• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Giorgia Fagnano

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Buongiorno, so che ci sono altre discussioni in merito allo spostamento dei cavi Enel ma, a parte la lettura dei vari articoli di legge, non sono comunque riuscita a trovare una sorta di soluzione al mio caso. Siamo da poco diventati proprietari di un rudere che dovrà essere demolito per poi procedere ad una nuova costruzione. Abbiamo già pagato le famose 122,00 euro per un sopralluogo da parte di un tecnico esterno Enel e ci ha consigliati di chiedere un preventivo per lo "spostamento/demolizione di impianti di rete alimentati in bassa tensione". Il prezzo chiesto è di una cifra spropositata ed, inoltre, da quanto scritto nel preventivo, le spese per gli scavi (perchè vorremmo l'interramento dei cavi), sono a spese nostre.
Il precedente proprietario non ha mai firmato autorizzazioni su servitù e tantomeno lo abbiamo fatto noi. Infatti, sull'atto di acquisto non ci sono scritti inerenti alla servitù da parte di Enel.
Inoltre, sulla lettera arrivataci a casa allegata anche al preventivo, l'Enel ci richiede appunto, di sottoscrivere la servitù.
A questo punto, posso procedere ad una lettera scritta in via informale da recapitare all'Enel impugnando i sensi dell'art. 122 del RD n.1775/33 di cui hanno parlato altri utenti su discussioni simili alla mia? Oppure devo rivolgermi direttamente ad un avvocato?
Grazie in anticipo per eventuali risposte in merito.
Buona giornata!
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
A questo punto, posso procedere ad una lettera scritta in via informale da recapitare all'Enel
Puoi spedire tutte le lettere che vuoi ma per ottenere cosa?

Il precedente proprietario non ha mai firmato autorizzazioni su servitù e tantomeno lo abbiamo fatto noi. Infatti, sull'atto di acquisto non ci sono scritti inerenti alla servitù da parte di Enel.
Rileggi meglio il rogito....magari trovi una frase che simile a questa:
"il terreno/immobile vine ceduto con tutte le servitù descritte o apparenti"

Dubito che Enel sia arrivata nottetempo per completare una linea in BT.
Se poi tale linea serviva esclusivamente il "rudere"...è ovvio che il permesso sia stato firmato da chi ha richiesto la fornitura.

Magari anche chi ti ha venduto a sua volta a comprato con la linea esistente.

In ogni caso tale "servitù" si sarebbe usucapita la permanenza.
 

Giorgia Fagnano

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Puoi spedire tutte le lettere che vuoi ma per ottenere cosa?



Rileggi meglio il rogito....magari trovi una frase che simile a questa:
"il terreno/immobile vine ceduto con tutte le servitù descritte o apparenti"

Dubito che Enel sia arrivata nottetempo per completare una linea in BT.
Se poi tale linea serviva esclusivamente il "rudere"...è ovvio che il permesso sia stato firmato da chi ha richiesto la fornitura.

Magari anche chi ti ha venduto a sua volta a comprato con la linea esistente.

In ogni caso tale "servitù" si sarebbe usucapita la permanenza.

Voglio ottenere l'interramento delle linee senza dover cacciare più di 4mila euro solo per l'Enel. La linea non serve solamente la mia abitazione ma è un bel tratto. Sono cavi "poggiati" su questi pali di sostegno.
Rileggerò con attenzione l'atto e farò attenzione a quella frase.
Grazie.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Se sono pali dovresti chiedere di vedere l'autorizzazione alla posa in opera della linea da parte del proprietario del terreno e/o del fabbricato. Se uno dei precedenti proprietari ha accettato l'indennità e magari si è dimenticato di citare l'accordo nell'atto, avrai problemi a far spostare la linea. Credo che, se fosse sostenuta dal fabbricato che dovrà essere demolito, debbano staccarla per farti eseguire l'opera, salvo ripristinare la linea della servitù precedente. Per la questione legale ti consiglierei di sentire il parere di un legale, visti i tempi biblici ed i costi da sopportare per concludere la vicenda con un accordo.
 

Giorgia Fagnano

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Se sono pali dovresti chiedere di vedere l'autorizzazione alla posa in opera della linea da parte del proprietario del terreno e/o del fabbricato. Se uno dei precedenti proprietari ha accettato l'indennità e magari si è dimenticato di citare l'accordo nell'atto, avrai problemi a far spostare la linea. Credo che, se fosse sostenuta dal fabbricato che dovrà essere demolito, debbano staccarla per farti eseguire l'opera, salvo ripristinare la linea della servitù precedente. Per la questione legale ti consiglierei di sentire il parere di un legale, visti i tempi biblici ed i costi da sopportare per concludere la vicenda con un accordo.

Buongiorno, non ci sono autorizzazioni scritte in merito alla posa in opera da parte dell'ex proprietario. Sull'atto di acquisto dell'immobile non sono riportate autorizzazioni ed eventuali servitù da parte di Enel. Il palo non è sostenuto dal fabbricato che dovrà essere demolito ma è nelle vicinanze. Per quanto riguarda il parere legale, mi hanno detto di scrivere una lettera informale all'enel citando i vari articoli di legge.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Inoltre, sulla lettera arrivataci a casa allegata anche al preventivo, l'Enel ci richiede appunto, di sottoscrivere la servitù.
Solo ora ho notato quest'affermazione.
Con questa richiesta l'enel riconosce che non esiste alcuna servitù, tant'è che te ne chiede l'autorizzazione. Ora sei tu ad avere il coltello dalla parte del manico. Puoi pretendere che spostino i cavi che ostruiscono il tuo intervento, perché non hanno alcun diritto.
 

Giorgia Fagnano

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Si ma sempre ai sensi dell'articolo 122 del regio decreto?? Il preventivo Enel ha validità 6 mesi. M lei ha spesso scritto che i loro tempi sono biblici. Scrivo una lettera e poi eventualmente, contatto un legale?
 

Giorgia Fagnano

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Solo ora ho notato quest'affermazione.
Con questa richiesta l'enel riconosce che non esiste alcuna servitù, tant'è che te ne chiede l'autorizzazione. Ora sei tu ad avere il coltello dalla parte del manico. Puoi pretendere che spostino i cavi che ostruiscono il tuo intervento, perché non hanno alcun diritto.
Si ma sempre ai sensi dell'articolo 122 del regio decreto?? Il preventivo Enel ha validità 6 mesi. Ma lei ha spesso scritto che i loro tempi sono biblici. Scrivo una lettera e poi eventualmente, contatto un legale?
 

Th0r

Nuovo Iscritto
Professionista
Voglio ottenere l'interramento delle linee senza dover cacciare più di 4mila euro solo per l'Enel. La linea non serve solamente la mia abitazione ma è un bel tratto. Sono cavi "poggiati" su questi pali di sostegno.
Rileggerò con attenzione l'atto e farò attenzione a quella frase.
Grazie.
Non puoi obbligare l'interramento, ma il passaggio per la tua proprietà non puoi impedirlo. il proprietario del terreno ha l’obbligo di consentire il passaggio degli impianti di pubblica utilità. Al limite ti metteranno un bel palo in mezzo al giardino oppure fanno passare il cavo di lato al tuo immobile
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Non puoi obbligare l'interramento, ma il passaggio per la tua proprietà non puoi impedirlo. il proprietario del terreno ha l’obbligo di consentire il passaggio degli impianti di pubblica utilità. Al limite ti metteranno un bel palo in mezzo al giardino oppure fanno passare il cavo di lato al tuo immobile
A casa tua chi entra deve chiedere permesso e se deve passare con una linea elettrica, la deve concordare, salvo non possa intervenire con apposita autorizzazione per pubblica utilità. Comunque non "a gratis".
 

Giorgia Fagnano

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Non puoi obbligare l'interramento, ma il passaggio per la tua proprietà non puoi impedirlo. il proprietario del terreno ha l’obbligo di consentire il passaggio degli impianti di pubblica utilità. Al limite ti metteranno un bel palo in mezzo al giardino oppure fanno passare il cavo di lato al tuo immobile
Forse non ha letto il post iniziale.
I pali e i cavi già esistono ed è già venuto il tecnico per il sopralluogo
Abbiamo chiesto un preventivo per spostamento/interramento linee aeree. L'importo è alto considerando che oltre alle spese che ci chiede l'enel, dobbiamo occuparci anche degli scavi.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Con questa richiesta l'enel riconosce che non esiste alcuna servitù,
Comprendo che il sospetto sia lecito...ma non metterei mai la mano sul fuoco (e parlo per esperienza diretta).

E' più facile che per le servitù "antiche"...facciano fatica a capire dove hanno archiviato i documenti...quindi sfruttano l'occasione per chiedere nuovamente un documento di cui in realtà non hanno nemmeno bisogno.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Comprendo che il sospetto sia lecito...ma non metterei mai la mano sul fuoco (e parlo per esperienza diretta).

E' più facile che per le servitù "antiche"...facciano fatica a capire dove hanno archiviato i documenti...quindi sfruttano l'occasione per chiedere nuovamente un documento di cui in realtà non hanno nemmeno bisogno.
Certamente, ma se accampano diritti li devono dimostrare, ancor più se loro stessi scrivono:
Inoltre, sulla lettera arrivataci a casa allegata anche al preventivo, l'Enel ci richiede appunto, di sottoscrivere la servitù.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Se linea/traliccio sono presenti da 20 anni non devono nemmeno ritrovare l'eventuale documentazione.
Nel momento in cui l'enel chiede di firmare l'accettazione della servitù, automaticamente sta dichiarando di non avere usucapito, giacché il suo diritto l'avrebbe già acquisito. Pertanto, il postante è in una botte di ferro.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
automaticamente sta dichiarando di non avere usucapito,
No.
La tua asserzione è priva di fondamento legale.
Fa il paio con quella di quanti affermano che chi si astiene dal voto in assemblea è come se fosse voto contrario (altri sostengono voto a favore)...oppure che se qualcuno ti accusa di un "misfatto" se non rispondi è una ammissione di colpa.

Si dichiara solo ciò che il testo esprime direttamente ....non per ipotesi od esclusioni ...o interpretazione ambigua.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
La regola è che uno che ha acquisito un diritto per usucapione non deve chiedere che gli venga confermata da chi potrebbe rivendicarla.
Per poter vantare usucapione occorre il possesso pubblico, continuativo ed incontestato per almeno vent'anni. A quel punto se uno pone il dubbio sul suo diritto dimostra di non averlo acquisito. Senti un po il parere di qualche legale: io l'ho acquisito per esperienza.
 

Giorgia Fagnano

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
La regola è che uno che ha acquisito un diritto per usucapione non deve chiedere che gli venga confermata da chi potrebbe rivendicarla.
Per poter vantare usucapione occorre il possesso pubblico, continuativo ed incontestato per almeno vent'anni. A quel punto se uno pone il dubbio sul suo diritto dimostra di non averlo acquisito. Senti un po il parere di qualche legale: io l'ho acquisito per esperienza.
Può essere che, per un pò di pigrizia amministrativa, mi abbiano scritto senza nemmeno controllare che, vorrebbero questa servitù?
Sto ricevendo molte risposte ma tutte molto differenti tra loro.
Lei Sig. Gianco mi dice addirittura che sono in una botte di ferro, mentre, invece, il Sig, Dimaraz dice quasi il contrario.
Io con il nostro legale mi sono confrontata e mi ha detto che devo scrivere questa famosa lettera a titolo informale in cui chiedo che le spese vengano sostenute dall'enel ai sensi dell'art. 122 del regio decreto.
Il preventivo dell'Enel ha validità 6 mesi e noi non consegnamo ancora il progetto per le autorizzazioni. Non so se aspettare o scrivere lo stesso.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Le richieste non devono essere pubblicate nel box. Questo box può essere utilizzato per indicare una frase di accompagnamento ai messaggi.
buonasera..allo stato attuale abito con mia madre ..sono disoccuppata.
Quando mia madre sarà defunta questa casa dovrò dividerla con mio fratello.
Mio fratello percepisce una pensione di invalidità e ha un amministratore di sostegno.
Nel corso di questi anni mia madre ha accumulato debiti e quindi in caso di successione si ripercuoterà sugli eredi.
io posso decidere di pensarci se accettare l'eredità?quanto tempo?
Alto