1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. robertomarte

    robertomarte Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Siamo un condominio di tre piani e fino ad ora abbiamo pagato le spese per l'ascensore secondo i millesimi di proprietà.Ora stiamo provvedendo all'adeguamento alla normativa CEE ( 35 anni di esercizio, 9.000 € ) . Chiedo se è corretto suddividere al 50% secondo millesimi di proprietà e l'altro 50% con coefficiente di piano. Se si, come si calcola quest'ultimo?
    Grazie
    Roberto
     
  2. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    50% per mm. di pp. e 50% per mm. dell'ascensore
    es. 1000 x 50%=500 da dividere per i mm. di proprietà
    500x50 piano terra, del primo piano + x33% + x66% per il secondo
     
  3. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    se eravate tutti d'accordo bene: ma, di solito, le spese di ordinaria manutenzione dell'ascensore si ripartiscono secondo la tabella "scale ed ascensore" che viene creata tenendo presente il 50% del coefficiente di piano e per il 50% coefficiente di proprietà. Se non si considera il coefficiente di proprietà finirebbe che chi abita al piano terra/rialzato non pagherebbe nulla, invece, inserendo anche i millesimi di proprietà, anche chi abita a livello di piano zero contribuisce alla manutenzione dell'ascensore, anche se non lo usa.
    Tuttavia, in questo caso, le spese di adeguamento alla normativa sono spese di straordinaria manutenzione, secondo me andrebbero suddivise secondo i millesimi di proprietà.
     
  4. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Art. 1124, comma 1 c.c.:
    "Le scale e gli ascensori sono mantenuti e sostituiti dai proprietari delle unità immobiliari a cui servono".
    Le spese di manutenzione ordinaria e straordinaria dell'impianto di ascensore possono essere poste a carico anche delle unità immobiliari che non usufruiscono del relativo servizio solamente se ciò sia imposto da un regolamento contrattuale o anche da un regolamento assembleare adottato e approvato da tutti i condomini.
     
  5. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    art. 1124 c.c., applicabile anche alle spese relative all'ascensore, (Cfr. Cass. Civ. 5479/1991), seguendo la stessa logica dell'art. 1123 c.c., fissa un criterio ancora più preciso , stabilendo che tali tipologia di oneri condominiali devono essere ripartiti per metà in base al valore di ciascun piano o porzione di piano e per l' altra metà in base all'altezza di ciascun piano del suolo.
    da: Uso diverso dei beni condominiali (ascensore - scale) e revisione delle tabelle millesimali :: Diritto & Diritti
     
  6. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Che quindi smentisce quanto avevi scritto, e cioè che "andrebbero suddivise secondo i millesimi di proprietà".
     
  7. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    scusa come calcoli il valore di ciascun piano?
     
  8. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Tu stesso avevi fatto riferimento all'art. 1124 c.c., che recita:
    "Le scale e gli ascensori sono mantenuti e sostituiti dai proprietari delle unità immobiliari a cui servono. La spesa relativa è ripartita tra essi, per metà in ragione del valore delle singole unità immobiliari e per l'altra metà esclusivamente in misura proporzionale all'altezza di ciascun piano dal suolo.
    Al fine del concorso nella metà della spesa, che è ripartita in ragione del valore, si considerano come piani le cantine, i palchi morti, le soffitte o camere a tetto e i lastrici solari, qualora non siano di proprietà comune
    ".
    Quindi il criterio si basa anche sui millesimi di proprietà. Ma non solo su quelli.
     
  9. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    scusa prof., io avevo scritto
    tu hai scritto
    l'art. 1124 recita
    poi vedi tu
     
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Io vedo (avevo visto) che avevi scritto:
    "le spese di adeguamento alla normativa sono spese di straordinaria manutenzione, secondo me andrebbero suddivise secondo i millesimi di proprietà".
    Secondo l'art. 1124 c.c., ciò non è corretto.
     
  11. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    tu hai scritto
    sulla base di questa affermazione i condòmini del piano zero dovrebbero essere esentati dal pagare le spese di manutenzione ed anche di sostituzione vedi 1124 c.c. .
     
  12. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Chi non usufruisce del servizio non ne sopporta i costi. A meno che il regolamento preveda diversamente.
     
  13. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Allora in un edificio progettato e costruito con un ascensore, se non è scritto nel Regolamento Condominiale Contrattuale che anche i condòmini del piano zero, e dei piani sotto lo zero, non raggiunti dall'ascensore, sono tenuti a contribuire alle spese di manutenzione ordinaria, straordinaria e di sostituzione dell'ascensore, si dovrà dividere solo tra chi ne può trarre beneficio. Non credo che il coinvolgimento a tali spese possa ottenere l'approvazione dei 1000/1000 in una assemblea nella quale sia posto all'ordine del giorno tale argomento, anche in quei casi nei quali, mancando i requisiti che obbligano la redazione ed approvazione del regolamento contrattuale al momento della creazione del condominio, si approvasse un Regolamento Condominiale Assembleare.
     
  14. robertomarte

    robertomarte Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Ringrazio tutti x la collaborazione e , alla fine mi pare che sia opinione di tutti che l'articolo 1124 definisca la divisione 50% mill. proprietà, / 50% mill. con indice di piano per tutte le spese , ordinarie e straordinarie. Ovviamente per l'adeguamento di legge , sia esso considerato spesa ordinaria o straordinaria nulla cambia. Ora il problema è come definire icriteri di piano e come informare i condomini di questo. A mio parere l'Amministratore deve informare tutti che a partire da xxxxx sarà applicato questo nuovo meccanismo chiarendo che , essendo un'applicazione del codice civile, non è necessario convocare l'assemblea e tantomeno procedere a votazioni. Non è ragionevole ?
     
  15. robertomarte

    robertomarte Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Scusa , noi siamo una palazzina con 6 appartamenti , scala centrale e al piano terra ci sono i box. Fra un piano e l'altro ci sono circa 3 metri. Quale sarebbe il calcolo ?
     
  16. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Scusa questi calcoli o li sa fare l'amministratore oppure incarica un professionista.
    Si può fare per prima cosa la serie aritmentica dei piani considerando che il piano di arrivo inferiore dell'ascensore (piano terra/rialzato) è 0 e non viene conteggiato. Chiamiamo X la serie aritmetica il primo piano sarà 1/X; il secondo 2/X e così via fino all'ultimo piano.
    Poi il valore di ogni piano va diviso per il numero delle U.I. che si affacciano sul piano.
    Per il calcolo della serie aritmetica dei piani su usa questa formula
    Sn= 1/2 n (a1 +an)
    dove Sn è la serie aritmetica (o più volgarmente somma); n è il numero dei piani;
    a1 è il primo piano; an è l'ultimo piano
    La formula funziona anche se si conteggia lo 0 e si aumenta di una unità il numero dei piani.
     
  17. robertomarte

    robertomarte Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie x il criterio, ora l'Amministratore , su pressione dei condomini dei piani superiori, comincia a mettere in discussione l'applicazione del principio ( 50% mill. proprietà / 50% mill con fattore di piano) e dice che , dovendo modificarsi il reg. di condominio, ci vuole la maggioranza assoluta. Io rispondo che non solo non ci vuole ma addirittura non necessita neppure una votazione ... Cosa ne pensi ?
     
  18. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    leggi qua: ascensore sentenze
    mi meraviglio che l'amministratore non si tenga aggiornato sulle tematiche riguardanti l'amministrazione condominiale
     
  19. armix40

    armix40 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    A mio parere la suddivisione del 50% della spese di adeguamento dell'ascensore da suddividere in base all'altezza del piano va così fatta:

    Costo totale: €.10.000,00
    PRIMA QUOTA ( 50%) €. 5.000 va moltiplicata per i millesimi di proprietà e divisa per mille ( la pagano tutti i condomini)
    SECONDA QUOTA: il restante 50% va ripartita per altezza di piano. Considerato 4 piani (l'ascensore non va in cantina e soffitta) la quota piano sarà:
    1+2+3+4 = 10
    il 1° piano pagherà 1/10 di €. 5.000
    il 2° piano pagherà 2/10 di €. 5.000
    il 3° piano pagherà 3/10 di €. 5.000
    il 4° piano pagherà i 4/10 di €.5.000
    Le singole quote di piano vanno suddivise in base ai millesimi di proprietà dei condomini del piano stesso ( la quota va moltiplicata per i millesimi del singolo condomino e diviso per la somma dei millesimi del singolo piano.
     
  20. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    ma sei sicuro? Secondo me non è così : le quote di ogni piano si dividono per il numero dei proprietari presenti sul medesimo piano.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina