1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. giusiluz

    giusiluz Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buongiorno abbiamo ereditato un appartamento di 43 mq. Gli eredi proprietari degli 11/12 vogliono venderlo
    (dato che non conviene tenerlo fermo, visto i pochi mq. di appartamento) e il proprietario del 1/12 rimanente
    non si pronuncia a un anno dalla apertura della successione. Pur essendo rintracciabile non vuole rispondere,
    si nega sia al telefono, non risponde al citofono e non ritira le raccomandate. Come possiamo procedere?
    Nel caso che riuscissimo a vendere i nostri 11/12, quali sono gli obblighi nei confronti dell'erede reticente?
    E quali possono essere i rapporti fra il nuovo proprietario e l'erede che non si pronuncia? grazie a chi vorrà rispondere
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Dato che esiste una comunione ereditaria, dovete innanzi tutto rispettare quanto prevede l'art. 732 c.c., e cioè:
    Il coerede, che vuol alienare a un estraneo la sua quota o parte di essa, deve notificare la proposta di alienazione, indicandone il prezzo, agli altri coeredi, i quali hanno diritto di prelazione. Questo diritto deve essere esercitato nel termine di due mesi dall'ultima delle notificazioni. In mancanza della notificazione, i coeredi hanno diritto di riscattare la quota dall'acquirente e da ogni successivo avente causa, finché dura lo stato di comunione ereditaria.
    Se i coeredi che intendono esercitare il diritto di riscatto sono più, la quota è assegnata a tutti in parti uguali.

    Ricordo che la dichiarazione di successione va presentata entro dodici mesi dall'apertura.
     
    A rita dedè e Avvocato Luigi Polidoro piace questo messaggio.
  3. Avvocato Luigi Polidoro

    Avvocato Luigi Polidoro Membro Attivo

    Professionista
    Aggiungo che dopo aver fatto quanto indicato da Nemesis, sarete liberi di vendere a chiunque (rispettando le condizioni che avete già comunicato la comunista reticente).
    ma non credo sarà semplice, avete già un compratore interessato agli 11/12?
     
  4. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Credo difficili; ecco perchè ritengo improbabile che troviate un acquirente per i vostri 11/12; in tal caso per uscire dall'impasse non rimarrà che la divisione giudiziale richiedendo congiuntamente l'attribuzione del bene e liquidare l'erede "riottoso"; poi rivendere agevolmente il tutto.
     
    A rita dedè e Avvocato Luigi Polidoro piace questo messaggio.
  5. giusiluz

    giusiluz Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    ringrazio tutti, abbiamo già un possibile acquirente, prima voleva informarsi sugli obblighi nei confronti dell'erede "non allineato". Dire non allineato non è esatto, la nostra frustrazione è che non riusciamo a capire come la pensa, non lo vuole dire.
     
  6. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Felice per voi quanto all'acquirente potenziale. Quanto al non allineato, è dovuto solo all'illusoria convinzione di potervi bloccare e far un dispetto.
    Consigli all'acquirente di fare una offerta pee il rimanente 1/12 ed in caso negativo pretendere la quota giudizialmente obbligando il renitente allo scioglimento della comunione.
     
    A Gianco e rita dedè piace questo messaggio.
  7. Carlo27

    Carlo27 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Per complicare le cose. Un mio parente (A) ha il 50% di una casa, che vuole vendere.
    Di questo suo 50%, il 25% è stato ereditato, l'altro 25% lo ha acquistato da un altro erede.
    Il proprietario dell'altro 50% (B) non vuole vendere, ed è disposto a rilevarne la % mancante, ma non accetta la cifra proposta da (A).
    (A) minaccia di vendere a terzi il suo 50%.
    Quindi, se ho ben capito da questa discussione, (A) può vendere tranquillamente solo il suo 25%, cioè la quota acquistata, mentre per il 25% ereditato si cade nel caso di giusiluz.
     
  8. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Può vendere tutta la sua quota. Perché ritiene che non possa vendere anche la quota ereditata?
     
  9. Carlo27

    Carlo27 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Sì, ma non mi ero spiegato bene.
    Gli eredi erano 4, ognuno con il suo 25%.
    In seguito gli eredi (A) e (B) hanno acquistato dagli altri due eredi il loro 25%, raggiungendo ognuno il 50%.
    Ora (A) minaccia di vendere la sua quota a terzi.
    Può farlo, ma su metà della sua quota (quella avuta per eredità), (B) può esercitare il diritto di riscatto.
    Questa circostanza sminuisce la minaccia di vendere a un terzo compratore, perché chi compra il suo 50% deve mettere in conto il rischio di dover rinunciare al 25%.
     
  10. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Chi vende faccia un'offerta di vendita alla controparte (se gli eredi erano 4 il dir. di prelazione riguarda sempre la totalità) sul suo 50%
    Se la controparte rifiuta, venderà al terzo. O forse "A" non vuole che "B" consegua il 100%? Fosse questo lo scopo, prima o poi tutto verrà meno (divisione giudiziale)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina