• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

cec

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buongiorno,
mi trovo in zona rossa. A breve dovrò recarmi nella mia seconda casa fuori comune (stessa provincia) per ritirare le chiavi dai vecchi conduttori e firmare il rilascio immobile. Dovrò far imbiancare la casa, cambiare alcuni arredi, pulire tutto e consegnare le chiavi ai nuovi inquilini ad inizio aprile.
Considerando che resteremo ancora in rosso (spero almeno in arancio fra qualche settimana) mi confermate che sono tutti spostamenti necessari ed urgenti?
Dovrò andare per diversi giorni ma rientrerò ogni sera alla mia residenza (già preparato autocertificazione con visura abitazione e recesso conduttore).
Trovo però scritto: "Bisogna inoltre dimostrare di essere proprietari o affittuari da una data antecedente il 14 gennaio 2021" questo ok per me; ma i ragazzi che prenderanno il mio immobile avranno dei problemi?
Il loro contratto sarà datato fine marzo e si trovano attualmente in altro comune dove continueranno a mantenere la residenza.
Nel DPCM di ieri non ci sono nuovi riferimenti specifici, quindi ho riletto l'ultimo di Conte.
Grazie.
 

BeppeX88

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buongiorno,
mi trovo in zona rossa. A breve dovrò recarmi nella mia seconda casa fuori comune (stessa provincia) per ritirare le chiavi dai vecchi conduttori e firmare il rilascio immobile. Dovrò far imbiancare la casa, cambiare alcuni arredi, pulire tutto e consegnare le chiavi ai nuovi inquilini ad inizio aprile.
Considerando che resteremo ancora in rosso (spero almeno in arancio fra qualche settimana) mi confermate che sono tutti spostamenti necessari ed urgenti?
Dovrò andare per diversi giorni ma rientrerò ogni sera alla mia residenza (già preparato autocertificazione con visura abitazione e recesso conduttore).
Trovo però scritto: "Bisogna inoltre dimostrare di essere proprietari o affittuari da una data antecedente il 14 gennaio 2021" questo ok per me; ma i ragazzi che prenderanno il mio immobile avranno dei problemi?
Il loro contratto sarà datato fine marzo e si trovano attualmente in altro comune dove continueranno a mantenere la residenza.
Nel DPCM di ieri non ci sono nuovi riferimenti specifici, quindi ho riletto l'ultimo di Conte.
Grazie.
Preoccupati per te. I ragazzi faranno le loro autocertificazioni
 

BeppeX88

Membro Attivo
Proprietario Casa
non mi hai risposto né per me né per i ragazzi. E' un dubbio che volevo togliermi. Comunque grazie lo stesso
Per te la motivazione "potrebbe" essere valida. Se trovi una pattuglia pignola, prima di fa 400 di multa e poi ti fa tornare indietro anche se hai l'autocertificazione. Sui controlli a posteriori credo poco. Certo che se ti muovi in area rossa la probabilità di incontrare più pattuglie di varie forze dell'ordine è molto alta. La certezza che non ti facciano una multa non può dartela nessuno, neanche il comando dei vigili urbani. Io penso di no ma la pelle è la tua
 

Aidualc

Membro Attivo
Professionista
I ragazzi non credo avranno bisogno di fare avanti e indietro per giorni come te. Cerca di organizzare le cose in modo da fare con loro contratto e consegna contestuale e registrare nell'immediato. Il problema delle date ante 14/01/2021 è più che altro riferito ai contratti turistici.
Ancora meglio potresti, se fattibile, fare il contratto prima della consegna e registrarlo così quando vi vedrete per le chiavi avrete già le carte a posto.

Io per alcuni inquilini che venivano da fuori regione ho fatto così, di recente.
 
  • Mi Piace
Reazioni: cec

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
i ragazzi che prenderanno il mio immobile avranno dei problemi?
Potresti sottoscrivere con i nuovi futuri inquilini un preliminare in cui si specifica (oltre a quanto concordato circa il canone, ecc) anche la data di stipula del contratto di locazione.
Potete fare tutto a distanza scambiandovi le mail.

Quando vi sarà l'incontro tra te e loro per le firme e consegna chiavi, i ragazzi potranno allegare all'autocertificazione il preliminare.
 
  • Mi Piace
Reazioni: cec

cec

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ultimo dubbio: l'attività di tinteggiatura/imbiancatura è fra quelle permesse in zona rossa? Non ho trovato nulla a riguardo e naturalmente dovrei chiamare una persona per fare questo. Grazie
 

cec

Membro Attivo
Proprietario Casa
Potresti sottoscrivere con i nuovi futuri inquilini un preliminare in cui si specifica (oltre a quanto concordato circa il canone, ecc) anche la data di stipula del contratto di locazione.
Potete fare tutto a distanza scambiandovi le mail.

Quando vi sarà l'incontro tra te e loro per le firme e consegna chiavi, i ragazzi potranno allegare all'autocertificazione il preliminare.
Si, in realtà ho già preparato il contratto ed inviato x mail. Avevo intenzione di portarlo al momento della consegna delle chiavi e registrarlo il giorno successivo alla consegna on line. Registrarlo prima della loro firma e della consegna chiavi no.
Il problema sono i numerosi viaggi che dovrò fare io!
 

cec

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ancora meglio potresti, se fattibile, fare il contratto prima della consegna e registrarlo così quando vi vedrete per le chiavi avrete già le carte a posto.
Io per alcuni inquilini che venivano da fuori regione ho fatto così, di recente.
No registrarlo prima della consegna chiavi no, vedi mia risposta ad @uva!
 
Ultima modifica:

cec

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ultimo dubbio: l'attività di tinteggiatura/imbiancatura è fra quelle permesse in zona rossa? Non ho trovato nulla a riguardo e naturalmente dovrei chiamare una persona per fare questo. Grazie
Ho chiamato la loro associazione di categoria, mi hanno detto che possono lavorare anche in zona rossa ma non hanno saputo indicarmi il riferimento. Boh
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Registrarlo prima della loro firma e della consegna chiavi no.
Assolutamente: non si deve fare!
Prima le parti, locatore e conduttore, firmano il contratto.
Solo dopo le firme si procede alla registrazione all'Agenzia delle Entrate.

Forse @Aidualc si riferiva alle firme elettroniche che permettono di formalizzare la stipula del contratto a distanza. Ma pochi privati cittadini (soggetti senza partita IVA) hanno attivato questo servizio.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
possono lavorare anche in zona rossa ma non hanno saputo indicarmi il riferimento
Durante il primo lockdown rigoroso di marzo-aprile 2020 il riferimento era il codice Ateco. I vari Dpcm elencavano i codici delle attività consentite e quelli delle attività sospese.
Prova a consultare le norme emanate dal nuovo Governo per vedere se hanno mantenuto lo stesso criterio.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
L'anno scorso quando avevo dei dubbi su cosa si poteva fare e cosa no telefonavo alla Polizia municipale del Comune interessato. Quasi sempre mi hanno dato risposte esatte.
 
  • Haha
Reazioni: cec

Aidualc

Membro Attivo
Professionista
Sì, esatto, mi riferivo a firma elettronica o firma alla presenza di collega in sede a distanza con documenti di riconoscimento alla mano.
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto