1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. pize42

    pize42 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Sono proprietario di un appartamento indipendente a cui si accede da un vialetto di proprietà di un condominio. Il vialetto é carrabile e vi sono spazi assegnati ai vari condomini. L'accesso al vialetto é regolato da una sbarra comandata da telecomando che consente comunque il passaggio pedonale. Ho affittato l'appartamento ad un agente di commercio che avrebbe bisogno di arrivare con la macchina nelle vicinanze dell'ingresso dell'appartamento per caricare/scaricare. Il condominio é tenuto a darmi (eventualmente a pagamento) un telecomando per l'apertura della sbarra? Dove posso trovare il tipo di servitù che grava sul condominio? (Siamo a Roma).
    Grazie
    pize42
     
  2. Marco Giovannelli

    Marco Giovannelli Membro dello Staff

    Professionista
    Guarda, a spanne ti chiederei di visionare in primis regolamento condominiale ed eventualmente l'atto di proprietà....comunque in linea di principio da quello che hai descritto penso che anche tu debba avere il telecomando.

    saluti
     
    A pize42 piace questo elemento.
  3. pize42

    pize42 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
  4. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    Richiesta formale all'amministratore del condominio dopo aver verificato atto di acquisto e regolamento condominiale.:daccordo:
     
    A Marco Giovannelli piace questo elemento.
  5. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Mi sembra di capire che l'appartamento in oggetto sia non faccia parte del condominio che è "gravato" di tale servitù di passaggio e quindi l'amministratore del condominio non credo sia tenuto a rispondere e/o mostrare atti ad un terzo.
    Se poi vi sia una servitù di passaggio solo pedonale non credo che il condominio si accontenti di farti pagare il solo telecomando, ma usandolo con la macchina dovresti entrare nelle spese in qualche modo anche per la sua manutenzione (partecipazione con quota o con affitto).
    Quindi si chiedi all'amministratore il quale non credo, come detto prima, sia nell'obbligo di accontentarti.
    Poi se non hai soddisfazione credo che debba passare ad una ricerca sul "condominio" verificando se è gravato da qualche servitù (conservatoria?)
    Tu hai già verificato nel tuo atto di acquisto se viene citato qualcosa?
    Per passare dal vialetto alla tua proprietà cosa c'è? un cancello? una semplice apertura? altro?
    C'è un'altra via di accesso? Hai acquistato dallo stesso costruttore che ha realizzato il condominio di cui parli?
    Luigi
     
  6. pize42

    pize42 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie infinite per la risposta.
    Io ho comprato circa 3 anni fa; il condominio é una costruzione direi anni 50. Nel mio atto di acquisto non risulta niente sul condominio; nell'atto di acquisto di chi ha venduto a me c'é una menzione di partecipazione alle spese di condominio. Non c'é cancello per passare dal vialetto all'accesso al mio appartamento a cui si può arrivare solo a piedi e solo dall'accesso alla strada con sbarra.
    Mi rendo conto che se mi danno il telecomando dovrò probabilmente pagare per partecipare alle spese.Proverò a capire chi é l'amministratore del condominio (ma se il portiere non mi da gli estremi, non so come identificarlo), altrimenti quale é la strada per arrivare a conoscere quale era la "servitù" originaria?
     
  7. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Non sono un legale (e forse si capisce dalle risposte) e neanche un notaio ma penso che alla "conservatoria" ci dovrebbero essere le informazioni riguardanti la vita di un bene (in questo caso terreno e/o immobile del condominio) potresti trovare qui le informazioni che cerchi.
    Non conosco se la ricerca la puoi fare per foglio particella e sub o devi partite da un atto notarile che potrebbe essere specificato anche se fai una visura al catasto sull'intero stabile (procurati un foglio del catasto o verifica sul tuo atto d acquisto se è presente e individuata la particella richiedi con tali estremi, se ti è difficile recarti al catasto, i geometri ed anche i commercialisti spesso hanno l'accesso per le visure).
    Luigi
     
    A pize42 piace questo elemento.
  8. pize42

    pize42 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
  9. ergobbo

    ergobbo Membro Attivo

    Contattare l'amministratore sconosciuto potrebbe essere facile (a meno che non voglia rimanere tale).
    Manda una raccomandata A/R al condominio di via XXXXX con ricevuta di ritorno chiedendogli di contattarti (non avendo il portiere fornito a te un suo recapito) per cercare una possibile soluzione al tuo problema.
    Nella peggiore delle ipotesi non ti risponderà e la spedizione potrebbe tornarti utile in futuro sia nei confronti dell'inquilino che in una ipotetica disputa legale con il condominio.
     
    A pize42 piace questo elemento.
  10. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Hai provato a procedere alla ricerca storica degli atti precedenti al tuo se descrivono il passaggio e una mappa che identifichi una particella riconducibile a tale passaggio?
    Ciao salves
     
  11. pize42

    pize42 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Dove faccio la ricerca storica degli atti?
     
  12. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    ma quanti problemi tutti insieme. Per piacere! Ma il portiere sarà mica Cerbero e l'Amministratore Minosse!!??.
    Grandi cose si iniziano con piccoli passi. Chiedi al portiere l'indirizzo (recapito telefonico) dell'Amministratore, mettiti in contatto con lui, esponigli il problema e.....mica sarà così difficile venirne a capo con un po' di buon senso e di praticità?
    Coraggio. Non ci si fascia mai la testa prima.....semmai, dopo!.
     
  13. pize42

    pize42 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Il tuo suggerimento é abbastanza ovvio.
    La mia domanda iniziale era se era un diritto o men.
     
  14. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    In tutte le umane cose i diritti vengono normalmente scritti da qualche parte. Perciò, o alla Conservatoria o da qualche altra parte, ci saranno senz'altro carte che parlano. Diverso è il concetto di "praticità" e di "convivenza civile". Presumo che tu abbia il diritto di accedere ad uno spazio comune ad altri condomini, ma non di prolungare la tua sosta oltre il normale svolgimento di operazioni di carico/scarico. Tutto ciò dovrebbe rilevare dagli atti di compravendita e di regolamento di condominio. Del resto se tu abitassi nella tua casa e dovessi portarvi una persona con disabilità grave, che ti potrebbe negare il consenso ad entrare mediante un telecomando far scendere/risalire la persona con handicap ed andartene con la macchina?
    Se proprio si dovesse arrivare "alle brutte" credo che nessun Giudice eviterebbe di applicare una legge cd. "abbattimento delle barriere architettoniche..." ordinando al Condominio resistente di concederti il passo.
    Inoltre, io proverei a chiedere il telecomando offrendo la partecipazione alle spese della barriera (manutenzione energia ecc.) oltre che, ovviamente, la spesa del telecomando stessa.
     
  15. pize42

    pize42 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie; in effetti sto cercando di seguire una strada di quel tipo; il problema é che il potenziale inquilino pone l'accesso come condizione alla firma del contratto; a Roma l'accesso alle documentazioni non é mai una cosa rapida e non é sempre chiaro dove é conservato cosa ; anche io avevo proprio fatto l'esempio della persona con handicap.
    Ora comunque ho le idee più chiare e o trovo una soluzione "amichevole" (che comprende ovviamente anche la possibilità di partecipare alle spese di gestione della sbarra), o troverò un altro potenziale inquilino che non abbia la stessa necessità.
     
  16. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Da quel che racconti, posso già presagire che "quell'inquilino" ti potrebbe già causare dei problemi con il restante Condominio. Se fa già una conditio sine qua non prima di entrare nell'appartamento, figuriamoci che belle litigate causerebbe dopo. Magari perchè dopo avere scaricato l'auto, si "dimenticherebbe" di lasciare libero il posto auto di altre persone ecc. ecc."
    Spero che non sia così nel tuo caso, però......a pensare male si fa peccato. Però molte volte non si sbaglia (Andreotti)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina