1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. busta55

    busta55 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Si è rotta la conduttura acqua che collega il contatore generale ai sotto contatori dei condomini.
    La ripartizione spese va fatta applicando i millesimi o in parti uguali tra i 42 condomini?
     
  2. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Ciao busta55
    Il regolamento di condominio in vigore dovrebbe menzionare il criterio di ripartizione di tale spesa, se non c'è mensione normativamente va ripartito per le quote millesimali di proprieta relativamente ai condomini interessati, cioè se tale conduttura serve tutti e 42 i contatori singoli a questi, se invece ne serve meno la quota deve sempre essere ripartita a quest'ultimi.
    Ciao salves
     
  3. busta55

    busta55 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Come già detto, nello specifico di riparazioni delle tubazioni principali il regol. di cond. contrattuale non ne parla, se ne deduce che pagheranno, secondo le rispettive quote millesimali i 42 condomini.
     
  4. hanton21

    hanton21 Nuovo Iscritto

    millesimi...millesimi...
     
  5. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Se il reg. cond. non ne parla sarebbe importante sapere se i sotto contatori stanno in un unico locale o sono ubicati in posti diversi.
    A mio parere se sono ubicati tutti in un unico locale allora la spese dovrebbe essere ripartita in parti uguali tra tutti i condomini, non avrebbe senso rifarsi ai millesimi in quanto il contatore generale e i sotto contatori non danno un agio particolare a qualcuno a discapito di altri, se invece sono ubicati in luoghi differenti (contatore nell'appartamento, nella scale se presente più di una, al piano, etc) allora il riparto andrebbe fatto in proporzione alle misure/lunghezze delle parti da sostituire.
    Luigi
     
  6. hanton21

    hanton21 Nuovo Iscritto

    giggi : ma tu pensi veramente che qualunque amministratore si scervelli a fare tutti i calcoli che occorrerebbero per applicare il tuo GIUSTO asserto ?e allora semplifichiamo.....siamo in tema col Monti....millesimi..che si fa prima
     
  7. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ma stanno tutti in un locale o no?
    Se stanno tutti in un locale i millesimi non hanno ragione di essere applicati, per la seconda ipotesi non so.
    Luigi
     
  8. hanton21

    hanton21 Nuovo Iscritto

    giggi : mi sono espresso ponendo un "giusto asserto" e non a caso ma...sai come stanno le cose : se,dividendo la spesa a millesimi, qualcuno protestasse allora ,e solo allora, penso che l'amministratore dovra' riprendere le cose a mano ma.....non ci credo !e che" stiano tutti in un locale" o meno..non importa a nessuno
     
  9. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    hanton21,
    la domanda iniziale era, data la rottura, come dovevano essere ripartite le spese.
    Partendo da ciò e non da comodità o meno nel fare i calcoli, occorrerebbe dare una risposta (la risposta deve essere generale e non in un modo se nessuno protesta o differente se invece le proteste ci sono).
    Nel condominio dove vivo il contatore generale sta in strada e quelli degli appartamenti stanno tutti in un locale alla sommità del palazzo. Io vivo all'ultimo piano accanto a detto locale e se l'amministratore mi venisse a chiedere di più di quello che abita al pian terreno un poco mi girerebbero e di sicuro gli esporrei gli errori di base (naturalmente per me) del suo ragionamento.
    Se invece i contatori stessero in posti diversi allora accetteri in principio di pagare in modo diverso dagli altri, naturalmente in base a degli elementi oggettivi e non ipotetici (piano, lontananza in linea d'aria dal contatore generale, etc).
    Scusa il mio pensiero diverso ma questa è la mia visione della questione.
    Luigi
     
  10. ergobbo

    ergobbo Membro Attivo

    A quel punto l'amministratore probabilmente tirerebbe fuori il codice civile e ti leggerebbe l'art. 1123.


    "Art.1123 - Ripartizione delle spese - Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni dell'edificio, per la prestazione dei servizi nell'interesse comune e per le innovazioni deliberate dalla maggioranza sono sostenute dai condomini in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno, salvo diversa convenzione.
    Se si tratta di cose destinate a servire i condomini in misura diversa, le spese sono ripartite in proporzione dell'uso che ciascuno può farne.
    Qualora un edificio abbia più scale, cortili, lastrici solari, opere o impianti destinati a servire una parte dell'intero fabbricato, le spese relative alla loro manutenzione sono a carico del gruppo di condomini che ne trae utilità"
    .

    Poi chiederebbe a Te in base a quale principio non dovrebbe essere applicata la divisione prevista dalla legge...
     
    A 1giggi1 piace questo elemento.
  11. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Obtorto collo. . . .
    Luigi
     
  12. ergobbo

    ergobbo Membro Attivo

    Dura lex, sed lex...:risata:
     
  13. romrub

    romrub Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Normalmente i tubi che partono dal conduttore generale e vanno ai contatori privati, sono di pertinenza dei singoli proprietari, quindi vanno riparati, in caso di rottura, solo dal condomino che ha il danno ed a sue spese, nel caso di rottura generalizzata, dai vari proprietari coinvolti, sulla base delle lunghezza del tubo.
    Nel caso prospettato da busta 55, invece si parla di guasto alla tubatura che porta a ..., è evidente che trattasi di tubazione unica e quindi condominiale, conseguentemente le spese di riparazione devono essere ripartite, sulla base dei millesimi di proprietà.
    Ciao.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina