1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. masagu

    masagu Membro Attivo

    Cari tutti,
    ho un dubbio relativo alle spese straordinarie deliberate dall'assemblea ma non da me e lo si evince nel verbale. Dopo la vendita dell'appartamento mi chiedo se queste spese straordinarie debbano comunque da me essere pagate oppure tocca al nuovo proprietario pagarle visto che adesso si accantoneranno le cifre per poi eseguire i lavori il prossimo anno probabilmente.:occhi_al_cielo:
     
  2. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se l'assemblea ha deliberato dopo il rogito (quindi non da te) le spese saranno a carico del nuovo proprietario.
     
  3. masagu

    masagu Membro Attivo

    No condo prima del rogito e io non ero d'accordo e l'ho fatto mettere a verbale...
     
  4. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se la maggioranza ha approvato con il quorum relativo all'opera da fare e tu non eri d'accordo, tutto svolto prima del rogito, purtroppo per te le spese devi farti carico, salvo accordi con l'acquirente;

    In caso di vendita di un’unità immobiliare in condominio, nel quale siano stati deliberati lavori di straordinaria manutenzione o di ristrutturazione o innovazioni, in mancanza di accordo tra le parti, nei rapporti interni tra alienante e acquirente è tenuto a sopportarne i relativi costi chi era proprietario al momento della delibera dell’assemblea. Ne consegue che, ove tali spese siano state deliberate antecedentemente alla stipulazione dell’atto di trasferimento dell’unità immobiliare, ne risponde il venditore, a nulla rilevando che tali opere siano state, in tutto o in parte, eseguite successivamente, e l’acquirente ha diritto a rivalersi, nei confronti del proprio dante causa, per quanto pagato al condominio in forza del principio di solidarietà passiva di cui all’art. 63 delle disp. att. c.c. (Cass. Civ., Sez. II, n. 24654 del 3 dicembre 2010)
     
    A Ennio Alessandro Rossi piace questo elemento.
  5. masagu

    masagu Membro Attivo

  6. massandro6

    massandro6 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Precisa l'espressione 'dopo la vendita': che vuol dire?
    Voglio arrivare a dire che se l'appartamento non è più tuo tu non c'entri più per niente, no?
    E poi perché tu sei stato convocato per l'assemblea, se non eri più proprietario?
     
  7. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Dipende dalla tipologia di spese deliberate. Se si tratta di innovazioni o semplici abbellimenti e non di spese necessarie, magari per manutenzioni straordinarie, l'essersi dissociato comporta la non imputabilità delle spese, né al vecchio, né al nuovo proprietario.
     
  8. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    se le spese straordinarie sono state approvate prima della vendita, indipentente se eri d'accordo o meno, sono tuo carico, anche se non ancora eseguite, salvo aver evidenziato nel preliminare al nuovo acquirente quanto deliberato e non ancora eseguito
     
  9. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il primo comma dell’art. 1121 c.c. stabilisce che, qualora un’innovazione comporti una spesa molto gravosa o abbia carattere voluttuario rispetto alle particolari condizioni e all’importanza dell’edificio, e consista in opere, manufatti o impianti suscettibili di utilizzazione separata, i condomini che non intendono trarne vantaggio siano esonerati dal contribuire alla spesa. Se l’utilizzazione separata non è possibile -precisa il secondo comma di detto articolo- l’innovazione non è consentita, salvo che la maggioranza dei condomini che l’ha deliberata o accettata si faccia integrale carico della spesa. L’onere di provare che si tratta di spesa gravosa o voluttuaria è a carico del condomino che intende sottrarsi alla contribuzione.
     
  10. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sarebbe bene sapere quali sono le spese straordinarie approvate, perchè non è detto che siano innovazioni, ed in seconda battuta siano ad utilizzazione separata (gravose e voluttuarie).
    P.es. la messa in opera dell'ascensore è innovazione ad utilizzazione separata, ma il rifacimento della facciata, oppure la tinteggiatura delle scale non è innovazione ne ad utilizzazione separata.
     
  11. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    E infatti nel mio primo post ho iniziato dicendo «Dipende dalla tipologia di spese deliberate»
    :stretta_di_mano:
     
  12. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ok, attendiamo la specificazione del tipo di spese che l'assemblea ha approvato.
     
  13. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    ma come si può pretendere di avere risposte certe con le domanda strappate in questo modo, sembra che costino così tanto evidenziarle nei topic che inviate al forum?
     
  14. massandro6

    massandro6 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    E' vero, siamo bravi, ma ancora non riusciamo a leggere nel pensiero della gente!
     
  15. masagu

    masagu Membro Attivo

    Le spese straordinarie approvate dall'assemblea ma non da me sono la tinteggiatura del vano scale, il rifacimento delle tabelle millesimali e l'adeguamento a norma per salire sul tetto dell'edificio. A quest'ultima spesa però, a detta dell'amministratore, non potevo votare contrario in quanto obbligatorio per legge a meno che l'assemblea tutta non era d'accordo. Adesso mi chiedo queste spese i cui fondi saranno raccolti durante questo anno ma eseguite a metà del prossimo a chi spetta pagarle visto che ho già venduto? A parte l'adeguamento a norma spesa per la quale non ho potuto votare contrario ma le altre spese devo pagarle io anche se non ne usufruirò? :occhi_al_cielo:
     
  16. massandro6

    massandro6 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    La risposta è anche nell'atto di compravendita. Lì è indicato chi dei due contraenti (venditore e acquirente) deve pagare.
     
  17. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    se quando avete fatto l'atto di compravendita avete citato queste spese da fare sono a carico dell'acquirente, se nella valutazione era compreso di queste spese da fare è a carico del venditore, tutto dipende dagli accordi che sono stati concordati
     
  18. masagu

    masagu Membro Attivo

    ok adime chiaro...grazie a tutti :ok:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina