1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. genny

    genny Nuovo Iscritto

    Salve, nel 2008 ho aquistato un appartamento in una villetta trifamiliare. Datosi che il fabbricato si trova a circa 300m dalla S.P, per arrivare alla villetta, dobbiamo percorrere una via privata, che sull atto di aquisto risulta come servitu' di passaggio carrabile e pedonale. Fin qui tutto bene, se no, che pochi giorni fa sono venuto a conoscenza che il terreno su quale e stata realizata la strada, (6m larghezza)non e piu di proprieta' della persona che ci ha venduto l'abbitazione dall 2000, ma che e intestata al figlio.( accertato al catasto).Tutto questo sull atto di compravendita non risulta. Come devo comportarmi? Il atto e nullo?
    Grazie della vostra attenzione in anticipo e vi prego di aiutarmi con i vostri consigli al piu presto. Pino.
     
  2. meri56

    meri56 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Io non credo sia un problema. Se il terreno dal 2000 è intestato al figlio, il padre, proprietario di una porzione della villetta si sarà riservato la servitù di passaggio. Quando ha venduto a te avrà trasferito sia l'immobile sia la servitù.
     
  3. erwan

    erwan Membro Attivo

    prima di tutto l'atto non è nullo.
    secondo: con quell'atto si costituiva la servitù o si dichiarava la sua esistenza?
    se è il secondo caso, come credo, non c'è nessuna incongruenza.
    per maggior scrupolo si potrebbe controllare se la servitù è trascritta;

    in ogni caso la precisazione che "per arrivare alla villetta dobbiamo percorrere una via privata" sembra suggerire che è l'unico passaggio possibile: se è così il diritto sarebbe comunque garantito, in qualche modo...
     
  4. oliveri tomaso

    oliveri tomaso Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    La servitu gravante su una proprieta non si estingue con il cambio di proprieta si puo solo estinguere per il non uso ventennale e se il precedente proprietario ha costituito tale servitu con la vendita dell'appartamento stai tranquillo e se ti chiudesse la strada chiama i carrabinieri per fargliela aprire esibendo l'atto che prova l'esistenza del diritto ,esperienza vissuta.
     
  5. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    L'errore non è tuo, se hai acquistato in buona fede con il diritto di passo, per cui chi ha errato e non ha modificato il nome del proprietario non sei tu, e potrai dimostrare sempre la tua buna fede, salvo che non eri già a conoscenza del cambio del proprietario/fondo servente.
     
  6. erwan

    erwan Membro Attivo

    la buona fede non serve a nulla, se non a maturare l'acquisto del diritto per usucapione abbreviata; ma dal momento che l'atto è del 2008 non è un'ipotesi che qui ci interessi;

    inoltre, se la servitù preesisteva a tale trasferimento, e probabilmente è così, non ci sarebbe stato alcun bisogno di modificare il nome del proprietario, perché, come già evidenziato da meri 56 e oliveri tomaso, il diritto è reale, non personale, e la servitù continua quindi ad esistere indipendentemente dai passaggi di proprietà
    (almeno finché non c'è confusione, ma in caso di nuova divisione soccorre allora la destinazione del padre di famiglia)
     
  7. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Il diritto di passaggio si fonda solamente sui fondi e non sui proprietari, per cui se cambiamo i proprietari poco importa all'acquirente.
    Ossia il nostro amico pino65 ha acquistato nel 2008 un fondo A con villetta con diritto di passo sul fondo B, e se il proprietario dl fondo B, si è dimenticato di procedere alla successione, a pino65 poco può importare, dato che ha acquistato in buona fede credendo che l'originario proprietario era il padre e non l'attuale figlio.
    Questo probabilmente sarà riportato sul Rogito, ovvero figurerà proprietario ancora il padre e non il figlio, errore veniale e non determinante all'annullamento della servitù di passo.
     
  8. genny

    genny Nuovo Iscritto

    Salve, ringrazio a tutti per le risposte. Il problema e' che il iglio vuole vendere un terreno di sua proprieta', che confina con parte della strada. E' vero e' una parte che non e' cementata e che usiamo solo per fare delle passeggiate a piedi, ma lui ha mandato il padre per chiderci di rinunciare all diritto di passaggio...dicendo che se contrari, fa lo stesso inquanto con il figlio non abbiamo mai firmato niente. Lo puo fare? E' un particolare che si doveva trascrivere sul atto? Grazie di nuovo, Pino.
     
  9. erwan

    erwan Membro Attivo

    impossibile darti una risposta precisa senza conoscere la risposta alle domande fatte sopra, e cioé:
    cosa c'è scritto esattamente nel tuo atto d'acquisto a proposito della servitù?
    hai fatto eseguire una visura ipotecaria per controllare se il diritto in questione è stato mai trascritto?
     
  10. genny

    genny Nuovo Iscritto

    1) Sul atto e scritto che l'abbitazione e raggiungilule tramite una servitu' pedonale e carrabile.
    2) Ho fatto eseguire una visura al catasto dal geometra, e la particella risulta intestata al figlio e alla nuora dall 2000.
     
  11. erwan

    erwan Membro Attivo

    2) serve una visura ma dei registri immobiliari, non catastale, per controllare se (e come e da quando) la servitù è stata trascritta.
     
  12. erwan

    erwan Membro Attivo

    non capisco da dove spunti la successione, ma dubito che l'acquisto in buona fede di un diritto reale immobiliare da soggetto che non ne può disporre produca effetto, tranne che attraverso l'usucapione, caso qui escluso.

    costituire un diritto reale limitato su cosa altrui senza averne il potere sarebbe veniale?

    comunque sia credo che siamo fuori dalle ipotesi di annullamento.
     
  13. meri56

    meri56 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    A questo punto ti conviene risalire all'origine del diritto di passaggio.
    La costituzione della servitù potrebbe essere inserita nell'atto con cui il padre ha trasferito a figlio e nuora la proprietà del terreno (ritengo improbabile abbia trasferito la proprietà di un terreno su cui passava senza costituire una servitù), oppure trovarsi in altro atto trascritto. Opportune ricerche al catasto e presso la conservatoria dei registri immobiliari dovrebbero darti una risposta.
    Se trovi la costituzione della servitù a favore del terreno su cui si trova la tua casa poco importa che il figlio non abbia mai firmato niente con te. Se non la trovi fai presente che potrai chiedere i danni al padre per la sua malafede.
     
    A condobip piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina