1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. JUMPUG

    JUMPUG Nuovo Iscritto

    Buonasera,
    Morte di un genitore. Viene fatta una successione legittima per la moglie e i 3 figli.
    Per evitare costi elevati si è pensato di far fare dalla moglie una donazione a favore dei 3 figli e successiva ripartizione dei 3 immobili (1 per figlio indistintamente dal valore). È giusta questa modalità? Per risparmiare ci sono altre ipotesi? Dimenticavo vorremmo dare alla moglie l'uso frutto.
    Grazie
     
  2. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    La sucessione leggitima e/o legale non prevede ne la scissione tra usufrutto e nuda proprietà, ne l'assegnazione esclusiva di un bene ad un erede ma solo l'assegnazione indivisa della quota su tutti i beni cespiti della successione, può solo il coniuge superstite rinunciare e la sua quota si ripartisce ai figli.

    Per far si che ogni erede abbia un suo appartamento occorre recarsi dal notaio e procedere a rogito di divisione ereditaria.

    Per risparmiare si può chiedere l'agevolazione prima casa per ciascuno dei figli, sempre che la somma da pagare pari al 3% del valore catastale senza agevolazione supera 6x168,00 €.

    Ciao salves
     
  3. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Art. 69, comma 3 legge n. 342/2000:
    "Le imposte ipotecaria e catastale sono applicate nella misura fissa per i trasferimenti della proprietà di case di abitazione non di lusso e per la costituzione o il trasferimento di diritti immobiliari relativi alle stesse, derivanti da successioni o donazioni, quando, in capo al beneficiario ovvero, in caso di pluralità di beneficiari, in capo ad almeno uno di essi, sussistano i requisiti e le condizioni previste in materia di acquisto della prima abitazione dall'articolo 1, comma 1, quinto periodo, della tariffa, parte prima, allegata al testo unico delle disposizioni concernenti l'imposta di registro, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n. 131".
     
  4. Roberto Benenati

    Roberto Benenati Nuovo Iscritto

    Dopo avere presentato la successione per legge può essere valutata la possibilità di procedere a fare una divisione erditaria nella quale al coniuge superstite può essere assegnato l'usufrutto e ai figli la nuda proprietà delle abitazioni o di parte di queste.
     
  5. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Vale la pena ricordare che al coniuge superstite, anche quando concorra con altri chiamati, sono riservati i diritti di abitazione sulla casa adibita a residenza familiare e di uso sui mobili che la corredano, se di proprietà del defunto o comuni.
     
  6. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Con l'usufrutto interamente alla vedova, la stessa si ritroverà, ai fini IMU e IRPEF, con una abitazione principale e due abitazioni secondarie.
    Con la piena proprietà ai 3 figli (e con la residenza degli stessi in ogni rispettivo appartamento) essi possono usufruire di agevolazioni fiscali e ai fini IMU come abitazione principale. Saluti.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  7. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    tutto dipende se c'è la possibilità di fare 3 residenze di prima casa, quanti anni hanno i figli? possono essere indipendenti in tutto, solo così possono farsi la loro redidenza come prima casa e potranno essere agevolati in tutto:daccordo:
     
  8. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Sì è vero..ho dato per scontato che i figli fossero adulti.....
     
  9. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    dal punto di vista pratico si potrebbe far rinunciare all'eredità alla madre, i figli ereditano e poi procedono alla divisione, si evitano le imposte relative al passaggio dalla madre ai figli e i problemi legati alla donazione
    non so però se la madre si potra tenere il diritto di abitazione in una casa, il che potrebbe essere la quadratura
     
  10. erwan

    erwan Membro Attivo

    chi l'ha pensato? è un'idea del notaio? e se no il notaio che ne pensa?

    ;)

    che ne dici di adottare un avatar recante il motto "repetita iuvant"? :D
     
  11. fausto manca

    fausto manca Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Si può rinunciare all'eredità mantenendo il diritto di abitazione che é da qualificarsi legato.
     
  12. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Dici che la cosa "iuverebbe"? :)
     
  13. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    "Morte di un genitore. Viene fatta una successione legittima per la moglie e i 3 figli.
    Per evitare costi elevati si è pensato di far fare dalla moglie una donazione a favore dei 3 figli e successiva ripartizione dei 3 immobili (1 per figlio indistintamente dal valore). È giusta questa modalità? Per risparmiare ci sono altre ipotesi? Dimenticavo vorremmo dare alla moglie l'uso frutto."

    Non ho capito le risposte che sono state date. Io so che la legge non solo permette, auspica che le proprietà rimangano indivise qualora ci fossero le condizioni. A parer mio ogni figlio può intestarsi un immobile, essendo tre figli e tre gli immobili. All'agenzia delle entrate quello che preme è che le tasse vengano pagate. A questo punto si devono fare due conti: se un immobile è assai più costoso di un altro, si dovrebbe integrare il valore superiore con una somma da dividere con gli altri due fratelli. Vale la rendita catastale, ci si basa su questa. Quindi, valutando il fatto che si entra nella franchigia di un milione di euro, la scelta che ci pone chi ha aperto il post, è da assecondare. Si fa tutto ora senza rimandare alle calende greche. Certo che ci si deve recare ad uno studio notarile per rogitare il tutto. Il notaio valuterà il fatto che la madre rifiuta l'eredità a favore dei figli i quali, finalmente un caso in cui sono d'accordo! si intesteranno ciascuno un immobile. Ed è tutto fatto, pagando nel complesso il minimo assoluto.:-o

    p.s. con usufrutto che i figli concedono o addirittura come più sopra i saggi suggeriscono, non far nulla perchè la casa è legata alla moglie come abitazione coniugale.
     
  14. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Possibile solo... richiedendo la divisione ex art. 713 c.c. Quindi la proprietà non sarà più indivisa. :)
     
  15. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non mi arrabbio. E' solo per comprendere meglio: io ho sempre saputo che quando c'è l'accordo in sede di successione si può, al massimo con il reintegro di somme di danaro da dichiarare all'agenzia delle entrate per pareggiare le quote legali, dividere senza frantumare le proprietà. A parer tuo invece si deve fare la successione e poi eventualmente vendere e comprare le varie quote per riaccorpare le proprietà?
    io, leggendo anche in questo sito, sò che si può fare in sede di successione. chi sbaglia?
     
  16. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    In "sede di successione" e in mancanza di testamento l'eredità si devolve come stabilito dalla legge e non esiste nessun "accordo". Bisogna presentare la dichiarazione di successione, pagare le relative imposte e altri ammennicoli.
    Poi i coeredi potranno accordarsi come meglio credono per sciogliere la comunione ereditaria incidentale che si è creata. Quindi con il necessario intervento di un notaio potranno "sbizzarrirsi".
     
  17. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Se nell'eredità vi sono immobili non comodamente divisibili [560], o il cui frazionamento recherebbe pregiudizio alle ragioni della pubblica economia [722, 846] o dell'igiene, e la divisione dell'intera sostanza non può effettuarsi senza il loro frazionamento, essi devono preferibilmente essere compresi per intero, con addebito dell'eccedenza, nella porzione di uno dei coeredi aventi diritto alla quota maggiore, o anche nelle porzioni di più coeredi, se questi ne richiedono congiuntamente l'attribuzione. Se nessuno dei coeredi è a ciò disposto, si fa luogo alla vendita all'incanto [2646; c.p.c. 748, 788].

    qui si capisce perfettamente che la divisione è facilitata dalla legge quando avviene per intero. Ora il problema è: nel momento della successione non avviene già la divisione? i tre fratelli non avranno, di già, un terzo del primo del secondo e del terzo immobile? e non dovranno vendere ed acquistare le parti dagli altri coeredi? due vendono ed uno compra per ben tre volte, non ha senso se la legge privilegia la divisione per intero! Bah! forse faccio una folrzatura scambiando i termini successione e divisione. però io credo che successione e divisione avvengono ugualmente, nel modo come lo indichi, per ben due volte.
    la successione, nel modo come appare nelle risposte, opera un frazionamento che la legge non approva pienamente.
     
  18. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se così fosse, non ci sarebbe stato bisogno d'introdurre nell'ordinamento il Capo I del Titolo IV del Libro Secondo del Codice civile. Ex art. 757 c.c. la divisione ereditaria ha però effetto retroattivo: ciascun condividente si considera unico e immediato successore nei beni costituenti la sua quota, dall'apertura della successione.
    In ogni caso, con il compimento della divisione ereditaria si passa dalla cointestazione pro quota per ognuno dei partecipanti alla comunione ereditaria, all'intestazione esclusiva di singoli diritti in capo a ciascun erede, proporzionalmente al valore della quota a lui spettante nello stato di indivisione.
     
  19. erwan

    erwan Membro Attivo

    non capisco bene il tuo punto di vista:
    se il de cujus non attribuisce specificamente beni e quote questi, per SUCCESSIONE, vanno agli eredi "pro indiviso";

    la DIVISIONE è il procedimento con cui i proprietari scioglieranno la comunione ereditaria tra loro.

    si tratta di due concetti ben distinti.
     
  20. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Infatti.
    P.S.: sarebbe meglio evitare il "null quoting". Altrimenti è difficile individuare il soggetto del quale "non capisci bene il punto di vista". :)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina