1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. pingo

    pingo Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Salve, mi scuso subito nel caso avessi aperto una discussione già esistente, ma non sono riuscito a trovare una risposta alla mia domanda, che è questa:
    Dovrei riscuotere la mia quota di un' eredità insieme ad un altro fratello, ma avendo pendenze con Equitalia, vorrei sapere come regolarmi per evitare che la stessa vada in loro mani. Posso "rinunciare" alla mia quota, magari a favore di mio fratello? Cosa comporta?
    Grazie a chi vorrà rispondermi.
     
  2. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    La rinuncia all’eredità?. Equitalia chiederà al giudice di subentrare nel possesso della quota in nome e per conto del chiamato rinunciante.

    La rinuncia con il beneficio di inventario? Ecco, questa potrebbe essere una buona idea. Nel caso però in cui il creditore sia un soggetto privato, interessato ad evitare un’attesa quantomeno decennale o ulteriori spese legali per una “actio interrogatoria” finalizzata a costringere gli eredi ad abbandonare posizioni dilatorie ed assumere una decisione in merito all’accettazione dell’eredità. Si potrebbe partire subito con una trattativa per una composizione stragiudiziale del contenzioso.

    Ma Equitalia, purtroppo, non è un creditore qualsiasi. Può aspettare e non fa accordi a saldo e stralcio (meno che con i potenti, si intende).
    (indebitati.it)
     
    A rita dedè e pingo piace questo messaggio.
  3. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se riesci ad entrare in possesso dell'eredità ed a venderla contemporaneamente dovresti essere in grado di distrarla con destrezza.
     
    A pingo e rita dedè piace questo messaggio.
  4. pingo

    pingo Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie per la risposta, comunque si tratterebbe in realtà di una certa somma, 30/40.000 euro. Nel caso come funziona? Mi verrebbero trattenute a monte, oppure l'innominata li chiederebbe direttamente a me?
     
  5. gigi10

    gigi10 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Mi permetto un commento: mi sembra che stiamo parlando di un reato, e quindi non mi sembra corretto che il forum rifletta sulle possibili scappatoie.
    Saluti
     
    A Ennio Alessandro Rossi e rita dedè piace questo messaggio.
  6. rita dedè

    rita dedè Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Gigi....... Effettivamente viva la verità!!
     
  7. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    @pingo. Come al solito mancano i particolari. Li ipotizzo io e nel caso mi correggerai.
    1) Sei tu, non il tuo de cuius, che ha una pendenza con la belva???
    La pendenza è reale o è contestabile??? Sei un imprenditore???
    Chi è il tuo vero creditore??? Se il de cuius fosse ancora in vita
    nulla potrebbe fargli la belva...salvo sue garanzie...Ed è questo
    che mi fa stare dalla tua parte, non in tutta, perchè quei risparmi di famiglia dovrebbero essere considerati come una polizza sulla vita che fino a ieri (dell'oggi non ho certezze) non era pignorabile:
    ai propisti puristi che mi pesteranno di improperi dico che sul lato morale si può accettare la forzatura di equiparare il liquido ad una copertura assicurativa virtuale??? Mi sono cacciato in un ginepraio
    ma mi appello agli "umanisti"...


    2) Se la tua quota è fatta solo di liquido (senza immobili) il custode
    (banca...posta...eccc...) esperite tutte le formalità (anche 6 mesi) dovrà giocoforza saldare il dovuto a ciascuno degli eredi o con un assegno o con un bonifico. Necessariamente devi avere un conto...

    3) Una volta sul conto ritiri tutto e lo chiudi o meno...

    4) Il denaro lo andrai a nascondere da qualche parte o a persona di assoluta fiducia (quasi introvabile), escludendo il fratello (è pericoloso) o altri parenti e affini. Un bel materasso nel dentro della sua imbottitura è forse l'unica soluzione più a portata di mano.

    5) Tutto questo prima che la belva se ne accorga..e per evitare ti converrebbe andare nella sua tana per chiedere una nuova riformulazione del debito accompagnata da un anticipo congruo e credibile...

    Se poi vi è un propista che nelle tue condizioni vada a denunciare alla belva che è in procinto di ereditare...ebbene mi vado a chiudere in un convento di puri FradJACOni e a scavare l'orto a mani nude.

    Anche il fisco come tanti deve rassegnarsi a crediti inesigibili...
    Resta la curiosità espressa all'inizio di come si sia formato
    il debito. Auguri. QPQ.
     
    A Gianco e pingo piace questo messaggio.
  8. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se non esiste un pignoramento il titolare può disporre del suo come vuole, anche se è consapevole del debito in essere. Pertanto, ritengo di non aver bisogno di imparare da nessuno come ci si deve comportare civilmente. Con la mia attività, certe consulenze per me sono all'ordine del giorno ed il consiglio è dovuto.
     
    A arciera e pingo piace questo messaggio.
  9. pingo

    pingo Membro Attivo

    Proprietario di Casa

    Grazie per la risposta, ma cerco di essere più preciso:
    Ovviamente le pendenze con la belva&company, li ho io.
    La mia parte del lascito è relativo ad una somma di circa 30.000 euro .
    In banca ci è stato detto che bisogna espletare, ovviamente, alcune operazioni, fra cui presentare all'Agenzia delle Entrate il "foglio 4", dove si dichiara praticamente la successione, quindi il nome di chi è deceduto e quello degli eredi...
    Ed è qui che vorrei sapere di preciso cosa succede. L'ufficio di cui sopra, che fa? Trasmette immediatamente alla belva i nominativi degli eredi? Lo fa contestualmente? In questo caso cosa succederebbe? Persi per persi, rinuncio a favore di mio fratello? Vi prego, rispondetemi, ne ho seriamente bisogno e sono disperato di vedermeli "soffiare" sotto il naso!
     
  10. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se la banca ti ha detto cosa devi fare, ritengo che la bestia abbia già messo le mani sul tuo conto con il pignoramento presso terzi. A questo punto non so se potresti prendere possesso dell'eredità e vendere immediatamente, realizzando prima che il tutto ti venga pignorato. Qui servirebbe il consulto di un legale. In questa comunità cene sono alcuni veramente preparati. Ma probabilmente se ancora non sono intervenuti, difficilmente lo faranno, perché questo messaggio non gli viene notificato. Pertanto ti consiglio di postare un altro quesito, specificando l'ipotesi che ti ho prospettato.
     
    A arciera, pingo e quiproquo piace questo elemento.
  11. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La situazione è infelice. Vi è solo la speranza che l'ADE non esamini in tempo utile la pratica. Essa dovrà, credo subito alla presentazione, restituire il modulo con il suo timbro. Si riporterà copia della stessa alla banca con gli altri documenti eventuali e la stessa con un funzionario amico potrebbe liquidare il dovuto prima che arrivi Equitalia che pur inglobata dal Fisco è comunque collocata da un'altra parte. E' una questione di tempo. per la rinunzia all'eredità credo come ha precisato @Gianco che occorra il parere di un avvocato...ma non ho molte speranze...il legislatore famelico non dimentica nulla. Comunque non perdere altro tempo. Scegli e poi opera. Auguri. qpq.
     
    A pingo piace questo elemento.
  12. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Io partivo dal presupposto, probabilmente errato che tu avessi il conto nella stessa banca e che essa avesse avuto un pignoramento verso terzi. Se non fosse così, ho sbagliato. Pertanto, ritengo che se presenti la denuncia di successione, meglio se la fa tuo fratello, appena ricevuta la copia autentica, che ti viene rilasciata immediatamente, correte in banca ad estinguere il conto, prelevando in contanti, se possibile o con un assegno circolare che farai intestare a tuo fratello o a te le tua metà. Poi, se hai un conto corrente non raggiunto dalla bestia, lo versi e te ne fai fare diversi intestati a chi vuoi tu. A questo punto si tratterà di farli incassare dagli intestati. Mentre, se l'eredità contempla anche beni immobili, stessa storia, dopo avere preparato i documenti necessari vai dal notaio e la vendi immediatamente.
     
    A pingo piace questo elemento.
  13. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    @Gianco. Bravo, Bravissimo. come minimo meriteristi un lauto pranzo con capretto e cannonau...se vieni a Torino ti posso offrire una abbuffata di mozzarelle di bufala campana prodotte nelle vallate del cuneese...ridete pure...è la pura verità (un salernitano doc ha spostato da Salerno a Cuneo 300 bufale con un risultato
    da non credere...sono buonissime anche in tante varianti...vi aspetto...)...E il purista tifoso di Equitalia se ne stesse tranquillo...
    Lo stato italiano (che poi significa Politici, Burocrati e produttori di milioni di parole al giorno...sanno fare solo quello ....parlare...parlare quasi sempre seduti per tenere calde le chiappe ricche di proteine...) non merita "tutta" la fedeltà tributaria che nonostante tutto la gran massa di cittadini osserva pienamente.
    Se qualcuno con l'aiuto di uno, dieci, cento, mille Gianco
    riesce a dribblare con un piccolo sgambetto la Belva onnivora potrà meritare un applauso compensativo. Cosa voglio dire???
    Ve lo dirò se me lo chiederete esplicitamente, altrimenti ricorrete alla fantasia da mille neuroni di FradJACOno. Aggiungo in chiusura che l'art. 524 del Codice civ. prevede l'impugnazione della
    rinunzia da parte dei creditori dell'erede...quindi anche della BELVA. Tanti auguri. QPQ.
     
    A Gianco, pingo, rita dedè e 1 altro utente piace questo messaggio.
  14. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Come capirete parteggio anche io. Sgombriamo il campo da impossibili reati. @gigi10 non si commette reato qui. Al massimo l'agenzia vorrà riavere indietro i soldi comprensivi di interessi. Se vi e' pignoramento certo che sarà difficile avere indietro i soldi. Se ci si riesce, il pignoramento non riguardava quelle somme, bensì solo il pignoramento di ciò che e' stato pignorato. Quindi mi pare che se io entro in possesso di una determinata somma e la giro a mia figlia, al massimo l'agenzia puo' invalidare la girata. Ma io non ho commesso reato perché quella somma non era pignorata. Insomma io persona umana non sono pignorato. Non si pignora una persona, si pignorano determinate cose, anche non tutte, quelle che l'agenzia crede raggiungono lo scopo per arrivate alla somma dovuta. Non anche il mio cuore o i polmoni. Forse....un domani....
     
    A Gianco, quiproquo e pingo piace questo elemento.
  15. gianni1964

    gianni1964 Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    salve, mi permetto di riprendere questa discussione perchè tutto sommato è simile al mio problema, leggermente diversa, quindi volevo porvi delle domande per "usufruire" del vostro sapere.
    Mia sorella per qualche anno è stata una coamministratrice di una società (ora sciolta) ma prima che avvenisse lo scioglimento è arrivata equitalia con delle cartelle esattoriali a carico dell'inps dove vengono contestati dei mancati contributi ( non so di chi siano le responsabilità, so solo che ci sono delle cause in corso tra i soci della ex società)..
    I guai per mia sorella che con la chiusura della società si è trovata praticamente al verde. Ora siamo un po preoccupati per questa situazione, prima perchè passeranno sicuramente degli anni prima che termineranno le cause con i rispettivi soci e secondo perchè nel frattempo equitalia andrà avanti col suo percorso.
    In famiglia abbiamo un appartamento di cui è intestatario nostra madre e tale appartamento verrà lasciato agli eredi ( ovviamente anche mia sorella) .. Onde evitare che equitalia possa avvalersi della quota di mia sorella, può bastare la solo rinuncia all'eredità per evitarlo? e tale rinuncia quando andrebbe fatta?
     
  16. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    No, subentrerebbe equitalia nella quota spettante a tua sorella. Sarebbe meglio che tua madre facesse o un atto di vendita con riserva d'usufrutto agli altri eredi o un testamento, che escluda la figlia che ha problemi, che potrebbe essere impugnato solo dalla stessa, avente diritto.
     
    A quiproquo piace questo elemento.
  17. gianni1964

    gianni1964 Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    cioe equitalia subentrerebbe nonostante mia sorella rinciasse all eredita? magari rinunciando gia da ora? ps cosa significa quando scrivi che il testamento puo essere impugnato solo dalla stessa avente diritto? grazie mille per la tua rislosta
     
  18. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Il testamento deve indicare i beneficiari, escludendo tua sorella. Quando verrà il momento detto documento verrà pubblicato e si potrà procedere alla dichiarazione di successione nel suo rispetto. Tutto va bene perché l'unica persona che può impugnare il testamento resta tua sorella che per i noti motivi si guarderà bene dall'opporsi.
    Infine, la rinuncia all'eredità la può sottoscrivere solo dopo il decesso del de cuius.
     
  19. gianni1964

    gianni1964 Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Grazie mille Gianco, ero convintissimo che la sola rinuncia all'eredità sarebbe bastata e grazie a lei ora so che non è cosi.. Pensi che un avvocato ( o presunto tale) mi disse che anche se mia sorella non rinunciasse all'eredità, equitalia non sarebbe potuta intervenire sulla sua futura quota dell'immobile.... ed è stato proprio questa sua analisi a spingermi nel chiedere lumi a voi
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina