1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Sean

    Sean Membro Junior

    Salve, mia nonna era proprietaria di un quinto di una casa insieme ai germani, a morte dell unico fratello scapolo la sua quota è passata con successione ai 4 germani in vita; premetto che nonna aveva già donato diversi anni fa tutti i suoi beni ai figli, compreso il quinto di quella casa, restava quindi questa quota che ha avuto successivamente a morte del fratello. Lei è morta da quasi 1 anno e i 2 figli( mia madre e mio zio) vorrebbero fare la successione di quella quota da nonna a loro 2 ma un geometra ha chiesto 1100 euro, di cui 453 di tasse e imposte da pagare alla posta, liquidazione imposta ipotecaria, liquidazione imposta catastale, liquidazione tassa ipotecaria, liquidazione imposta bollo e tributi speciali e compensi. Credo che sia esagerato per la successione di una quota da nonna ai 2 figli, non tanto per i 453 euro ma per i restanti 650 euro. Voi esperti cosa ne pensate? Grazie anticipatamente
     
  2. GRANATADOC

    GRANATADOC Nuovo Iscritto

    L'onorario non va calcolato in base a chi si devolve la successione; c'entra quindi poco se è da nonna a nipoti o da genitori a figli. Da tecnico ti dico che la cifra richiesta è giusta; anzi considerando che dovranno essere citati e allegati tutti gli atti di donazione con valore iniziale e valore alla data della morte la mole lavorativa non è indifferente. Inoltre considera che oltre alla redazione e presentazione della successione con tutti gli allegati necessari occorrerà anche fare anche la Voltura catastale (solo di diritti catastali sono 70 euro). A mio parere è stato anche fin troppo onesto :ok:
     
  3. Sean

    Sean Membro Junior

    Non capisco quando scrivi: citati e allegati tutti gli atti di donazione con valore iniziale e valore alla data della morte. Quando mia nonna ha donato i suoi beni anni fa, i suoi 2 figli han pagato 1800 euro per tutto il lavoro. Quindi fammi capire, si dovrebbe pagare 2 volte? Per una quota che mia nonna ha ricevuto 2 anni fa ed ha pagato la sua parte di successione. Ora per essere passata ai figli si ripaga un altro migliaio?
     
  4. erwan

    erwan Membro Attivo

    non c'è che da chiedere altri preventivi....
     
  5. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Non me ne volere GRANATADOC.
    Se è solo la successione che dovete fare rivolgiti ad un sindacato (CISL, UIL e CIGL).
    Oltre alle spese che paghi tu direttamente all'Agenzia delle Entrate, non chiedono più di 250,00/300,00 euro.
    Avete tempo un anno per farla senza incorrere in more, parlo da chi prima di spendere dei soldi si informa per spenderne di meno.
    Il tecnico, o chi volete voi, per fare la successione dovrà compilare il "modello 4" dell'agenzia delle entrate in cui si iscrive chi è il defunto, il suo patrimonio, e chi sono i suoi eredi, poi dovrà compilare il modulo per pagare le relative tasse, poi dovrà procedere alla presentazione della variazione al catasto.
    Per un tecnico può darsi anche che € 650,00 siano oneste, per un cittadino, che magari se è fortunato guadagna € 100,00 lorde al giorno forse sono un poco eccessive (almeno è il mio caso). Credo che tutta l'attività non porti via più di un giorno di lavoro (e mi tengo largo).
    Prova a seguire il mio consiglio e vedi se c'è questa grande differenza per l'attività professionale (le tasse, aprescindere da chi fa la pratica, sono quelle).
    In bocca al lupo.
    Luigi
     
  6. GRANATADOC

    GRANATADOC Nuovo Iscritto

    Capisco che forse spendere meno sia sempre la cosa migliore ma in tanti casi si è speso male. Nel senso che mi è capitato di dover riparare ad errori commessi appunto dai vari sindacati (CAF, CGIL, CIS, ecc..) e la spesa è stata poi superiore al preventivato. A volte la complessità della Successione richiede per l'appunto la mediazione di un tecnico esperto; in questo caso si parla di donazioni che andranno dichiarate con tanto di valore iniziale e finale. Poi il mercato è libero, ci mancherebbe; ognuno può scegliere la strada che ritiene più conveniente.
     
  7. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Non si tratta di una donazione, ma di una successione, la nonna è morta senza lasciare detto nulla e quindi devono procedere alla successione.
    Per la questione che sollevi tu che devi stare dietro agli errori creati da chi non è esperto, potremmo stare a parlare per ore degli errori creati a me da un geometra considerato esperto . . .
    I componenti di ogni categoria sono diversi, ci sono quelli bravi e quelli meno, quelli superficiali e quelli che vanno a fondo. La fortuna è, come in tutte le cose, non pentirsi della scelta fatta dopo.
    Ciao
    Luigi
     
  8. GRANATADOC

    GRANATADOC Nuovo Iscritto

    Concordo su quanto hai detto 1giggi1.
    Però per precisione qui si parla anche di donazione.
     
    A 1giggi1 piace questo elemento.
  9. Sean

    Sean Membro Junior

    giggi, come ha detto granatadoc fu fatta una donazione con tutti gli oneri pagati al notaio del quinto che spettava a nonna di quella casa.(DONAZIONE DA NONNA AI 2 FIGLI). quando è mancato un altro germano scapolo si e fatta altra successione da lui ai 4 germani rimasti(nonna compresa) e quindi ora risulta dall ultima successione che nonna ha 1/4 di quella casa, ma dovrebbe essere 2/8 + 2/8 + 2/8 fra i germani + 1/8 a nonna + 1/8 tra i suoi 2 figli(mamma e zio). quindi chi ha omesso di trascrivere la donazione nella successione dell ultimo germano? di chi e la responsabilità?
     
  10. erwan

    erwan Membro Attivo

    non è esatto: i fratelli avevano ciascuno 1/5;
    alla morte di uno di essi tale quinto si è diviso in quattro (tanti erano i germani superstiti) e quindi la nonna ha ricevuto ed è titolare di 1/20

    :domanda:
     
  11. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Scusa sean forse ho frainteso, se alla fine della fiera tua nonna risulta proprietaria di 1/4 della casa invece che 1/20 allora il guaio lo ha fatto chi dopo la donazione di tua nonna ai figli non ha volturato bene al catasto (è qui il problema vero?). Le reali quote dovrebbero essere come tu dici 5/20 per i 3 fratelli 4/20 per tua madre e tuo zio e 1/20 per tua nonna.
    Se il notaio che ha eseguito l'atto di donazione è ancora in esercizio, rivolgiti a lui.
    Luigi
     
  12. erwan

    erwan Membro Attivo

    da quel che ho capito io PRIMA c'è stata una donazione dalla nonna ai figli di 1/5, con atto del notaio regolarmente trascritto e volutrato;

    POI è mancato un fratello germano, e così 1/20 del bene è andato alla nonna;

    ORA si è aperta la successione della nonna, nel cui patrimonio è rimasto quel ventesimo.

    se è così non capisco di che guai parliamo e cosa c'entri il notaio che ha fatto l'atto di donazione...
     
  13. Sean

    Sean Membro Junior

    allora prima c e stata donazione di 1/5 della casa da nonna ai figli, trascritta dal notaio, poi morendo una altro germano scapolo fu fatta la successione della quota del germano ai 4 germani viventi, successione fatta da un altro germano, questo germano certo non sapeva che nonna aveva già donato il suo quinto iniziale, quindi su questa successione è scritto 1/4 per tutti e quattro, ma della quota donata da nonna 2 anni prima non risulta nulla ai figli. il geometra, non sapendo della donazione, vuol fare successione di 1/4 da nonna ai 2 figli, questo e il fatto. io da ignorante non so cosa cambi, certo è che avrei quindi speso soldi inutili per il notaio anni fa. Voi poi parlate che con la donazione oggi doveva risultare 1/20 a nonna e 4/20 ai 2 figli, potreste spiegarmi bene questo frazionamento? credevo che oggi nonna avesse la quota del fratello scapolo defunto e mamma e zio avessero quella donata in precedenza, oppure con la morte di quello zio oltre nonna anche loro han avuto automaticamente una parte di quella quota?
     
  14. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Siamo passati dal primo post in cui si chiedeva dell'importo per fare la successione alla domanda finale di chi ha sbagliato in una ipotetica donazione nella successione.
    Se la nonna risulta proprietaria di 1/4 del bene non è corretto, deve risultarne solo per 1/20.
    Occorre conoscere: Dove risulta che tua nonna è proprietaria di 1/4 del bene? se è al catasto contattate il notaio che ha fatto la donazione e dite di rettificare dall'attuale 1/4 ad 1/20, se il notaio non è per qualsiasi motivo reperibile allora occorre un tecnico che con l'atto di donazione alla mano rettifichi la quota di proprietà.
    La situazione attuale vede proprietari i 3 fratell della nonna per 5/20 ciascuno, 4/20 la madre e lo zio e 1/20 tua nonna.
    Fatta la successione per tua nonna la situazione sarebbe che i fratelli avrebbero sempre la stessa quota mentre la madre e lo zio avrebbero insieme 5/20 ed individualmente 5/40.
    per erwan, il problema è questa differenza iniziale di quote di proprietà ed anche, per me, l'errata distribuzione finale fatta da Sean.
    Luigi
     
  15. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Tua nonna aveva 4/20 del bene (è la stessa cosa dire che aveva 1/5).
    Dona tale quota ai figli che avranno 2/20 ciascuno. L'atto di donazione doveva portare anche queste modifiche al catasto (ossia tua nonna non aveva quote ma le avevano i suoi due figli).
    Muore il fratello di tua nonna, tua nonna eredita 1/4 di quello che lascia tuo zio (infatti gli eredi ora sono 4), ossia 1/20 di tutto il bene (5/20 ai tre fratelli, 4/20 a tua madre e tuo zio, 1/20 a tua nonna).
    Ora la successione dovete farla solo per 1/20 di tua nonna e alla fine (dopo questa ulteriore successione) risulteranno, tua madre e tuo zio insieme, proprietari di 1/4 del bene totale, ossia 1/8 ciascuno.
     
  16. erwan

    erwan Membro Attivo

    concordo con i conteggi di giggi qui sopra

    se non lo sapeva avrebbe dovuto accorgersene dal certificato catastale, a meno che questo non riportasse il passaggio della donazione....
    il fatto che neppure il geometra lo abbia rilevato (da una visura storica ad esempio) mi fa sospettare che sia così.


    assolutamente no!
    è l'atto del notaio che fa conta (insieme alla sua trascrizione), e non quello che c'è scritto in ditta catastale e che si potrà correggere facilmente.
     
  17. Sean

    Sean Membro Junior

    grazie a tutti per le informazioni, stasera sarò dal geometra e vediamo lui come la pensa, speriamo che ciò che dice coincida con ciò che avete detto voi, anche perchè vedo che ognuno ha una sua teoria.
     
  18. erwan

    erwan Membro Attivo

    le teorie sono tante perché diverse sono le ipotesi sulla situazione, che non conosciamo con sicurezza;
    per il resto non mi pare ci siano divergenze.
    il geometra sarà comunque sicuramente in grado di orientarsi e consigliare il da farsi.
     
  19. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Dunque andiamo per tappe

    1) Decesso della sorella nubile di nonna
    va in successione l'intero immobile ed a favore dei 5 fratelli e sorelle
    con il pagamento della successione si accetta l'eredità e al momento della voltura catastale si dichiara che tutti e 5 gli aventi diritto hanno una quota indivisa pari a 1/5.

    2) La nonna decide di donare quanto di sua proprietà sia terreni che fabbricati ed in questo rientra il quinto dell'immobile sopra, il notaio al catasto per la voltura che l'immobile è per 2/10 ciascuno i 4 germani e 1/10 ciascuno mamma e zio.

    3) Decesso di altro germano celibe/nubile e va in successione il suo 2/10 che si ripartira per i tre germani e rientra nonna nella proprietà, chi ha fatto la successione che pagandola si accetta al momento della voltura al catasto si deve indicare complessivamente la quota che aveva e quella che acquisisce sia per chi è dichiarato in successione e sia per chi non lo è, che in definitiva verrà 10/40 i tre germani, 2/40 la nonna, 4/40 mamma, 4/40 lo zio.

    4) Decesso di nonna va in successione solo i 2/40 dell'immobile poiche la stessa ha già donato quanto aveva lei nel 2008, e succedono a questi 2/40 solo tua madre e tuo zio, presentando e pagando tale successione di quota si accetta la stessa, al momento della voltura al catasto per effetto del principio sopra in definitiva i tre germani superstiti avranno 10/40 ciascuno, mamma 5/40, zio 5/40.

    Che dal passaggio n.3 ci siano stati degli errori di interpretazione delle quote per insaputa o mero errore si deve procedere a correggere la situazione delle quote dal passaggio 3 e poi presentare il passaggio 4.

    ciao salves
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina