1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. nicotropea

    nicotropea Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Salve,
    di un terreno la proprietà è così divisa:

    Mario 1/6 in comunione di beni (mio padre)
    Maria 1/6 in comunione di beni (mia madre)
    Antonio 1/6 in comunione di beni
    Antonia 1/6 in comunione di beni
    Pino 1/6 in comunione di beni
    Pina 1/6 in comunione di beni

    Mio padre è deceduto e devo portare in successione la sua quota del terreno. Qual è?
    1/6 oppure un 1/12?
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Come ne era divenuto proprietario? Con quale titolo?
     
  3. nicotropea

    nicotropea Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Del terreno mio padre è proprietario - con atto di compravendita - di 1/6 in regime di comunione.
    Ora mio padre è deceduto. Mia madre, mio fratello ed io dobbiamo portarlo in successione. Qual è la quota di mio padre da indicare?
     
  4. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Sia tuo padre che tua madre sono proprietari ciascuno di 1/6 in comunione dei beni. Pertanto assieme sono proprietari di 2/6 in comunione dei beni. Conseguentemente la quota di proprietà di tuo padre da indicare nella successione è di 1/6.
     
  5. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Mario in virtù del regime di comunione dei beni risulta proprietario di 1/12 suo + 1/12 sulla quota di tua madre = 2/12 = 1/6.
    Se Mario è morto senza fare testamento 1/3 di 1/6 cioè 1/18 spetta a tua madre: 2/3 di 1/6 spettano in parti uguali a te e tuo fratello quindi 1/18 a ciascuno di voi due.
    Se invece con il tuo scritto intendevi dire che tuo padre ha acquisito 1/6 in comunione dei beni con tua madre il calcolo si deve fare su 1/6:2= 1/12. Quindi 1/3 di 1/12 = 1/36 a tua madre e 2/3 di 1/12 : 2 = 1/36 a te e tuo fratello
     
    A nicotropea piace questo elemento.
  6. nicotropea

    nicotropea Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Fin qui è tutto chiaro. Quindi la quota di mio padre è di 1/12 perché il terreno è stato acquistato in comunione di beni.
    Non essendoci alcun testamento questo 1/12 verrà poi diviso tra mia mia madre, me e mio fratello: per un 1/3 ciascuno.
    Nella dichiarazione di successione perciò indicherò che la quota di mio padre che va in successione è di 1/12. Corretto?
     
  7. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    No, la quota di tuo padre da indicare in successione è 2x 1/6:2= 1/6.
     
  8. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    non ti sei accorto di questo
    il postante non ha scritto che la madre ha comprato anche lei 1/6 di terreno in comunione dei beni.
    Se fosse così hai ragione; tuttavia nella mia prima risposta ho contemplato tutte e due i casi.
     
  9. nicotropea

    nicotropea Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Mi correggo. E riformulo quindi la domanda...
    Mio padre Mario ha comprato 1/6 del terreno in regime di comunione di beni; mia madre ha comprato 1/6 del terreno in regime di comunione di beni. Entrambi con atto di compravendita.
    Nella dichiarazione di successione qual è la quota di mio padre da indicare?
    - In questo caso, grazie ai vostri interventi, credo che sia 1/6. Confermate?
     
  10. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    a questo punto direi di si evidenziando che l'ammontare è dovuto da 1/12 + 1/12.
     
  11. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ciò significa che in un acquisto di una quota x effettuato in comunione dei beni, si assume che x/2 sono del sottoscrittore della compravendita , e l'altro x/2 è del coniuge?
    A catasto come sarebbe stata rappresentata la titolarità, ante decesso, di questa quota X?
     
  12. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    se nel rogito è scritto che l'acquirente è coniugato in regime di comunione dei beni, oppure che il Signor X e la signora Y comprano assieme, anche se i soldi li caccia solo il marito o solo la moglie, si avrà registrazione sia alla Conservatoria dei Registri Immobiliari che al Catasto di proprietà a ciascuno dei due coniugi per 500/1000 (1/2).
    Fanno parte della comunione dei beni tutti gli acquisti effettuati durante il matrimonio dai coniugi, anche separatamente, con l'esclusione dei beni personali.
    Sono invece esclusi dalla comunione perché considerati beni personali quelli il cui coniuge era proprietario prima del matrimonio, quelli che ha acquistato, anche durante il matrimonio, ma per successione o per donazione e i beni di uso personale o che sono da considerarsi necessari per l'esercizio di una professione.
     
  13. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    si come si tratta di proprietà indivisa è come ha scritto il postante.
    Cioè 1/12 + 1/12 = 2/12 = 1/6
     
  14. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    È meglio fare riferimento all'elencazione presente nell'art. 179 c.c.
     
  15. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Grazie. Per la verità sapevo di questo effetto della comunione coniugale: ma non conoscevo come sarebbe stata impostata la voltura catastale, e come si sarebbe espresso il rogito: immagino che anche in quest'ultimo sia quindi esplicitato il risultato dell'acquisto, e che quindi compaiano come acquirenti entrambi i coniugi pro indiviso, e non solo uno dei coniugi.
     
  16. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    hai fatto bene a fare questa osservazione perché nel secondo comma dell'art. 179 si delinea la possibilità di escludere dalla comunione determinati beni immobili, o mobili registrati, mediante l'apposizione in sede di atto di acquisto della dichiarazione di esclusione; atto di acquisto cui dovrà necessariamente partecipare l'altro coniuge. L'effetto risultante sarà l'opponibilità ai terzi, ai sensi dell'art. 2647 del c.c..
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina