Comune di competenza il quale ha emesso ad inizio dicembre una lettera indicando che la riparazione non può essere attribuita a somma urgenza e che il ripristino dell'accesso alla mia abitazione deve essere eseguito a carico del proprietario. Ad oggi, sono passati 80 giorni, dopo alcuni miei messaggi di informazione sull'andamento della situazione al proprietario lo stesso risponde che sta facendo gli accertamenti tecnici e giuridici necessari e che appena sarà in possesso di notizie certe mi avviserà.
Vorrei chiedere al Forum che diritto mi viene a mancare e sopratutto cosa posso fare per velocizzare al massimo il ripristino della strada di accesso compresi gli eventuali mezzi di soccorso. Grazie e saluti.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Strada privata quindi non vi sono diritti a farsi sistemare i problemi da enti pubblici.

Pure il proprietario del fondo servente non può essere obbligato a sistemare una strada che serve solo al fondo dominante salvo gli sia addebitabile una responsabilità per la frana.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
In sostanza ... una bella rogna. Ricapitolerei: la manutenzione ordinaria di un diritto di passaggio è anche (o solo?) a carico del fondo dominante. Forse è corretto dire che è a carico di chi ne fa uso e se ne serve.
Ma la manutenzione straordinaria?
Se la servitù di passaggio fosse stata concessa dietro compenso, che oneri ricadrebbero sul fondo servente?
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Passiamo da quella strada da più di 60 anni, non so che accordi avevano preso allora non ho niente in mano......
Lo immagino: si scoprono le calune quando sorge il problema, purtroppo. Con ciò le mie rimangono più che altro domande: sarebbe interessante sapere se si è formata una certa prassi in materia.

La questione è certamente interessante oltre che spinosa: ma se prendessimo ad esempio la attribuzione di spesa tra usufruttuario e nudo proprietario, scopriremmo che in quel caso la manutenzione ordinaria è a carico dell'usufruttuario. Quella straordinaria, in carico al solo nudo proprietario. Se ci si riflette un pò , anche questa regola (art. 67 dacc) sembra piuttosto squilibrata (c'è un 3D kilometrico sul forum in proposito....): ne vedrei una certa equiparazione al caso delle servitù. Entrambe richiederebbero una valutazione e normazione più equa.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Mischiare capre e cavoli...tse.

Il fondo dominante che faccia uso esclusivo della servitù (transito) sostiene da solo tutti i tipi di manutenzione.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Mischiare capre e cavoli...tse.

Il fondo dominante che faccia uso esclusivo della servitù (transito) sostiene da solo tutti i tipi di manutenzione.
Capisco che per te sia sempre difficile dare risposte educate: qui si stava discutendo, e nella vita si incontrano capre, caproni, cavoli, cavolfiori e accidenti atmosferici vari. Purtroppo non sempre si incontrano in modo separato.

La tua affermazione, di cui non avrei motivo di dubitare, e che immagino tenga conto delle differenti casistiche e variabili ipotizzate, è suffragata da sentenze definitive ? Grazie.
 

Marco Antoniolli

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Giusto, ci sono articoli a proposito???? E la storia della responsabilità che se non ci fosse stata forte pioggia e vento e il bosco del mio vicino fosse stato curato tutto ciò non succedeva.......
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Il fondo dominante che faccia uso esclusivo della servitù (transito) sostiene da solo tutti i tipi di manutenzione.
Mi pare l'unica interpretazione possibile dell'art. 1069 cc, se non diversamente disposto al momento della costituzione della servitù.
Non mi pare si possano attribuire al proprietario del fondo servente responsabilità per un evento eccezionale .
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Giusto, ci sono articoli a proposito???? E la storia della responsabilità che se non ci fosse stata forte pioggia e vento e il bosco del mio vicino fosse stato curato tutto ciò non succedeva.......
Io sono "stanco" di dover citare sentenze o norme ogni qual volta una mia risposta non aggrada o qualche Carneade mi taccia di maleducazione.

Chi vuol credere creda... chi ritiene di sapere una storia diversa si diverta ed apra il portafoglio.

Ps.
Dimostrare che la frana è determinata dalla mancata cura di un bosco quando altre zone "curate" sono franate... i periti non vedono l'ora.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Chiedere è lecito , rispondere è cortesia....;)
Grazie @Franci63, per la precisazione ed il suggerimento.

Direi che per @Marco Antoniolli possa esser utile riferirsi, oltre che all'art. 1069 cc, anche al 1030 cc.
Come sospettavo, se nulla fu stabilito (e trascritto) al momento della costituzione della servitù, oggi tutte le opere sono a suo carico, se della strada è l'unico a doversene servire.
 

alberto bianchi

Membro Storico
Proprietario Casa
Per me è assurdo che in un paese civile esistano ancora tali situazioni cecità del legislatore e degli amministratori degli enti locali.
Fondo servente, fondo dominante, servitù ? Roba da Medioevo. Dovrebbero essere aboliti, il diritto di passaggio, con una apposita legge ben fatta, dovrebbe essere eliminato e sostituito con una "strada comunale". Si potrebbe anche introdurre l'Opa obbligatoria per eliminare, in caso di mancato accordo, uno dei contendenti, oppure l'esproprio.
Quante inutili leggi, regolamenti, disposizioni, quanti assurdi processi verrebbero eliminati, quanti denunce e contro denunce, e quanti soldi risparmierebbe questo povero paese disgraziato. Sarebbe la più utile "spending revew".
Stavo sognando.
In fondo siamo un popolo di estroversi e strontzi!
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Che i soldi li risparmierebbe il paese (=stato) no di certo. La popolazione? beh, sarebbe sufficiente meno litigiosità, maggior coscienza dei diritti/doveri ed un miglior equilibrio delle norme.


Sul tema delle servitù, le mie perplessità nascevano dal fatto che a volte noi profani chiamiamo servitù, cose che altro non sono che contratti di concessione: ora se ad esempio questo passaggio fosse stato concesso dal fondo proprietario, dietro un canone o importo forfettario, mi veniva da pensare che non si fosse in presenza di una vera e propria servitù coatta imposta al fondo servente, ma in una sorta di locazione; in quel caso non troverei assurdo che il concedente fosse tenuto a "fare" cioè ad ad assicurare che il diritto altrui acquistato possa essere esercitato.
 

alberto bianchi

Membro Storico
Proprietario Casa
Le tue considerazioni sono condivisibili, quello che manca forse è l'introduzione di una apposita assicurazione a copertura dei danni provocati dagli eventi atmosferici come quello oggetto della discussione. Con i cambiamenti climatici in corso il rischio di sinistro comincia a diventare elevato.
Nel caso concreto, per le lungaggini e le discussioni su chi deve pagare, il danno diventa doppio<. perdita del raccolto (a meno che non si utilizzi un elicottero) ed il danno materiale che impedisce l'accesso al terreno.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
quello che manca forse è l'introduzione di una apposita assicurazione a copertura dei danni provocati dagli eventi atmosferici
Non scherzare con il fuoco.
Da sempre (famosi i lloyds) ci si può assicurare contro qualunque cosa e per qualunque parte.(ovviamente pagando).. ma appena tu rendi "obbligatoria" una polizza il prezzo (premio) invece di diminuire (aumento dei partecipanti) aumenta a dismisura.


(Es. fra i tanti: Rca ciclomotori... ma vale anche per altre cose come pare con il costo dei vaccini).

Opa, spending review etc... non farti inutili illusioni.
 

Marco Antoniolli

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Ringrazio tutti per le “dritte” fornite. Se fosse stato sul mio terreno avrei già provveduto in modo almeno provvisorio al ripristino, non ci vuole gran che, una decina di grossi sassi e qualche trattore di terra..... il problema è che il proprietario (se pur agiato economicamente) sta tirando la corda penso aspettando che gli “passino” la sua richiesta di contributo pro evento eccezionale stanziato dalla provincia di Trento. A mio modesto parere sono persone senza il minimo di umanità e civiltà. Stanno impedendo il passaggio sicuro è agevole a tre famiglie, mio padre mio fratello ed io. Da novembre a piedi per duecento metri con la carriola per portare generi alimentari e altro....... non ho parole. Comunque grazie ancora.
 

alberto bianchi

Membro Storico
Proprietario Casa
Da sempre (famosi i lloyds) ci si può assicurare contro qualunque cosa e per qualunque parte.(ovviamente pagando).. ma appena tu rendi "obbligatoria" una polizza il prezzo (premio) invece di diminuire (aumento dei partecipanti) aumenta a dismisura.
Che esista qualsiasi tipo di assicurazione è arcinoto, che nel settore agricolo, soprattutto in certe regioni d'Italia, assicurarsi contro un "rischio" è pura utopia e non fa parte del bagaglio culturale e purtroppo nemmeno imprenditoriale, tanto che non vengono assicurati nemmeno i dipendenti. L'unica Compagnia a cui si rivolgono è l'Assicurazione Santa Provvidenza.
Che poi le Compagnie "regolari" ne approfittino e formino anche cartello è noto a tutti, ma lo fanno perché "qualcuno" glielo permette ( la legge in sé e chi non la sa far rispettare). Ed ora con il New Deal, i "pupazzi" saltati fuori come Jack in the Box, hanno pensato bene di "spalmare" e uniformare il costo dell'assicurazioni R.c.a. su tutta l'Italia, incuranti della reale distribuzione e incidenza dei furti, dei falsi incidenti, etc. Alla faccia ..
Mala tempora currunt.
Buona Domenica @Dimaraz
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve ho un problema molto grave; ho affittato ad una persona la mia abitazione come ospite dato che c’erano da fare del lavori avrei scalato sul mensile tutto i lavori effettuati in più ha lasciato 1000€ di cauzione ma dato che è entrato da soli 15 giorni ed ancora non ha pagato nessun affitto non ha residenza ed ha spaccato dei mobili buttandoli fuori casa ora come posso fare per mandarlo via???
Buongiorno, chiedo aiuto per il 730 precompilato riguardo la cedolare secca. Il locatore ha lasciato l'appartamento a fine maggio. Ho variato il periodo di pagamento adeguandolo ai 5 mesi di possesso. Tutto ok per i 5 mesi di cedolare 2019 ma nell'esito dei calcoli è sparito il saldo della cedolare 2018.Qualcuno può aiutarmi.
Alto