1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. dnatola

    dnatola Nuovo Iscritto

    Abito in una casa su tre piani e tre appartamenti sensa amministratore condominiale . I proprietari dell'appartamento del primo piano hanno sostenuto delle spese per lavori di ristrutturazione almeno un anno prima di quando io ho acquistato l'appartamento , dato che i proprietari precedenti sia del mio che del terzo appartamento si sono rifiutati di contribuire alle spese di rifacimento delle parti comuni adesso i proprietari del primo piano chiedono noi i soldi per tali spese sostenendo che sono parti comuni .
    Aggiungo che al momento dell'acquisto dal notaio non erano segnalati pendenti sull'abitazione . Quali diritti hanno ?
     
  2. dnatola

    dnatola Nuovo Iscritto

    Lavori di ristrutturazione straordinaria

    Abito in una casa con 3 appartamenti ed un garage , ognuno di proprietari diversi , sensa amministratore . A chi posso rivolgermi per sapere le ripartizioni millesimali ?
    Avendo necessita' di fare lavori di straordinaria manutenzione , quali rifacimento grondaie che stanno cadendo e risanamento mura esterne dalle quali filtra acqua , possono gli altri condomini rifiutarsi di sostenere le spese per tali lavori dato che non riguardano l'estetica dell'edificio ma la solidita' stessa della struttura ?
     
  3. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    In generale i diritti su anticipi di spese condominiali discendono da atti e documenti firmati dalle parti.

    Se non esiste un documento scritto che impegna le parti a condividere le spese necessarie alla manutenzione, esse non sono dovute.

    Per ciò che riguarda lo svolgimento di lavori di manutenzione straordinaria, in assenza della costituzione formale del condominio, è opportuno che i condòmini cerchino di andare d' accordo ricercando delle soluzioni condivise.

    La legge può regolare la vita dei coabitanti fino ad un certo punto, ma non può sostituirsi alla civile convivenza.

    Essere vicini di casa può essere una fortuna, oppure può diventare un inferno; la scelta spetta ai residenti.
     
    A Antonella Tamagnone piace questo elemento.
  4. giomar

    giomar Membro Attivo

    Il mio e' un caso identico. Abito in una palazzina con 4 appartamenti non proprio della stessa metratura . Ogni appartamernto paga il 25% delle spese comuni -e le grondaie lo sono-
    Facciamo sempre cosi' senza star li' con il calibro a misurare. Se qualcuno paga qualche cosa' di piu' della sua competenza vuol dire che avra' un occhio di riguardo per eventual sue esigenze.
    ...e viviamo felici e contenti----
     
  5. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    ...ecco, questo è l' obiettivo di una corretta gestione condominiale!
     
  6. dnatola

    dnatola Nuovo Iscritto

    Il problema e' che i lavori devono essere fatti , le grondaie cadono e c'e' infiltrazione di acqua piovana dalle mura esterne , la spesa preventiva e' di circa 6mila euro . Io ed il proprietario dell'ultimo piano ( che possediamo circa 2/3 dell'edificio ) siamo daccordo , i proprietari del garage e dell'appartamento del primo piano ( pur possedendo un totale di 1/3 dell'edificio ) non vogliono sborsare neanche un euro . Non mi sembra una partizione equa ma non penso sia opportuno rimandare i lavori in attesa di spiacevoli conseguenze .
    Che posso fare ?
     
  7. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Per iniziare ti conviene porre la questione in modo equo e imparziale.

    Scrivi a tutti i condòmini e proponi una riunione con due punti all' ordine del giorno:

    1) Stato di fatto del bene comune e proposte per svolgere i lavori straordinari necessari.
    2) Ricerca di un metodo per suddividere la spesa in modo equo.

    Cerca di far capire ai tuoi soci condòmini che le alternative legali sono di gran lunga più macchinose e costose di questa, e che è opportuno per questo motivo trovare una soluzione condivisa.

    Per una suddivisione equa della spesa sarebbe necessario incaricare un professionista di redigere le tabelle millesimali, ma comunque nulla vi vieta di fare degli accordi mirati a singoli lavori da eseguire.

    L' importante è che gli eventuali accordi finali vengano scritti e sottoscritti da tutti.
     
  8. dnatola

    dnatola Nuovo Iscritto

    Grazie mille dell'aiuto , provero' . Ciau ciau
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina