1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. clioclio

    clioclio Membro Junior

    Professionista
    Buongiorno,

    per la sostituzione di caldaia a gasolio con caldaia a gas metano è prevista la detrazione del 36%, ma sui bonifici bancari è stata messa come legge di riferimento quella del 55%, senza avere fatto tutto l'iter.
    Per poter usufruire tale detrazione è possibile far correggere in banca il bonifico con la legge corretta del 36% , visto che il bonifico è stato effettuato il 30 ottobre 2012 oppure non è più possbile?
    Grazie
     
  2. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Premesso che la sostituzione della caldaia è detraibile SOLO e SE risponde ai requisiti di RISPARMIO ENERGETICO, certificati e risultanti in fattura, previsti dalla normativa (ovvero tale spesa affinché possa esser agevolabile deve garantire con questo tipo di sostituzione un risparmio energetico pari al 70%), se il bonifico è stato effettuato il 30 ottobre 2012 dovrebbe godere del beneficio al 50% (ex 36% fino al 30 giugno 2013): chiedo, che riferimento normativo di preciso è stato riportato sulla causale?
     
  3. clioclio

    clioclio Membro Junior

    Professionista
    riferimento al risparmio energetico ai sensi dell'art. 4 DL n. 201/2011 convertito dalla L. n. 214/2011
     
  4. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Puoi citare la fonte? Grazie.
     
  5. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Scusa Jaco, ma le mie antiche riminiscenze scolastiche mi portano a dire che il brocardo riguarda esclusivamente sentenze o frasi di argomento giuridico scritte in lingua latina e raccolte ( da un certo Burchardus) nel corso del medioevo.
    Scusate l'intervallo.
     
  6. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Hai ragione (ubi maior, minor cessat).
     
  7. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    In pratica: i pro e i contro.
    Pro "nobis" e pro "vobis":)
     
  8. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Meglio sarebbe: pro nobis, contra vobis!
     
  9. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Jaco,
    devo chiedere scusa, ma la tua massima mi ha riportato alla mente la mia ignoranza. Ho scritto "riminiscenza" al posto di reminiscenza. Però ho un'attenuante; da due giorni stavo visitando il sito di Booking.com alla ricerca di un Hotel a Rimini per passare il prossimo weekend sulla spiaggia (sole permettendo).
    Per Jerry48,
    Nanneddu è il diminutivo di quale nome ?
    in castigliano bambino si dice: niño
    in catalano è: nen
    Credo che nessuno dei due termini lo riguardi. Propendo più per un nome proprio di persona.
    Buon pranzo.
     
  10. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Positivo: pro nobis e pro vobis, sempre del contrario si tratta sempre parlando di brocardo:occhi_al_cielo:
     
  11. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
  12. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Prova anche a vedere San Marino, li vicino a Rimini e male che vada per il sole ti godi San Mario che in qualunque periodo è sempre bella da vedere se vuoi ti mando qualche dritta per gli alberghi :fiore:
     
  13. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ma per fortuna che c'è il brocardo... (Giorgio Gaber)
     
  14. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Diminutivo di Giovanni>>Gianni>>Nanni>>Nanneddu = piccolo Nanni[DOUBLEPOST=1367841607,1367841373][/DOUBLEPOST]
    Si chiamava Enrica Brocardo.
    (scusa ho sbagliato citazione, era relativo a Giorgio Gaber)
     
  15. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Ecco perché ti ho chiesto quale riferimento normativo fosse stato indicato.
    Premesso che, sarebbe impossibile una volta fatto cambiare solo la causale del bonifico, tuttavia è lo stesso art. 4 del DL n. 201/2011, convertito nella L. n. 214/2011, che dal 1° gennaio 2012 ha introdotto a regime il nuovo articolo 16 bis del Tuir (dpr 917/86) che ha reso strutturale la detrazione del 36% (ad oggi e fino al 30 giugno al 50%) nella quale confluirà anche quella al 55% passando anch'essa al 36% dal 1° luglio 2013 . Quindi, in definitiva, è da ritenersi che le due causali fanno riferimento ad uno stesso articolo della stessa legge, per cui non vi dovrebbero essere problemi per la detrazione.
    Spero con questo di averti tranquillizzato/a.:)
     
  16. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Per @dolly
    1 - Nella risoluzione AdE n. 55/E del 7/6/2012 è scritto che il bonifico si può 'ripetere': si ritira quello errato e se ne fa un altro;
    2 - Le causali rimangono distinte, diventa unica soltanto l'aliquota per il rimborso.
     
  17. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Sì, certo, ma questo nel caso in cui, non avendo indicato tutti i riferimenti richiesti dalla normativa, la Banca (o le Poste) non ha potuto procedere ad operare la ritenuta del 4%, per cui il bonifico ai fini della detrazione diventa nullo ed è quindi consentito ripeterlo per inserire i dati corretti. Ma nel caso di specie, la ritenuta è stata di certo operata e non c'è motivo di perdere il beneficio fiscale.
     
  18. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Nel 1937 Freud scrisse il saggio 'Analisi terminabile e analisi interminabile': si riferiva alle norme italiane sul fisco?:shock:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina