1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. babylory

    babylory Nuovo Iscritto

    Salve,
    mi sono appena iscritta al vostro forum, perchè ho un quesito che mi assilla:
    venuto a mancare mio padre, abbiamo ereditato il suo appartamento, quindi abbiamo fatto una successione, usufruendo dell'agevolazione prima casa, inquanto io ero l'unica senza proprietà,(mia sorella possiede 2 immobili) o meglio l'unica proprietà che avevo l'ho donata a mia figlia mantenendo l'usufrutto, ora che ho ereditato l'appartamento di mio padre, abbiamo deciso in comune accordo con mia sorella di non venderlo ne affittarlo ma di andarci a vivere io lasciando libera la casa dove vivevo a mia figlia che ha deciso di sposarsi, quindi abbiamo fatto una successione pagando il minimo, ho richiesto la residenza nella casa ereditata, e abbiamo stipulato un accomodato d'uso gratuito; adesso il mio dubbio è: ma potevo pagare le tasse sulla successione come prima casa, avendo un usufrutto, o dovevo prima togliermi l'usufrutto. Ditemi per favore se ho fatto le cose in regola, grazie mille.
     
  2. Fausto1940

    Fausto1940 Membro Attivo

    Penso che tu abbia chiesto l'applicazione della tassa fissa ipotecaria e catastale. Resta fermo che al momento avresti dovuto dichiarare l'assenza dell'usufrutto, che invece esiste. Anche in caso di successione, restano fermi i requisiti per l'acquisto della prima casa: quindi l'assenza di altri immobili che abbiano goduto di tali benefici e/o di diritti reali sui medesimi, quali l'usufrutto, l'uso o l'abitazione.
     
  3. babylory

    babylory Nuovo Iscritto

    Grazie, per avermi risposto,ma adesso cosa devo fare?
    Posso togliermi l'usufrutto, ora anche se la successione è stata fatta a febbraio?
    A cosa vado incontro?
     
  4. Fausto1940

    Fausto1940 Membro Attivo

    rieccomi!, Premesso che l'irrogazione delle sanzioni (dal 30 al 100% dell'imposta non versata) può essere notificata entro il 31-12 del quinto anno successivo a quello in cui è avvenuta la violazione (2011), puoi sanare la posizione - non essendoti stata anncora contestata tale violazione - mediante il "ravvedimento operoso" previsto dall'art. 13 del D. lgs 18-12-1997 n° 472, mediante il versamento della somma pari a 1/5 della sanzione fissata. Il ravvedimento deve essere concretizzato entro 1 anno dalla scadenza ordinaria. Ti consiglio di esporre la tua posizione all'agenzia delle Entrate del tuo territorio e provvedere in merito.
    Cordialità
     
  5. babylory

    babylory Nuovo Iscritto

    Grazie ancora per i consigli che mi hai dato.
    Provvederò subito a mettermi in regola con l'agenzia delle entrate,
    senza dimenticarmi di andare a ringraziare quel Bravo professionista che mi ha messo in questo pasticcio.
    Cordialmente.
     
  6. Fausto1940

    Fausto1940 Membro Attivo

    Guarda che il professionista (se lo è veramente, intendendosi per tale un iscritto a Ordine professionale), risponde per le sanzioni che deve rifonderti; il capitale (cioè l'imposta) e gli interessi (ben pochi) restano ovviamente a tuo carico. Se hai avuto la sfortuna di incappare in un esercente abusivamente la professione, non potrai far valere le tue ragioni nei suoi confronti
    Auguri e cordialità
     
  7. babylory

    babylory Nuovo Iscritto

    Eccomi ancora qui,
    questa mattina, parto convinta di sistemare tutto all'agenzia delle entrate di provvenienza, con tutta la mia cartella e originali di successioni. Ma... scopro di non poter fare nulla, mi dicono che non posso chiedere un "Ravvedimento Operoso" perchè non si tratta di calcolo sbagliato, ma di dichiarazione errata, inquanto ho dichiarato una cosa non vera, chiedo come posso rimediare all'errore e mi dicono che ci sono solo 2 modi: 1° aspettare che mi venga fatta la notifica (tra 5 o 3 anni) dove mi verrà conteggiato la differenza dovuta + il 30% di sanzione + gli interessi.
    2° - presentare una successione rettificativa, quindi versare solo la diferenza del dovuto, e poi attendere da parte loro la notifica con la sanzione e gli interessi.
    Possibile che non si possa mettere apposto tutto senza aspettare la notifica da parte loro con gli interessi, perchè essendomi accorta subito dell'errore non posso rimediare chiedendo lo sgravio della sanzione?
    Cosa mi conviene fare?
    Se presento la rettifica pagando la differenza c'è un modo per poter ottenere lo sgravio della sanzione?
    Così non ti danno via di uscita, hai sbagliato adesso paghi!!!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina