1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. gerardo schiavone

    gerardo schiavone Membro Attivo

    Buongiorno
    Sono proprietario di un attico con relativo terrazzo ad uso esclusivo che fa da copertura ai piani sottostanti.
    Attualmente molte mattonelle di questo terrazzo si sono sollevate e quindi si rende necessario rifare la pavimentazione. Nonostante questo problema, non sono presenti infiltrazioni al piano sottostante. La mia domanda è: a chi tocca la spesa del rifacimento pavimento? Solo al proprietario dell' attico o anche ai condomini sottostanti? Grazie per le risposte.
     
  2. meri56

    meri56 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Solo al proprietario dell'attico. Sigh.
     
  3. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Scusa @meri56 , me lo spieghi? Perché, dovendo rifare la pavimentazione e fungendo il terrazzo da copertura per i piani sottostanti, in questo caso la spesa spetterebbe solo al proprietario? Non dovrebbe essere 1/3 a carico del proprietario e 2/3 a carico degli appartamenti sottostanti?
     
  4. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Perchè spesa finalizzata non all'impermeabilizzazione del terrazzo (= tetto del fabbricato) ma per il migliore utilizzo del bene (0 uso esclusivo del condòmino)
     
  5. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Grazie Ollj
     
  6. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Di nulla (per così poco)
    Saluti.
     
  7. gerardo schiavone

    gerardo schiavone Membro Attivo

    Devo forse dedurre che posso anche togliere le mattonelle sollevate e lasciare il pavimento così come resta?
     
  8. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Se questa sua azione non danneggia l'impemeabilizzazione sottostante, sì; avvisi l'amministratore e se costui eccepisse che le sue piastrelle assolvono anche funzione di protezione, pretenda la compartecipazione del Condominio alla loro sostituzione. Viceversa rimarrà la sola guaina e a questa il Condominio dovrà provvedere; domanda: come farà lei a servirsi del lastrico senza piastrellatura? Attenzione: lei dovesse danneggiare, per qualsivoglia ragione, la guaina del lastrico e vi fossero sottostanti infiltrazioni... Lei dovrà risarcire il danno.
     
  9. gerardo schiavone

    gerardo schiavone Membro Attivo

    Sotto le piastrelle c'è della malta dura, praticamente calpestabile. Penso però che la pavimentazione serve anche a proteggere la guaina. D' altra parte il terrazzo per definizione è calpestabile. Se con un normale calpestio dello stesso vi dovessero essere infiltrazioni allora il condominio, per pretendere la pavimentazione dovrebbe partecipare alla spesa. o no?
     
  10. bertoldo

    bertoldo Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Leggo in altro forum: a completo carico dell'utente o proprietario esclusivo del lastrico solare, sono soltanto le spese attinenti a quelle parti di esso avulse dalla copertura (es. parapetti, ringhiere ecc) mentre tutte le altre spese, sia di natura ordinaria o straordinaria, purché attinenti alle parti del lastrico svolgenti, comunque, funzioni di copertura, vanno sempre suddivise fra l'utente o proprietario esclusivo del lastrico ed i condomini proprietari degli appartamenti sottostanti, secondo la proporzione indicata nell'art. 1126 c.c. (così, in motivazione, Cass. n. 2726/02 " (Cassaz. 28/9/2012 n. 16583.
    Parerebbe quindi che a meno che le riparazioni non si siano rese necessarie per colpa del proprietario del lastrico, le spese conseguenti devono essere ripartite ai sensi dell'art. 1126 c.c.
     
  11. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Che il terrazzo sia calpestabile é una cosa, da imputarsi alla sua struttura (sopportare il peso); che la calpestabilità sia possibile, in assenza di piastrellatura, è cosa diversa. Se il terrazzo è praticabile/calpestabile, ciò non significa che lei lo possa utilizzare, senza danno, mancanti le piastrelle (anzi). Se lo vuole utilizzare: deve esser certo di non arrecare danno ed un modo, più sicuro per farlo, è che vi sia una piastrellatura.
     
  12. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Se vi è colpa e danno cagionato si ha un'ipotesi differente: resp. extracontrattuale ex art.2043 Cc e ciò prescinde dalla titolarità del diritto esclusivo sul terrazzo.

    Quando invece ciò non ricorre, andranno distinte le spese in considerazione della loro funzione e solo quelle atte a garantire la copertura ed impermeabilità dell'immobile potranno ripartirsi ex art.1126 Cc. Le altre (e tra queste quelle attinenti alla funzione di uso del terrazzo = il calpestio ) andrano a carico integrale di chi utilizza il manufatto.

    Cass. civile, sez. II del 2002 numero 2726
    "Con riferimento al lastrico solare di uso o di proprietà esclusiva, l'art. 1126 cod. civ. individua la misura del contributo dovuto rispettivamente dall'utente o proprietario esclusivo e dagli altri condomini indicati dalla norma per le spese di riparazione e ricostruzione sulla base del rapporto (un terzo e due terzi) tra l'utilità connessa all'uso o alla proprietà esclusiva del lastrico solare e l'utilità, ritenuta dalla norma come prevalente, connessa alla funzione di copertura dell'edificio condominiale, funzione cui il lastrico solare adempie a vantaggio di tutti i condomini. A tale stregua, sono a completo carico dell'utente o proprietario esclusivo soltanto le spese attinenti aquelle parti del lastrico solare del tutto avulse alla funzione di copertura (ad es. le spese attinenti ai parapetti, alle ringhiere ecc., collegate alla sicurezza del calpestio), mentre tutte le altre spese, siano esse di natura ordinaria o straordinaria, attinenti alle parti di lastrico solare svolgenti comunque funzione di copertura vanno sempre suddivise tra l'utente o proprietario esclusivo del lastrico solare ed i condomini proprietari degli appartamenti sottostanti, secondo la proporzione di cui al suindicato art. 1126 cod. civ."
     
  13. gerardo schiavone

    gerardo schiavone Membro Attivo

    Alla fine stiamo dicendo che la pavimentazione è necessaria per la salvaguardia dell' impermeabilizzzazione. Possiamo anche dire che per una valida impermeabilizzazione ci vuole la pavimentazione, non basta la presenza della guaina. Ma, l'impermeabilizzione serve ai condomini sottostanti, non al proprietario del terrazzo; per questa ragione il condominio deve partecipare alla spesa della pavimentazione (1/3 2/3) se vuole avere una impermeabilizzazione efficiente. In altre parole la pavimentazione è parte integrante dell' impermeabilizzazione.
     
  14. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Questo lo dice lei; molti tetti e terrazzi svolgono appieno la loro funzione pur privi di piastrellatura; ciò accade sopratutto quando non siano attribuiti in uso esclusivo ad alcuno e quindi non si provveda (logicamente) a rivestirli; le piastrelle hanno una funzione ben definita: consentire un miglior utilizzo dello spazio; le spese saranno pertanto a carico dell'utilizzatore (condòmino con diritto esclusivo).
    Lei potrà pretendere il concorso del Condominio dimostrando che la piastrellatura ha una funzione diversa e a vantaggio del Condominio tutto
     
    Ultima modifica: 28 Ottobre 2015
    A alex4515 piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina