1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Salve.
    Vorrei sapere
    - che cosa includono in dettaglio le spese funebri
    - chi può accollarsi queste spese per la dichiarazione dei redditi: soltanto gli eredi o anche altri?
    - qual è, se c'è, il massimo detraibile per la dichiarazione.
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Tutte quelle connesse con il funerale, tra cui la fattura dell’impresa di pompe funebri, del fioraio (se la spesa è fatturata a parte), la ricevuta di versamento effettuata al comune per i diritti cimiteriali, le fatture relative agli annunci funebri, ecc.
    Cioè le spese relative a ogni operazione occorrente a portare la salma al cimitero e sistemarla (comprese le spese per l'eventuale cremazione).
    Non può essere considerata spesa funeraria la traslazione della salma avvenuta, per motivi igienico-sanitari, successivamente all'inumazione o alla tumulazione.
    Le spese funebri devono in ogni caso rispondere a un criterio di attualità rispetto all’evento cui sono finalizzate e sono pertanto escluse quelle sostenute anticipatamente dal contribuente in previsione delle future onoranze funebri (per esempio, l’acquisto di un loculo prima della morte).
    Non rileva la qualità di "erede".
    Sono detraibili, ex art. 15, comma 1, lett. d) del TUIR le spese funebri sostenute in dipendenza della morte di persone indicate nell'art. 433 c.c. e di affidati o affiliati.
    Quindi, per esempio, non sono detraibili le spese funebri sostenute per il decesso di uno zio.
    Non è richiesto che le persone sopra indicate siano a carico o conviventi con il soggetto che ha sostenuto la spesa.
    La detrazione compete nel limite massimo di 1.549,37 euro (3 milioni di lire). Tale limite non deve intendersi riferito al periodo d’imposta, ma a ciascun decesso.
    La spesa funebre va sempre portata in detrazione dal soggetto che l’ha sostenuta e può essere detraibile frazionatamente dall’imposta di più persone, ancorché il documento contabile (ricevuta o fattura quietanzata) sia intestato o rilasciato a una sola persona, a condizione che nel documento contabile originale sia annotata una dichiarazione di ripartizione della spesa sottoscritta dallo stesso intestatario del documento.
     
    Ultima modifica: 19 Marzo 2015
    A rita dedè piace questo elemento.
  3. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Grazie. Sei stato chiaro ed esauriente, come sempre.
     
  4. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    :p:ok:giocatore, ti stai forse preparando?????? o solo informando
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina