1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. franz371

    franz371 Membro Ordinario

    Scusate e non sorridete, per la domanda sciocca: ma ho sentito spesso della parola spesometro.
    In termini spiccioli nel caso di acquisti del valore superiore a 3500 euro si tratta di una comunicazione che deve essere fatta dal compratore/ acquirente o diciamo dal negoziante/prestatore di servizi?
    Grazie per avermi risolto il dubbio e scusate ancora per la domanda.
    :)
     
  2. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Sotto la voce spessimetro si identifica uno strumento di monitoraggio delle spese di una persona fisica. Lo scopo è di verificare che alcune tipologie di spese siano conformi al reddito dichiarato.
    Una Colf, un cavallo in proprietà, un natante, figli che frequentano una scuola privata, vacanze alle terme, acquisto di gioielli e via dicendo, sono dei rilevatori di ricchezza.
    Naturalmente sono sistemi empirici di mascherare una inefficienza del sistema a fare una corretta attività riservata ed investigativa sull'evasione/elusione.
    Chi abita a Genova o Trieste o altre città di mare, facilmente ha un barchino ma non
    è necessariamente un evasore ne un ricco.
    Chi manda i figli in una scuola privata, solleva la comunità di un costo e probabilmente si accolla un sacrificio economico, senza per questo essere necessariamente un milionario.
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  3. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Lo spesometro va a sostituire il vecchio elenco clienti/fornitori. Saranno tenuti all'invio di detto adempimento quasi tutti coloro che esercitano attività imprenditoriali, professionali, commerciali (chi ha partita IVA) e non solo per operazioni sopra i 3500 euro, ma per fatturazioni di qualsiasi importo (per i corrispettivi solo quelli che superano i 3600 euro). I privati e utenti finali non devono fare assolutamente nulla.

    Le spese elencate fanno parte del "redditometro" (o riccometro o poverometro, dico io,) che vanno appunto a monitorare le spese sostenute annualmente da qualsiasi famiglia. Sul sito dell'ADE esiste un programma che simula appunto il redditometro ed è "anonimo" nel senso che i dati inseriti non dovranno essere inviati e non perverranno all'ADE per un possibile controllo. Saluti.
     
  4. franz371

    franz371 Membro Ordinario

    A me interessava, solo capire se era qualcosa che riguardava gli acquirenti di cose e servizi (come me :) ) o i "diciamo" i venditori i prestatori di servizi ... Quindi da quello che mi dici io non devo fare niente ma spetta solo ai "venditori di cose o servizi" ... Bene :)
    Una cosa in meno da fare
    :)
    Thanks.
     
    A essezeta67 piace questo elemento.
  5. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
  6. franz371

    franz371 Membro Ordinario

  7. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Infatti, è una comunicazione che riguarda le operazioni rilevanti ai fini IVA, per cui ne sono obbligati i soggetti IVA e non di certo i soggetti privati/consumatori finali.:)
     
    A franz371 e Adriano Giacomelli piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina