1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Ferny

    Ferny Membro Junior

    Professionista
    Sono un Agente Immobiliare ed un cliente mi ha conferito un incarico di mediazione scritto, non in esclusiva, per la vendita o l'affitto di un immobile commerciale. Quando l'incarico scritto è scaduto, è stato rinnovato verbalmente ed è tutt'ora in essere.

    Mi sono attivato per promuovere la vendita e la locazione, contattando oltre 12 potenziali clienti, accompagnandoli a visitare l’immobile e seguendo le trattative. Tutte le visite sono documentate con le relative Schede di Presa Visione, compilate e firmate dai clienti e sono state effettuate sempre alla presenza dei proprietari.

    Ora vengo a sapere che il mese scorso il cliente ha stipulato privatamente un contratto di affitto con opzione di acquisto a riscatto con il figlio di un Cliente da me già accompagnato a visitare l'immobile per 2 volte, a Maggio 2016 ed a Novembre 2017. Il figlio ha ovviamente lo stesso cognome del padre e svolge lo stesso tipo di attività.

    Se non erro, la legge prevede che il Venditore/Locatario debba comunicare immediatamente all’Agente l’accettazione di una proposta di acquisto o la stipula di un contratto di locazione. Prevede altresì che la provvigione venga pagata anche nel caso in cui il contratto dovesse concludersi dopo la scadenza dell’incarico di mediazione a soggetti che abbiano visitato l’immobile tramite l’Agente immobiliare ed è dovuta anche in caso di acquisto o locazione mediante trattativa privata, acquisto, locazione o opzione effettuato da altra persona, Ditta o Società riconducibile o collegata alla persona che ha visitato l’immobile.

    Per richiedere la provvigione dovuta ho necessità di dimostrare l'esistenza del contratto tra loro stipulato, ma all'Agenzia delle Entrate non mi hanno detto nulla e si sono rifiutati di consegnarmi una copia del contratto registrato.

    Come posso fare per procurarmi una copia del contratto??

    Grazie infinite a chi saprà consigliarmi.
    Fernando

     
    A Franci63 piace questo elemento.
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sei un "newbbio"?
    Se svolgi tale professione dovresti conoscere un minimo di "ferri del mestiere".
    Un rogito è un "atto pubblico" ed in quanto tale a disposizione di chiunque ne faccia richiesta.
    Svariati i modi per recuperarne copia...anche con i vari servizi online.

    A puro titolo di esempio:
    Copia Atti Notarili - Conservatoria

    ce ne sono altri.
     
    Ultima modifica: 7 Luglio 2018
  3. Franci63

    Franci63 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Questo è vero in linea di massima, ma il tempo trascorso, l’eventuale canone diverso, come altre condizioni contrattuali eventualmente differenti da quelle da te presentate rendono molto incerto l’esito di un’eventuale causa.
    Il fatto che sia il figlio il locatario è il minore dei problemi.
    Onestamente non sono sicura che valga la pena.
    Chi ti ha dato tutte queste informazioni, se non una delle parti ?

    Mi pare parlasse di affitto.
    Non mi pare che l’opzione sia trascrivibile.
     
  4. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Infatti. Ed è improbabile che sia stato stipulato per atto pubblico.
     
  5. Dimaraz

    Dimaraz Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Chiedo scusa...(settimana "febbricitante" in tutti i sensi e ora ne pago conseguenze) ...avevo dato attenzione solo alla parte iniziale dove indicava "vendita/locazione" e mi ero fissato con la prima.

    Se locazione non c'è atto pubblico e valgono le considerazioni che hai espresso.

    Azione non impossibile ma estremamente rischiosa:
    1-il mandato non era esclusivo
    2- spiega che il contraente sia si parente ma, trattandosi di attività, presumibile sia una diversa impresa/partita IVA.
     
    A Franci63 piace questo elemento.
  6. Ferny

    Ferny Membro Junior

    Professionista
    Quello che è stato stipulato tra le parti è un contratto di locazione commerciale con validità di 2 anni. Durante questo periodo il locatario ha la facoltà di acquistare al prezzo prestabilito.
    Mi risulta che i contratti di affitto debbano essere registrati obbligatoriamente.

    La domanda è come reperire una copia del contratto, visto l'ostruzionismo dell'Agenzia delle Entrate.
     
  7. Franci63

    Franci63 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Mi pare che il minimo sia 6 anni.
    A prescindere dalla materiale visione della copia del contratto, imbarcarsi in una causa dall’esito più che incerto non mi pare valga la pena.
    Erri, a maggior ragione senza esclusiva.
     
  8. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Soltanto su autorizzazione del tribunale competente, ex art. 18, comma 3, secondo periodo del TUR.
     
  9. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    La copia del contratto la possono richiedere solo i contraenti in quanto non è pubblico.
     
  10. Ferny

    Ferny Membro Junior

    Professionista
    Bene, assodato che la copia del contratto può essere richiesta solo dai contraenti, gli eredi, ecc. e visto che ovviamente il locatore ed il locatario non me la consegneranno di certo, cosa posso fare per tutelarmi e dimostrare che hanno stipulato privatamente?
     
  11. Dimaraz

    Dimaraz Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Forse non hai compreso il senso delle risposte...non puoi tutelarti.

    1-anche se avessi copia del contratto che hanno stipulato non hai modo di invocare alcuna commissione su un affare di cui non avevi l'esclusiva
    2-non lo hai chiarito (e magari nemmeno hai appurato) ma se il parente alias locatario fosse una ditta completamente separata da quella di chi ti ha firmato la Scheda non avresti nemmeno modo di affermare di aver contribuito all'affare.
     
  12. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Il rilascio di copie ad altre persone può avvenire, su autorizzazione del tribunale competente.
     
  13. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    E' notorio che il tribunale e le forze dell'ordine nell'esercizio delle loro funzioni abbiano accessi, preclusi ai comuni mortali.
     
  14. Dimaraz

    Dimaraz Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Diciamo che certamente i primi hanno il potere di imporre la consegna (più che l'accesso generalizzato)...ma per far ciò il "comune mortale" nello specifico dovrà intentare causa lamentando la lesione di un suo "diritto".
    Inizia quindi ad anticipare soldi in quella che potrebbe rivelarsi (al 00%) una causa persa.
     
  15. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ma non c'entra nulla.
    Il tribunale può autorizzare il rilascio della copia a persone diverse dalle parti contraenti, dei loro aventi causa o di coloro nel cui interesse la registrazione è stata eseguita.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina

  1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies.
    Chiudi