1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. salvoxins

    salvoxins Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Salve a tutti, vi chiedo se un neo proprietario di una terrazza con accesso condominiale puó vietare il passaggio ad un solo condomino?
    Vi spiego quello che é successo: Dal 1957 data di realizzazione dell'immobile, le vasche di raccolta acque potabili furono posizionati dal costruttore nella parte superiore esterna della gabbia scala, dove si accedeva ( e si accede), passando obbligatoriamente attarverso questa porta, nel contempo la proprietà della terrazza compreso l'appartamento sottostante, è passata da un proprietario ad un'altro,da evidenziare che nella stessa terrazza l'altro condomino oltre al diritto di accesso, e proprietario di uno dei due sgabuzzini, nel contempo nell'anno 2007, insieme al penultimo proprietario, ed l'altro condomino anch'esso proprietario di un appartamento, si è deciso di eseguire dei lavori di pitturazione della scala e la sostituzione della porta di ingresso su questa terrazza, nonchè di tre finestre in quando ambiamente obsolete, faccio presente che la porta sulla terrazza non aveva ne serratura ne lucchetti, in pratica si appoggiava tanto per non fare entrare la polvere,dopo aver finito i lavori e pagato ogn'uno la propria quota, il penultimo proprietario sequestra autonomamente le chiavi della nuova porta della terrazza, rifiutatosi categoricamente di consegnarle,neanche con l'intervento (non proprio incisivo ne categorico dell'amministratore), in breve dopo la prima missiva del mio legale, e relativa litigata mi viene consegna la chiave. Il tutto termina con la vendita di questo appartamento con annessa terrazza, all'attuale proprietario, e anche questo, giorni fa, durante un'assemblea condominiale per discutere dei lvori di ripristino dele facciata, con fare non proprio amichevole mi dice" lei non ha nulla di scritto ed io adesso cambio la serratura della porta della mia terrazza e lei prende la sua vasca e la mette dove vuole ma non si permetta di passare sulla mia terrazza". Vero è che non ho nulla di scritto, ma credo che dopo 20 anni ed oltre di passaggi obbligatori se non trattasi di servitù si può parlare di uso capione? E può sostituire la serratura su una porta di pertinezza condominiale? Vi chiedo un consiglio: cosa posso fare per dare un termine definitivo a questa storia assurda, grazie per la gentile attenzione.
     
  2. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Secondo il mio parere il condomino non può chiudere il passaggio, perchè quella è una servitù di accesso alle vasche costituita dal costruttore al momento della costruzione dello stabile (Destinazione del padre di famiglia) e non può essere rimossa unilateralmente per desiderio del proprietario su cui transita questa servitù, puoi leggere questo articolo; Il costruttore, il condominio e le servitù - Condominiale.Lavorincasa.it
     
  3. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Condivido il parere di condobip (;))
    Saluti
    dolly
     
  4. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Condivido il suggerimento di condobip, ma rimane il fatto che se non trascritta nei rogiti non rimane altro che procedere legalmente vista l'intenzione dell'attuale proprietario della terrazza.

    Ciao salves
     
  5. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non è necessario trascrivere sul rogito una servitù del padre di famiglia (costruttore) è ben scritto nel Link che ho allegato;

    Facendo ciò, però, non si occupa di redigere un regolamento e le annesse tabelle millesimali ma si limita all’individuazione delle parti comuni.
    Il fatto non ha nessuna particolare rilevanza in sé e per sé ma i suoi risvolti pratici non sono trascurabili.
    Il riferimento in questo caso è alla possibilità di costituire diritti di servitù.
    ...
    Il riferimento alla servitù è obbligatorio in quanto, in un caso del genere, tutti i comproprietari avrebbero diritto a passare poiché dovrebbe ritenersi costituita, per destinazione del padre di famiglia, una servitù di passaggio.
    ... Il costruttore, il condominio e le servitù - Condominiale.Lavorincasa.it


    Tralasciamo il fatto che si tratta di passaggio che è in essere dal 1957, ossia da ben 55 anni, ossia ben usucapito (il che non è poco) !!!
     
    A salvoxins piace questo elemento.
  6. salvoxins

    salvoxins Membro Junior

    Proprietario di Casa
    GRAZIE SIETE STATI UTILISSIMI:applauso:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina