1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. dirce

    dirce Membro Junior

    Proprietario di Casa
    buona giornata vengo al tema nel condominio mancano posti auto in rapporto agli appartamenti quindi, da anni alcuni condomini parcheggiano in spazi comuni.
    Tutti noi che abbiamo i posti assegnati,paghiamo tutte le tasse possibili. Chi parcheggia negli spazi comuni non paga nulla. Ora ho chiesto all'amministratore di far pagare una occupazione simbolicaa questi signori (tipo affitto che andrebbe a concorrere per le spese comuni) i modo tale da interrompere eventualmente l'usucapione. L'amministratore afferma che il condominio non può affittare (la cosa mi risulta molto strana) di contro gli occupanti affermano che se debbono sborsare quattrini vogliono una regolare ricevuta che l'amministratore non vuole fare.
    non conosco le norme x il condominio, se avete dei suggerimenti da darmi vi sarei grata
    dirce
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Per poter usucapire, il singolo condomino dovrebbe fornire la prova di aver sottratto la cosa all’uso comune, possedendola come se ne fosse l'unico proprietario e in modo esclusivo. Impedendo cioè agli altri condomini ogni potenziale atto di godimento o di gestione.
     
  3. dirce

    dirce Membro Junior

    Proprietario di Casa
    certo ma questi condomini occupano sempre i medesimi posti da anni e se un altro condomino si mette al loro posto fanno storie.
    la mia domanda era, possiamo chiedere un pagamento, a tutti noi farebbe comodo affittare il nostro posto auto x ammortizzare le spese (ex ICI IMU solo questa ci costa 200€ anno TASI ecc.)e sistemare l'auto in un posto comune condominiale, possiamo affittare un posto comune e l'amministratore può emettere una ricevuta!!
    grazie
    dirce
     
  4. Rosario1955

    Rosario1955 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Se non c'è un regolamento contrattuale che che lo vieta nessuno può impedire niente a nessuno,nessuno ha nessun diritto chi arriva prima parcheggia,se poi qualcuno che pensa di avere acquisito un diritto minaccia.....la cosa cambia aspetto.....,praticamente è un atto "mafioso" e... si va... sul penale.(tra incivili potrebbe andare peggio).Della parte comune si è tutti proprietari,nessuno ha diritti più degli altri.
     
  5. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    C'è posto pèer tutti anche per chi ha due macchine ?
     
  6. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Perché i due prepotenti possano usucapire, devono possedere la porzione i cui contorni siano definiti e bene individuati. Altrimenti potrebbero anche scambiarsi il posto o traslarlo. E comunque il possesso ultraventennale deve essere pubblico, ininterrotto ed incontestato. Non è questo il caso.
     
    A Daniele 78 e quiproquo piace questo messaggio.
  7. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Vorrei suggerirti una "mossa"...prima vorrei sapere:
    A) il numero dei condomini,
    B) il numero dei posti auto,
    C) quanti sono gli abusivi indipendentemente dalla sottrazione fra AeB
    D) Se ci sono altri spazi comuni dove poter parcheggiare
    F) Quanti siete a lamentarvi del "misfatto"...
    Se credi...Alla prossima. Quiproquo.
     
  8. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se ci fossero spazi ancora utilizzabili il condominio potrebbe esaminare la possibilità di un aumento dei posti auto extra che potrebbero essere affittati ai richiedenti, seguendo un disciplinare approvato da una quota idonea di condomini.
     
  9. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    se vi mettete daccordo tutti i proprietari, non gli imquilini, e agiungete nel regolamento condominiale, se non c'è la potete mettere come regola, che gli spazzi condominiali si possono usare come posto auto pagando un contributo per la manutenzione futura del suolo.
    SE SIETE TUTTI DACCORDO
    l'amministratore zitto e esegue le vostre decisioni, le ricevute saranno la ricevuta del versamento sul conto condominiale con la relativa causa....più di questo!
     
  10. dirce

    dirce Membro Junior

    Proprietario di Casa
    i posti mancanti in realtà sono 3 rispetto al n degli appartamenti
    dove loro mettono le macchine sono semi coperti i nostri coperti
    non abbiamo altri spazi l'eventuale 2° macchina deve essere parcheggiata x strada.
    Il mugugno è generale.
    ma si potrebbe far pagare un affitto visto che sono spazi comuni e vengono usati come spazio esclusivo e l'amministratore puà emette ricevuta!!
    grazie
    dirce
     
  11. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Anzitutto se non ci son spazi sufficienti per tutti occorre che l'amminstratore predisponga una modifica al regolamento condominiale con un regolamento del parcheggio che preveda la turnazione.
    Per quanto riguarda il pagamento raccomando di non impostarlo come affitto altrimenti va nel reddito del condominio e ci dovreste pagare le tasse.
    La soluzione è addebito nei costi del condominio come spese di mantenzione parcheggio
    In questo modo le spese condominiali si ridurebbero e ne beneficerebbero tutti.
     
    A Ennio Alessandro Rossi piace questo elemento.
  12. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Senti piccola squaw...fai 40...ti ho chiesto il numero dei condomini
    Perchè lo devo paragonare al "Vissuto" che ho intenzione di postare. Certo non è indispensabile... però ha una sua piccola valenza.
    Se credi...ci rileggeremo alla prossima. quiproquo.
     
  13. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Le parti comuni sono di tutti i condomini, per cambiare destinazione d'uso alle parti comuni bisogna seguire la nuova legge sulla gestione del condominio.
    Le nuove disposizioni della riforma del condominio per la modifica della destinazione d’uso delle parti comuni sono molto più stringenti: sia in termini di convocazione dell’assemblea che per la maggioranza necessaria per fare approvare le modifiche.
    La norma contenuta nell’art. 1117-ter prevede anzitutto che la convocazione dell’assemblea debba essere effettuata tramite lettera raccomandata o “equipollenti mezzi telematici”, in modo da pervenire a tutti i condomini “almeno 20 giorni prima della data di convocazione”.

    Ma non basta. La convocazione deve essere affissa per almeno 30 giorni consecutivi nei “locali di maggior uso comune o negli spazi a tale fine destinati e indicare, pena nullità, le parti comuni oggetto della modificazione e la nuova destinazione d’uso proposta”.

    La nuova norma della riforma del condominio prevede che deliberazione della riunione condominiale avente oggetto la modifica della destinazione d’uso delle parti comuni deve contenere la dichiarazione espressa che sono stati effettuati gli adempimenti sopra ricordati ed è valida se riporta il numero di voti che rappresenti i quattro quinti (80%) dei partecipanti al condominio ed almeno i quattro quinti del valore dell’edificio.

    Dopo aver fatto il cambiamento di destinazione d' uso in spazio per parcheggiare le auto di tutti i condomini dovrete, presumibilmente visto la carenza di posti, o fare a rotazione (parcheggio gratuito) oppure affittare gli spazi a chi non ha il posto auto.
    Non è vero che il condominio non può affittare le proprie prorpietà certo ci vuole la maggioranza di 1000/1000 se l'affitto dura più di 9 anni altrimenti, per affittanze temporali inferiori, basta la maggioranza semplice.
    Non è vero che il condominio non può rilasciare regolare fattura: avendo la PIVA è addirittura un sostituto d'imposta quindi è autorizzato a trattenere la ritenuta d'accondo ai prestatori di lavoro autonomi dei quali si servisse.
     
    A Ennio Alessandro Rossi piace questo elemento.
  14. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se è sostituto d'imposta deve avere necessariamente il codice fiscale. La partita IVA è altra storia.
     
  15. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Mi sono espresso male: allora puntualizzo che il condominio ha il Codice Fiscale che è un numero, che utilizza anche come PIVA, questo gli consente di adempiere il compito di sostituto d'imposta.
    I comuni cittadini con il codice fiscale tradizionale formato da una alternanza di lettere e cifre non mi risulta possano essere sostituti di imposta. Altrimenti quando si rivolgono all'idraulico si potrebbero far fare la fattura, trattenere il 20% dell'imponibile e poi versarlo alla ADE in nome e per conto dell'idraulico con F24.
     
  16. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Lo deve avere se è sostituto d'imposta.
    Il codice fiscale è una cosa. La partita IVA è altra cosa. Anche se i due possono coincidere.
    La qualità di sostituto d'imposta richiede il possesso del solo codice fiscale. Il numero di partita IVA è richiesto solo quando si svolge in maniera abituale, ancorché non esclusiva, un’attività di lavoro autonomo o d'impresa. Dunque, nella stragrande generalità dei casi, un condominio avrà il codice fiscale, ma non il numero di partita IVA.
     
  17. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sostituto d'imposta è un qualunque soggetto che per legge sostituisce in tutto o in parte il contribuente nei rapporti con l'amministrazione finanziaria, trattenendo le imposte dovute dai compensi, salari, pensioni o altri redditi erogati e successivamente versandole per conto del soggetto sostituito. Quindi anche una persona fisica, perciò con un codice fiscale alfanumerico, può benissimo essere un sostituto d'imposta.
     
  18. dirce

    dirce Membro Junior

    Proprietario di Casa
    grazie a tutti credo che proporrò il suggerimento di gattinara. a parte quei 3 tutti gli altri hanno pagato abbondantemente al costruttore il posto auto come ci stanno pagando abbondantemente le tasse ecco perchè proponevamo che pagassero anche quei tre in modo tale da poter far dei lavori risparmiando qualche cosa come condominio
    dirce
     
  19. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Da quanto finora letto sembra che i posti macchina, coperti, siano inferiori rispetto alle unità immobiliari, presenti nel condominio. Evidentemente con l'acquisto, non tutti hanno avuto il posto macchina. E se una nuova ripartizione degli spazi condominiali, fatti salvi quelli già assegnati, permette di ricavare altri posti auto, ancorché sacrificati, sarà il condominio, proprietario del cortile, B.C.N.C. a doverne mutare la destinazione, ricavando nuovi posti auto e ad affittarlo o darlo in gestione a chi verrà prescelto dallo stesso.
     
  20. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    ed allora perché nessuno lo fa? non dirmi che tu nella tua vita non hai mai avuto bisogno di un idraulico/falegname/elettricista. Hai chiesto la fattura o la ricevuta fiscale? O hai pagato in nero? Se hai chiesto la fattura ti sei proposto come sostituto d'imposta?
    Guaarda proprio questa mattina sono andato a fare un sopralluogo fuori Roma, a Lido di Enea, per una CTP. Alla fine del sopralluogo, l'assistito dell'avvocato con il quale collaboro, alla vista della presentazione della mia fattura, ci ha provato. Partendo dal fatto che lui l'IVA non la scarica, ha proposto di pagarmi senza richiedere fattura, ovviamente facendosi uno sconto del 20% dell' imponibile richiesto. Gli ho risposto che mi dispiaceva ma che non potevo aderire alla sua richiesta primo perché il mio nome era stato inserito sul verbale CTU, quindi in un atto ufficiale facilmente recuperabile dalla finanza, e, secondo, che per quella misera cifra che gli avevo chiesto correvo il rischio di pagare una somma di molto superiore a quella che avrei dovuto versare regolarmente. Figurati se un tizio del genere può proporsi a fare il sostituto d'imposta.

    Allora nel caso dei Condomìni C.F. e PIVA coincidono. Quindi aver scritto che il condominio ha una PIVA non è una bestialità.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina