1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. soldatino

    soldatino Membro Junior

    Cari amici del forum, vi pongo una domanda forse un po' inusuale alla quale finora non ho trovato risposta. Se una persona riceve in vita un immobile in donazione, all'eventuale sua morte prima che siano trascorsi venti anni da tale fatto, i due figli unici eredi avrebbero poi i soliti annosi problemi in caso di vendita? In buona sostanza con la morte del donatario si estinguono tutte le difficoltà che lo stesso avrebbe avuto se, in vita, avesse voluto alienare l'immobile, o le stesse seguono gli eredi?
    Grazie
     
  2. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Analizza la posizione di chi ti ha donato l'immobile. Se chi ti fece la donazione, è morto, non ha pretendenti alla ipotetica eredità, il tuo timore viene sfatato.
    L'immobile di cui parli, sarà intestato ai tuoi figli e l'atto di provenienza sarà per "successione" -questo è il caso che tu stai immaginando- e quindi la provenienza è tranquilla.
     
  3. soldatino

    soldatino Membro Junior

    Adriano, grazie per la risposta ma le cose non stanno così. Abbiamo A che dona l'immobile a B, il quale ha due figli come unici eredi essendo morta la moglie. Quando A è ancora in vita, B muore e lascia l'immobile in eredità ai suoi due figli. C'è ancora qualcuno che può esercitare l'azione di riduzione su detto immobile?
    Grazie ancora
     
  4. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    A è in vita, suoi eventuali eredi diretti, quindi figli, potrebbero far rivalsa sulla quota ereditaria non rispettata. C'è da dire che i figli di B hanno ereditato regolarmente e quindi se A ha eredi che vogliono rivalersi (ipotesi 1) si trovano che il bene sul quale, eventualmente si volessero rivalere, è già stato ceduto regolarmente, quindi se A ha altre proprietà e se l'ipotesi 1 si manifestasse, dovranno aggredire altri beni.
    Insomma, come ti dicevo va analizzata la posizione di A, età, eredi diretti, azioni di rivalsa già avviata prima della premorienza di b dcc...eccc...
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina