1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Ecco il caso: due coniugi hanno una casa al 50% ciascuno. Vogliono affittare ma uno dei due non vuole comparire nel contratto. L'AdE lo prevede come caso possibile, vi sono sentenze che confermano questa possibilità. L'AdE chiede solo che il coniuge non comparente nel contratto paghi la sua quota di tasse. Fin qui è facile.
    Il problema nasce nel momento in cui si voglia applicare la cedolare secca perchè anche il coniuge non locatore deve mandare la raccomandata e compilare il mod RLI. Se manda la raccomandata, tanto vale che compaia nel contratto, ma non vuole. Come fare? E' possibile che ceda la sua mezza casa in comodato gratuito all'altro coniuge, con licenza di affittare, e che questo l'affitti pienamente a nome suo? Ma cosa si metterebbe in questo caso nel modello RLI, che la quota di possesso dell'unico locatore è del 100%?
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Manderà preventivamente la raccomandata, esprimendo la scelta per il regime della cedolare secca con la conseguente rinuncia a esercitare la facoltà di chiedere l'aggiornamento del canone a qualsiasi titolo.
    Nel mod. RLI dovrà comparire come locatore (Quadro B), con la sua quota di comproprietà (Quadro D) e dovranno firmarlo entrambi i coniugi comproprietari.
    È escluso. Ex art. 26, comma 1 del TUIR,
    "I redditi fondiari concorrono, indipendentemente dalla percezione, a formare il reddito complessivo dei soggetti che possiedono gli immobili a titolo di proprietà, enfiteusi, usufrutto o altro diritto reale, salvo quanto stabilito dall'articolo 30, per il periodo di imposta in cui si è verificato il possesso".
    Il comproprietario comodatario non è titolare di un diritto reale sulla quota di cui non è dominus (quella concessagli in comodato). Dunque il reddito da locazione continuerebbe a formare il suo reddito complessivo, per la sua quota di proprietà.
     
    Ultima modifica: 24 Settembre 2014
    A wmar e maria55 piace questo messaggio.
  3. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina