1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. ingros76

    ingros76 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Dunque, ieri è arrivata la convalida dello sfratto per morosità relativamente a un contratto 4+4 a uso abitatativo con regime fiscale ordinario, ordinata per il 20 Ottobre 2012.

    Mi chiedevo come muoversi relativamente ai canoni non percepiti...

    Nel merito, nella prossima dichiarazione IRPEF di Giugno 2013 è lecito dichiarare solo gli affitti realmente percepiti, tenuto conto che la decorrenza della morosità e la risoluzione sono relative al periodo Marzo 2012 - Ottobre 2012, interamente incluso nel periodo di imposta 2012 a cui si riferisce la prossima dichirazione IRPEF ?
     
  2. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    I canoni non percepiti vanno dichiarati fino alla data di convalida dello sfratto.
    Avendo però già ottenuto la stessa, otterrai contemporaneamente un credito di imposta da far valere nella stessa dichiarazione dei redditi:

    Crediti di imposta per canoni di locazione non percepiti
    L'art. 26 del Tuir dispone che per le imposte versate sui canoni venuti a scadenza e non percepiti, come da accertamento avvenuto nell'ambito del procedimento giurisdizionale di convalida di sfratto per morosita, e riconosciuto un credito d¡ imposta di pari ammontare.
    Per determinare il credito d¡ imposta che spetta, da indicare nel rigo CR8, e necessario calcolare le imposte pagate in piu, relativamente ai canoni non percepiti, riliquidando la dichiarazione dei redditi di ciascuno degli anni per i quali in base all'accertamento avvenuto nell'ambito del procedimento giurisdizionale di convalida di sfratto per morosita del conduttore, sono state pagate maggiori imposte per effetto di canoni di locazione non riscossi.
    Nell'effettuare le operazioni di riliquidazione si deve tenere conto:
    - della rendita catastale degli immobili;
    - di eventuali rettifiche ed accertamenti operati dagli uffici.
    Ai fini del calcolo del credito di imposta spettante invece, non è rilevante quanto pagato ai fini del contributo al servizio sanitario nazionale.
    L'eventuale successiva riscossione totale o parziale dei canoni per i
    quali si e usufruito del credito d¡ imposta come sopra determinato, comporterà l'obbligo di dichiarare tra i redditi soggetti a tassazione separata (salvo opzione per la tassazione ordinaria) il maggior reddito imponibile rideterminato.
    Il credito d¡ imposta in questione puo essere indicato nella prima dichiarazione dei redditi utile successiva alla conclusione del procedimento giurisdizionale di convalida dello sfratto, e comunque non oltre il termine ordinario di prescrizione decennale.
    In ogni caso, qualora il contribuente non intenda avvalersi del credito
    d¡ imposta nell'ambito della dichiarazione dei redditi, ha la facolta di presentare agli uffici finanziari competenti, entro i termini di prescrizione sopra indicati, apposita istanza di rimborso.
     
    A ingros76 piace questo elemento.
  3. ingros76

    ingros76 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie mille non potevi essere più utile e preciso :ok:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina