1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. 77NINO

    77NINO Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Salve a tutti,
    ringrazio anticipatamente a quanti daranno risposte esaustive ai miei quesiti.
    Fatti: ho comprato casa nel 2010 comprendente anche un pezzetto di terreno, ove persiste un diritto di passaggio pedonale del vicino. Nell'atto, oltre al diritto di passaggio appena indicato, è stato specificato che persiste anche il passaggio interrato di tubazioni ]sempre di proprietà del vicino (idriche etc....). Nell'eseguire alcuni lavori di manutenzione del giardino mi sono accorto che le tubazione, di cui sopra, sono di amianto e in pessimo stato d'uso.
    Quesiti:1) posso far rimuovere le tubazione a salvaguardia della mia famiglia,avendo anche una bambina di 20mesi?
    2) Il confinante può chiamarmi in causa nella partecipazione delle spese di smaltimento dei tubi, asserendo che passano sotto la mia proprietà?
    3) qual'è l'iter da seguire per uscirne indenne (se realmente non ho nulla a che fare con la tubazione)?
    Rinnovo i ringraziamenti
    Grazie 77nino
     
  2. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Fallo presente che lo stato non è ottimo magari mostrando dal vivo la situazione e consigliandolo, visto che lo scasso è stato già fatto di intervenire fin quando è aperto risparmiando sullo scasso stesso.

    Poi una domanda che mi pongo: se l'amianto crea problemi se inalato essendo i tubi interrati possono creare danni?

    Luigi
     
  3. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    l'amianto interrato attraverso il disfacimento accelerato dalle condizioni se in presenza di falde acquifere ritorna in circolo
    ma non c'è l'obbligo (ancora) di legge per rimuoverlo, danno incentivi le regioni per aiutare a dimezzare gli alti costi di rimozione e smaltimento, ma niente di più.
    puoi seguire il consiglio dato 1giggi1, dato che è interessata anche la sua salute, e per quanto riguarda le spese , dovrebbero essere a carico del vicino, proprietario delle tubazioni.
    Ultima cosa, prova a rivolgerti all'ASL esponendo il caso, potrebbero fare un sopraluogo per constatare lo stato delle condutture.
     
  4. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Intanto scatta delle foto da mostrare alla ASL e senti cosa ti dicono. Magari hanno delle dritte da darti giusto per aventuali contributi regionali alla rimozione. Impossibile che il vicino abbia una assicurazione che copra questo tipo di intervento? Sarebbe troppo bello...
     
  5. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    mentre è dimostrata la correlazione tra il mesotelioma (tipo di tumore) e l'inalazione delle fibre di amianto non è ancora stato dimostrata la medesima correlazione tra le fibre di amianto ingerite. Dovete sapere che in Italia ci sono centinaia di migliaia di chilometri di tubazioni in cemento-amianto interrate: per uso idropotabile figurativi per uso irriguo o fognario. Il decadimento delle proprietà tecniche strutturali del cemento-amianto è veloce nei manufatti esposti all'aria (perché sottoposti a ripetuti cicli di caldo-freddo) mentre non lo è altrettanto veloce se interrato. Inoltre i tubi interrati proprio per la loro posizione non disperdono le fibre nell'aria. Quindi la presenza di tubi in cemento-amianto nel sottosuolo non è ritenuta pericolosa altrimenti da almeno quindi anni tutta l' Italia sarebbe un cantiere di scavo per la rimozione dei tubi in questo tipo di materiale. Dalle mie esperienze lavorative devo dire che i tubi in cemento amianto si rompono se colpiti con i denti di una benna o di un piccone. Una volta scoperti dal terreno, se si lasciano per parecchie settimane esposti all'aria, ciò provoca l'asciugatura della semicirconferenza non interrata ed il tubo incomincia a trasudare.A questo punto, se la porosità acquisita dalla asciugatura è elevata, la tubazione incomincia a perdere sempre più fino a dovere essere sostituita.
    Quindi se il tubo è interrato non ci dovrebbero essere problemi per il genere umano.
    Se si decide di sostituirlo bisogna che i lavori di rimozione siano eseguiti da una ditta abilitata allo smaltimento dell'amianto.
    La suddivisione delle spese per la rimozione sarà fatta in funzione di quanto previsto dal c.c. nel caso di servitù di acquedotto.
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina